mercoledì 22 maggio 2013

Iniziata la trebbiatura in Sicilia...ma stasera all'improvviso è tornato l'inverno!!

Il corrispondente del blog dal fronte Sud-Orientale mi informa che due giorni fa è iniziata la trebbiatura in Sicilia. Per quel che ricordo dovrebbe trattarsi di un record di precocità.





Mi ha anche mandato le foto, ma a causa della connessione di fortuna di cui dispongo al momento non posso  proporvele. 
Il territorio da cui si è iniziato a trebbiare è come ogni anno Gela parte costiera (esattamente contrada Settefarine). Perché così anticipato?
Béh varietà ed epoche di semina sempre più precoci, piogge con il misurino per tutto l'anno in questa parte della Sicilia, ed il consueto sport autolesionista locale "dai fuoco al grano del tuo vicino": hanno spinto molti agricoltori a rompere gli indugi. Molte decine di ettari trebbiati ma non so dirvi altro, se non genericamente che le rese sono buone per la zona.
Nei prossimi giorni se riscalda un po' (qui fa freddo al momento, con una escursione termica di -15° tra la mattina ed il pomeriggio, e pioviggina), la trebbiatura partirà in grande stile, e dovrei potervi fornire qualche dato probante e qualche prezzo sotto la trebbia.

In generale annata buona qui in Sicilia mi sembra, anche se probabilmente inferiore, in alcune zone, all'anno passato che fu eccezionale. Ho visto malissimo soltanto i ringrani (massacrati dal mal del piede) nella parte Occidentale dove si è assistito ad un inverno piovosissimo ed i seminati medio tardivi che si sono beccati quasi due mesi di asciutto (da inizio Aprile) e ne hanno sofferto.


7 commenti:

  1. gino agricoltore pugliese23 maggio 2013 11:16

    sta notte sul tavoliere sono caduti 50 mm di acqua, il grano si è quasi tutto allettato e penso che la trebbiatura si sposterà in avanti di un po

    RispondiElimina
  2. Confermo, il mio pluviometro segna 48 mm in poche ore, praticamente più acqua di quanta ne ha fatta negli ultimi 3 mesi.
    Questo comunque potrebbe favorire le rese nelle zone del tavoliere più in quota (tipo il subappennino) dove generalmente il gd è più indietro, in media di almeno una settimana o due; queste zone potrebbero trarre un grosso giovamento da questo diluvio, che invece potrebbe essere un po' troppo tardivo per gli altri.

    Anche le varietà tardive potrebbero essere avvantaggiate rispetto a quelle precoci....

    Per il resto, ho sentito parlare anche di grandine.... a qualcuno risulta?

    orzo

    RispondiElimina
  3. ok...falso allarme, qui si è continuato a trebbiare da mezza giornata in poi...ho parlato con un trebbiatore (chi meglio di lui), rese buone ma inferiori dal 10 al 20 % rispetto all'annata eccezionale dell'anno scorso, peso ettolitrico mediocre, colore buono, granella sana.

    Prezzi alla trebbia intorno a 24 €/q.

    Gasolio agricolo a 0,91 ivato. Preso oggi.

    RispondiElimina
  4. grazie delle informazioni che date,siete di supporto continuamo sempre così.

    RispondiElimina
  5. nel nord italia le temperature sono scese in picchiata, neve a quote medie, chi sa come influirà il clima sulla produzione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginevra sembra avere anticipato pure qua. Appennino marchigiano. Sembra inverno pieno. Dipende dallo stadio fenologico e dalla durata di queste temperature. Nel mio caso, fioritura avanzata per i più tardivi non avviene l’ allegagione. Comunque si perde in produzione e si allunga il ciclo.
      “Se sbaglio mi corrigerete ……”

      Elimina
    2. leggendo il commento di toni mi viene da chiedervi una cosa:avete mai dato del boro al grano x favorirne la fioritura e l'allegagione? è una prova che vorrei fare l'anno prossimo abbinandola al trattamento fungino

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.