sabato 28 gennaio 2012

Ecco Cosa Vi aspetta!

Cari consumatori cittadini, così impermeabili alle giuste e sacrosante rivendicazioni degli agricoltori italiani. Avete deciso di fare morire noi? Bene. Importerete da fuori, BRAVI!
Il menu prevede: pasta all'ocratossina e pasta al glyphosate.
Purtroppo non ho tempo, qui si lavora sul serio, altrimenti mi sarei sbizzarrito con un bel post.
Ma tante volte poche ma significative parole sono anche meglio.
Buon appetito!

19 commenti:

  1. Che disastro.....
    Tante volte come si è anche visto in passato è lo stesso popolo a condannarsi a morte.... Beata ignoranza! Sono deluso sinceramente!!

    Antudo!

    RispondiElimina
  2. http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20120127-abruzzo-regione-febbo-incontra-agricoltori-di-pratola-peligna

    RispondiElimina
  3. La pasta al glifosate? Ehehe...
    siamo passati al terrorismo mediatico.

    RispondiElimina
  4. Si consiglia di condire con sugo di pomodoro al decis e basilico al rogor

    RispondiElimina
  5. Béh, intanto Casillo rischia quattro anni di galera per del grano importato dal Canada. Sono i soliti giudici d'assalto?

    RispondiElimina
  6. A quanto ho capito il reato commesso da Casillo non è aver importato grano con residui di glifosate oltre i limiti di legge.

    p.s. vado matto per la pasta al glifosate con salsa di pomodoro al decis e basilico al rogor, perfetto con una spruzzata di imidalcoprid. Consiglio vivamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti il link si riferisce al grano all'ocratossina importato dal Canada (se pigi e leggi). Le analisi sulla presenza di glyphosate neanche le fanno, perchè neanche sanno che il grano lo fanno maturare artificialmente.

      P.S.: magari ti fa anche bene. Il piccolo problema è che in Italia nessuno ha mai fatto alcuna ricerca sul contenuto residuo di gliphosate nella pasta. E visto che se ne mangia tanta, non sarebbe da sottovalutare.
      Per molto meno c'è chi vuole importare il mais OGM.

      Elimina
    2. Che io sappia l'ARPA svolge indagini annuali sui residui di pesticidi negli alimenti. Che studio vorresti che si faccia? Direi che il problema delle fumonisine è in generale più concreto di quello del glifosate, e sappi che il mais OGM viene già IMPORTATO. Adesso vado che non ho tempo da perdere a discutere con un duro come te.

      Elimina
    3. Sulle importazioni sono i laboratori delle dogane che dovrebbero farle. Nei loro protocolli nessuna traccia.

      Elimina
    4. Scusa, intendevo importazione della semente di mais.
      Cioè la sua coltivazione in Italia.

      Elimina
  7. Ma non hai ancora imparato cos'è un ip? ;) Ciao mitico

    RispondiElimina
  8. devo confessare chè il chietino, è sotto il profilo industriale e quello agricolo è una provincia baciata dalla buona sorte,i nostri politici sono stati meno delinquenti degli altri,però il resto dell abbruzzo è nei guai,e adesso cominciamo ad essere in affanno anche noi,poi sè febbo riesce a fare qualcosa io sono Napoleone,

    salve skep,sì ,sù certe cose hai ragione,l agricoltura intensiva a causa dei bassi prezzi,non può permettersi perdite(idem per la zootecnia)e allora la chimica la fà da padrone,però pure tù chè insisti co sto cazzo di granturco,io mangio derivati di mais 2-3 volte l anno(polenta)la verità è chè mi piace molto il condimento(sugo con salsiccia di maiale),però il grano lo mangio 3-4 volte al giorno,quindi ,capiamoci bene,in quel mais almeno chè non ci sia streknina,sarei in grado di sopportare anche sostanze fortemente intossicanti,,ma una minima contaminazione del grano,a fronte della mia (e di tante altre milione di persone) forte esposizione ,potrebbe procurarmi seri problemi,poi,per cortesia,siii un pò serio,l ARPA!!!!!lo strumento musicale? a nò quell ente regionale?cosa farebbe questo ente? controlla?cosa controlla? la sicurezza alimentare?smettila di drogarti e cercati un lavoro serio,queste allucinazioni potrebbero causarti seri problemi.MI stai diventando simpatico,sento di poterti recuperare.dopo la crisi mi dedico al tuo recupero,promesso.ciao.

    RispondiElimina
  9. senti l'unico da recuperare sei tu con le tue stronzate e la tua arrogante pretesa di avere opinioni sensate su tutto. E non ho nient altro da dire, il mais non l'ho tirato fuori io. No tu mi non mi sei simpatico affatto.

    RispondiElimina
  10. Caro anonimo di minghia, con il mal comune mezzo gaudio nonsi và da nessuna parte, ricordalo.
    Sul fatto che in Italia si utilizzano sostanze chimico-preventive e chimico-nutritive bè dovremmo fare seri controlli in modo da certificare onestamente il prodotto buono e, bruciare quello cattivo.
    Pre la prossima inserzione, prima di sparare minghiate pensa!!!!!

    RispondiElimina
  11. Daccordo con quello che dite, ma nessuno è sceso in piazza a protestare per questo. Tranne voi probabilmente.
    Intendo dire che nussuno ha a cuore il fatto che ci siano delle cose sbagliate, in generale, da aggiustare. Da bravi siciliani affamati facciamo casino perchè ci preoccupiamo di placare il brontolio della pancia con un pugno di briciole. Briciole contaminate di ocratossina ovviamente.

    RispondiElimina
  12. Anonimi scusate, potreste farvi riconoscere con un nick o una firma, altrimenti non si riesce a seguire nulla.

    RispondiElimina
  13. Skept ti stavo provocando. Tu fatti riconoscere, però, da tutti.

    Ma se avessi voluto fare terrorismo mediatico avrei direttamente inserito nel menù il mais OGM.

    E' indubbio che molti paesi esportatori hanno una minore sensibilità nei confronti della sicurezza delle produzioni agricole, rispetto a chi le importa e le consuma in grandi quantità.
    Io ritengo che noi agricoltori italiani siamo, sia a causa di norme molto restrittive su tanti aspetti che di un grande senso di responsabilità, sollecitati a produrre con maggior attenzione.
    Penso che a parte gli aspetti squisitamente economici, la qualità e la salubrità dei prodotti agricoli subirà una degenerazione se noi verremo messi fuori mercato.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.