venerdì 27 gennaio 2012

Forconi, che fare?

Visto "Servizio Pubblico" ieri sera? Mi pare che abbia, pur con tutti i limiti di un programma televisivo, dipinto bene la situazione. Le piccole e medie imprese produttive dei settori più esposti alla concorrenza globale non ce la possono fare con le condizioni imposte dallo Stato. Ancora meno quelle delle regioni periferiche, dove i costi di accesso al mercato globale sono ancora più alti sia per questioni geografiche che soprattutto logistiche ed infrastrutturali.

La cosa più grave è che la situazione, al punto in cui siamo, dopo anni di appelli caduti nel vuoto, si trova al limite di rottura. Non c'è liquidità, le piccole imprese non hanno soldi per continuare a reggere l'attività, ne glieli prestano al momento, anzi si trovano costantemente sotto il ricatto delle agenzie di riscossione.
La protesta non rientra statene certi, quando fette sempre più grandi di popolo non solo, non hanno più niente da perdere, ma neanche prospettive di un futuro migliore, cosa li dovrebbe trattenere dal protestare? 
Il volto rassicurante del Prof. Monti che ci dice che cresceremo del 10 % di PIL nei prossimi anni, grazie alle sue manovre. No, vi prego, prese per il culo già ne ho sentite tante, ora francamente sono stanco.
Un'altra cosa aggiungo:
Per chi dice, "ma come, solo ora"?
Si, i grandi mutamenti avvengono dall'oggi al domani, quando si rompe quel sottile equilibrio instabile che li ha per molto tempo trattenuti.
Oggi dovrebbe esserci una riunione dei Forconi in Sicilia, non è ancora chiaro né dove, né quando. Lì si farà un bilancio della protesta e si deciderà  il da farsi. Vi farò sapere, appena possibile, maggiori ragguagli, io naturalmente andrò.

Vi ricordo che le richieste ufficiali avanzate al premier, dai Forconi siciliani, sono le seguenti:


- Dichiarazione dello stato di crisi di tutto il comparto produttivo;

- Riduzione del prezzo del carburante;

-Sospensione dei pignoramenti, rifinanziamento delle aziende per due anni con prestiti agevolati;

- Eliminazione dell’ICI e dell’IMU sui fabbricati rurali e terreni;

- Blocco delle cartelle esattoriali e del fermo amministrativo dei mezzi di lavoro;

- Modifica dell’art. 36 dello statuto siciliano;

- Riduzione dei pedaggi sui traghetti per le merci siciliane da esportare al Nord;

- Utilizzo dei fondi comunitari ancora non spesi per finanziare le aziende;

- Riforma della politica comunitaria, blocco delle importazioni di grano, olio, ortofrutta, ecc… di cui la Sicilia è eccedentaria nella produzione;

- Obbligo nelle mense Ospedaliere e scolastiche di consumare prodotti agricoli siciliani possibilnente biologici;

- Riconferma delle giornate lavorative per i braccianti agricoli;

- Ripristino e finanziamento delle leggi sulle calamità naturali;

- Rispetto del contratto collettivo di lavoro dei braccianti agricoli.

Sono richieste valide solo per la Sicilia? Non credo (tranne qualcuna specifica). Sono comuni a tutti gli italiani che lavorano, producono e si sacrificano nella totale insipienza dello Stato.

21 commenti:

  1. Appello a Mariano: Monti sta giocando! Continuiamo la protesta! Tanto picchiarci non possono!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne sei sicuro?guardati un pò intorno,la comunità europea ci ha già ammoniti per il tono della protesta,ti consiglio di comprare un pò di cerotti e garze sè vuoi continuare la protesta(sacrosanta),poichè la prossima mossa di questi individui è passare al contrattacco,con ogni mezzo,sempre in nome della democrazia si intende!!!!!

      Elimina
  2. Caro Presidente Monti-Napolitano, è giunta l'ora di mettere in cantiere con estrema urgenza a mezzo decreto i tagli a tutte le consulenze esterne della pubblica amministrazione data la pletorica presenza di personale super specializzato già in carico alla pubblica amministrazione, tagli stipendiali alla politica tutta come anche ai Magistrati, ai Menager della pubblica amministrazione, ai dirigenti nazionali e regionali,ai pensionati d'oro ovvero a tutti coloro che percepiscono stipendi al netto d'imposte superiori a 2500 euro al mese. Ripristino delle aliquote IVA come volute dal legislatore nel 1972 ovvero: 4%, 10%, 18%, 38% per i beni di lusso; eliminazione dei doppi, tripli, quadrupli etc. incarichi pubblici, Valorizzazione di tutta la produzione alimentare e non (nazionale) con priorità massima per il consumo interno ovvero: dalle scuole agli ospedali, dalle mense industriali a quelle della pubblica amministazione tutta, riduzione delle accise affinchè la produzione nazionale in eccedenza possa essere competitiva con le produzioni di altri stati che con il nostro intrattengono rapporti protocollari di reciprocità.
    Tutto questo come primo passo per iniziarci a capire.
    Presidenti Monti-Napolitano vi auguro buon lavoro se vogliamo scongiurare la guerra civile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Capirci, tutto questo per iniziare a calmare la richiesta di giustizia di un popolo al 95% allo stremo della sopportazione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  3. Ma come ,proprio adesso doveva spezzarsi questa corda?risposta: c era proprio bisogno di tirarla così tanto?ecco,è saltato il banco,Monti stà solo prendendo tempo per permettere ai poteri forti(finanza )di trovare una scappatoia,quando la troveranno,rovesceranno il tavolo e buona notte ai suonatori.Nò la protesta non si fermerà,poichè la situazione è sempre più grave e riguarderà sempre più strati sociali del paese,la gente stà prendendo coscienza della realtà,ed è sempre più spaventata e arrabbiata,forse ci siamo,sembra chè il Portogallo stia peggio della Grecia e tengono la notizia segreta perchè tutto crollerebbe all improvviso,infatti è anche ufficiale(ma riservato)chè la Germania stia stampando MARCHI.(il cosiddetto piano B si stà materializzando).

    RispondiElimina
  4. Decreto subito.
    Monti, gli Italiani di faranno capire di che erba si fa la scopa!!!!!!!!
    Napolitano, se continua così il tuo senatore a vita Monti, credo che ne dovrai nominare presto un'altro!!!!!!!!!!!!!!!!
    Attenzione, queste considerazioni alla luce di quello che sta succedendo sulle strade e nelle piazze Italiane sono constatazioni di fatto non minacce.

    RispondiElimina
  5. i TEDESCHI HANNO SEMPRE stà MANIA DI FARE COSE DI NASCOSTO,nei buncher,sotto le montagne....prima facevano carriarmati ora stampano soldi.....
    Cmq della puntata di ieri sera mi è piaciuto il passaggio in cui l'operaio dell'alluminia gli ha detto all'ex Ministro 'non ci rompere i coglioni,ora parlo io',e quello si è alzato ed è andato a fare in ....'''.
    Mi sono sentito orgoglioso di quell'operaio....a questi politici gli pare ancora di parlare con quei leccapiedi dei sindacalisti che si spaventano come i cani con una battuta di piede!!!

    io penso che se ci saranno elezioni,qualcuno di questi politici spacchiosi che fa comizio,dal palco viene tirato giu dalla folla e picchiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì,quell operaio puzzava tremendamente di orgoglio e dignità,tanto era il tanfo chè Castelli non ha resistito.
      Non lo conosco, ma lo ringrazio di cuore,la trasmissione dopo la dipartita di Castelli era più,piacevole.

      Elimina
  6. Ok, torno giusto ora, dall'incontro con Lombardo, da parte di Forza D'Urto. In realtà Lombardo, manco si è degnato, ed ha mandato un suo vicario, tale Greco.
    Erano presenti i pescatori, forse quelli più operativi nelle rivendicazioni, gli autotrasportatori ed i Forconi.

    Ho l'impressione che ai pescatori siculi (capeggiati da (Licciardi e Micalizzi), almeno, qualcosa la danno.
    Per gli autotrasportatori (con Richichi), e per i Forconi (capeggiati da Ferro e Sgarlata), tutto rimandato ai tavoli tecnici con Monti. Ci vorrà almeno una settimana, prima di avviare la baracca.
    Stasera riunione a Catenanuova dei Forconi per decidere come tenere alta la pressione sul Governo e sui politici.
    Esclusi blocchi, soltanto azioni dimostrative, in questa fase.
    Ragazzi è un casino che manco ve lo immaginate.
    Ne ho viste tante oggi pomeriggio.

    RispondiElimina
  7. Voglione "prendere" tempo...
    Non facciamoci abbindolare mi raccomando!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabile, ma dobbiamo stare al gioco, al momento!

      Elimina
  8. Ricordatevi che gli interessi dei siciliani non passano attraverso quelli di una o due categorie.

    Ricordatevi che dietro un'estesa adesione al movimento si cela anche il fatto che i poteri politici hanno sciolto le briglie alle clientele per creare instabilità, per cambiare gli equilibri dei loro giochi politici.

    Ricordatevi che chi vi segue (escluso chi lo fa per opportunismo di categoria) conosce e condivide l'1% delle vostre finalità. Quindi informate meglio. Quando mi hanno fermato ad un blocco sulla Ragusana ed ho chiesto perchè la risposta è stata: perchè è meglio per te.. magari la prossima volta, oltre ai gilet fluorescenti fornire anche un Bignani tascabile sul perchè della rivolta.

    Ed infine, ricordate, che se non smettiamo di truffare lo stato ogni volta che ci concede un'agevolazione o un sostegno, forse è meglio, per il bene di tutti, smettere di chiederne.
    Siamo un popolo immorale, dobbiamo crescere e maturare, altrimenti anche il più valido dei progetti verrà contaminato dalla nostra disonestà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, capisco il tuo onesto ragionamento.

      Difendere le categorie produttive è difendere la Sicilia, a mio avviso. Loro creano ricchezza reale per tutti quanti.

      Vero, quel che dici, io nel mio piccolo provo a diffondere e spiegare le motivazioni. Purtroppo non è semplice per vari ragioni. E certo i Forconi stessi non sono esenti da colpe.

      Io penso che i truffatori debbano essere individualmente perseguiti, se ve ne sono. Non mi sembra giusto caricare indistintamente sulle spalle di una categoria (che non può neanche evadere) un peso fiscale insopportabile.
      Gli agricoltori, a me che ho fatto vari lavori in vari settori, mi sembrano la parte più sana della società (ma è una personale opinione naturalmente).
      Trovo dunque doppiamente ingiusto questo comportamento da parte dello Stato.

      Elimina
    2. Uno stato e il suo apparato burocratico che prelevano oltre il necessario dal ramo su cui sono seduti ,sono ingiusti e iniqui fin che il prelievo non incide su tenuta di ramo e puntelli che lo sostengono,diventano pericolosi quando oltrepassano il limite di prelievo sopportabile .ottusi e ignavi quando non si adoperano per scaricare l'eccessivo peso di parassiti e orpelli inutili che gravano sull'intero albero. sofisti quando puntano il dito esclusivamente sui topi che rosicchiano i puntelli e non colgono gli scricchiolii derivanti dal sovrappeso che vi grava.

      Elimina
  9. propongo un'altro punto: perchè non abolire la pensione di disoccupazione ed aumentare da contratto la paga a giornata per i braccianti agricoli? Facendo le cose per bene, i lavoratori porterebbero a casa gli stessi soldi, senza l'assurda mediazione assistenziale, i sindacati smetterebbero di pucciarci il pane, e tanti che truffano lo stato con finti ingaggi (datori di lavoro e dipendenti), magari si darebbero una regolata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me chi truffa va punito.
      La cosiddetta "disoccupazione" va eliminata? OK
      Però, almeno dategli un biglietto per emigrare a sta gente, perchè qui in Sicilia non c'è lavoro neanche sottopagato, altro che aumentare le giornate.

      E siate coerenti fino in fondo, eliminate pure la cassa integrazione, così sta Rivoluzione si scatena in 5 minuti e ci togliamo il pensiero.

      Elimina
  10. Il problema di questo paese è chè la colpa è sembre degli altri,non sono solidale con tè?la colpa è tua chè non ti spieghi:
    Sanità,istruzzione , sicurezza, e sostegno a chi è in difficoltà ,sono i pilastri principali,per definire un paese civile e democratico:
    La sanità italiana è al collasso,chiusura degli ospedali e riduzioni di personale
    Istruzione,maestri e professori sottopagati,aumento degli alunni per classe,edifici scolastifi fatiscenti,ogni tanto qualche ragazzo non torna a casa vivo
    Sicurezza,le forze dell ordine,non hanno neanche la benzina per le auto,sono avanti anagraficamente,e molti presidi sono stati chiusi
    Stato sociale,chì non ha un reddito è bello chè ridotto alla miseria e sè possiede qualcosa glielo prendono.
    Ora ,invece di pretendere chè al presidio di protesta ci siano il CICERONE di turno a spiegarvi le ragione della protesta,non vì sembra chè a parte i problemi di singole categorie,sia arrivato il momento di ribellarsi a questo sistemà-?
    AAA non siete al corrente chè quei pilastri li stanno demolendo?
    Be allora , facciamo così,anzichè guardare maria de filippi,grande fratello e la partita di pallone,guardatevi qualche programma di attualità,comprate qualche giornale ,(nò il corriere o la gazzetta dello sport)e cominciate ad informarvi,sapere è un diritto,ma informarsi è un dovere,poi sè non avete fegato per ribellarvi al sistema ,la colpa è vostra chè siete nate pecore,non di chì non vì spiega perchè si stà manifestando,naturalmente sò già di stare a parlare al vento,per alcuni non è,e non sarà mai il momento,grazie perchè cambiare ,avete vissuto fino ad oggi a scrocco,perchè complicarsi la vita incominciando a lavorare seriamente?e quando dico lavorare significa lavorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a chi ti stai rivolgendo? Chi è il tuo pubblico immaginario? Più che da rivoluzionario parli da golpista.

      meno arroganza forse renderebbe certe critiche al sistema un po' più accessibili anche a chi non ha il tuo livello di istruzzzzione.

      A meno che il tuo fine non sia quello di fare la rivoluzione, bensì di fare semplicemente il rivluzionario..

      Elimina
    2. Dove si mette il "mi piace" ;)?

      Elimina
  11. giusto per rimanere in tema:http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9779

    RispondiElimina
  12. aggiungiamoci pure questi.http://it.euronews.net/2012/01/30/sciopero-generale-belgio-paralizzato/

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.