venerdì 20 gennaio 2012

Forza d'urto a Palermo: 5° giorno di blocco (report foto)

Quinto giorno di protesta
Ultimo giorno di protesta ufficialmente qui in Sicilia.
Proviamo a capirci qualcosa:

Il Presidente della Regione Lombardo, in un comunicato stampa, ha dichiarato, come era prevedibile, di non avere il potere di assecondare le richieste dei manifestanti. Si legge nel comunicato stampa "Io sottoscrivo la fondatezza e la bontà delle ragioni che hanno ispirato questa protesta” ed inoltre "Lo incontrerò (Monti ndr) la settimana entrante e queste rivendicazioni saranno portate con forza e con determinazione come sono solito fare”. ed infine "E credo sia stato saggio dichiarare che stasera il blocco avrà termine perché se continua la protesta si ripercuoterebbe in maniera micidiale sui siciliani." (in realtà la dichiarazione in tal senso è stata inoltrata soltanto da alcune sigle di autotrasportatori, ndr).

I Forconi però non si accontentano, Mariano Ferro, uno dei leader più rappresentativi del movimento dei Forconi risponde "Siamo tutti d’accordo. Abbiamo fatto questa rivoluzione culturale per la Sicilia che vogliamo portare sino in fondo. Il sistema se ne deve andare a casa. Questa partita è diventata troppo grande. Se il governo nazionale e regionale sanno fare qualcosa benissimo, altrimenti vadano a casa tutti. Qui nessuno si vuole fermare".
Tuttavia per allentare la tensione annuncia: "Allargheremo le maglie – aggiunge – apriremo le raffinerie per rifornire gli ospedali non siamo imbecilli ma questa partita la giocheremo sino in fondo. Noi i presidi non li togliamo, ma io sono perfettamente d’accordo con Lombardo quando dice che bisogna rifornire di gasolio gli ospedali".


I Forconi apparentemente non intendono cedere, difficilmente torneranno nelle loro case senza aver ottenuto nulla, io credo. Purtroppo la mancanza di un governo "politico", se volete anche abile a prendere in giro la protesta, potrebbe anche fare la frittata e nella sua sorda alterigia esacerbare gli animi. Insomma sembrerebbe mancare al nostro tecnocratico esecutivo attuale, la necessaria sensibilità per gestire la vicenda in una situazione così delicata.
Vedremo...ma quello che è già successo, sarà ricordato a lungo in Sicilia. 





Tornando alla fredda cronaca di cui sono stato testimone. 
A Palermo nutrita manifestazione di giovani studenti che in corteo ha raggiunto, solidarizzando il picchetto degli autotrasportatori presso il Porto di Palermo (studenti e camionisti insieme, chi lo avrebbe mai detto!). Qui un video della manifestazione.
In questo frangente sono state bruciate delle bandiere italiane, mai visto nulla del genere in Sicilia, sono stranito! Sembra che la protesta si stia allargando ad altri strati della popolazione, perché questi non sono più i cosiddetti Forconi, sembrano più i figli della borghesia Palermitana sempre più consci del fatto che l'economia dell'isola sembra sempre più al tracollo.
Alla rotonda di via Oreto, un centinaio di manifestanti, coordinati dai Forconi si apprestano a causare l'oramai usuale rallentamento, con volantinaggio, alle auto che tentano di entrare in città.
Ma proviamo ad affrontare l'aspetto politico, che colore hanno i manifestanti?
I capi della protesta sono quasi tutti ex autonomisti fuoriusciti dal partito di Lombardo (il quale è un ex democristiano molto abile e pragmatico, si è alleato e lasciato con tutti i partiti in questa legislatura da sinistra a destra, rimanendo sempre in sella).
Il popolo dei Forconi è formato principalmente da delusi del centro-destra e dal fronte dell'astensione (molto forte in Sicilia). La sinistra classica ed istituzionale? Non pervenuta. Per quanto certamente tra i giovani studenti della manifestazioni di oggi molti lo fossero.
Ok andiamo al punto, volete sapere se ci sono rappresentanti di Forza Nuova? Si, ci sono, sono una decina senza insegne, ed appoggiano, accettati, con discrezione i Forconi. Personalmente la cosa non mi scandalizza, chiunque come privato cittadino può unirsi alla protesta, se ne condivide lo spirito e non ne snatura l'azione.  Anzi qualche giorno fa ho letto di adesioni da parte dello storico segretario regionale CGIL siciliana (ora in pensione), oltre che di anarchici libertari, e la cosa non può che farmi piacere. 
Volete sapere se ci sono mafiosi, come accusa la Confindustria? Apparentemente no, anche se qualche giorno fa ho visto qualche faccia truce. Tuttavia la mia esperienza mi dice che è più facile trovare un pericoloso mafioso a Palermo tra la gente cosiddetta "perbene" e con un bel posto sicuro, piuttosto che tra quelli che lavorano, lottano e protestano al freddo contro tutto e tutti. 
Ma se anche ci fosse tra i Forconi qualcuno di loro, pazienza, sopporto una pletora di mafiosi, camorristi e corrotti ai posti di comando dello Stato a cui verso i proventi del mio duro lavoro, sopporterò anche un manifestante "picciotto", che peraltro non mi chiede neanche il "pizzo"!



P.S.: Con gran tempismo l'Assessore al Bilancio della Regione Sicilia, ha appena deciso di aumentare l'addizionale IRPEF siciliana, dal 1.4 al 1.73 %, la più alta d'Italia.
P.S.2: Tutta la  Sicilia ha le sue colpe di fronte al fallimento economico e sociale che la sta attraversando, però   chi manifesta e protesta, potete starne certi, ha le minori responsabilità. I veri responsabili stanno al caldo.
P.S.3: Stasera andrà in onda, a partire dalle 20.30, sul canale satellitare Video Mediterraneo, un faccia a faccia tra Lombardo e Mariano Ferro.

4 commenti:

  1. L'Assessore al Bilancio della Regione Sicilia ha aumentato l'irpef?
    Cribbio!Questi politici sono sempre più una barzelletta vivente.
    Poveri noi!
    Mi domando perchè non eliminano gli sprechi come i vaccini contro il papilloma virus che
    costa alla regione sicilia 30 milioni?
    E per cosa? Per un improbabile rischio di sviluppare un tumore nelle donne?
    Ma non era meglio sviluppare un antivirale,anzichè,un vaccino?
    Eh,ti pareva! L'antivirale mica si vende a tutti,solo ai malati,mentre il vaccino lo si da solo ai soggetti sani che sono molti di più.
    Ormai siamo arrivati al paradosso di vendere medicinali ai pazienti sani quando non ci sono
    soldi neppure per aiutare i malati veri.
    Ma siccome paga pantalone.......

    Se poi ci mettiamo i rischi che corrono le ragazzine che sono state vaccinate non vedo dove sia l'utiltà di vaccini come questo.

    Cmq,ringraziamo il promotore,l'ex governatore Cuffaro, per questa spesa totalmente inutile.

    Curtis N.

    RispondiElimina
  2. mentre ci aumentava l'Irpef, però, Armao, mandava la fidanzata in centro a fare shopping con autoblu ed autista.
    Almeno sappiamo che qualcuno ha goduto del nostro lavoro.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01/20/sicilia-auto-accompagnare-fidanzata-magistrato-bufera-sullassessore-armao/185302/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho il sospetto che l'aumento dell'Irpef serva per pagare le spese delle autoblu.

      Curtis N.

      Elimina
  3. Armao: "il giornalista che ha curato il servizio è un cialtrone", e lo denunzia per diffamazione. Oltre a minacciare tutte le testate che hanno riportato la notizia.
    Giusto, di certe cose meglio non parlarne.

    http://www.palermoreport.it/notizie-in-primo-piano/187-la-replica-di-armao-alle-accuse-dellespresso

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.