venerdì 10 febbraio 2012

Partono i futures Canadesi ma con sorpresa finale!

Ed alla fine i Canadesi hanno mantenuto le promesse, il primo contratto futures sul grano duro è diventato operativo. Dal 23 Gennaio 2012 come preannunciatovi nel post "L'ultimo estremo tentativo per salvare il CWB",
l'ex borsa merci di Winnipeg (Ice Futures Canada, controllata dalla holding Intercontinental Exchange, partner della Borsa di New York) ha avviato la quotazione di contratti a termine per le operazioni di compravendita di frumento duro in Canada
Il riferimento del contratto future sarà il Canada  Western  Amber Durum (CWAD) n.1 FOB (free on board) nella regione del Par (Saskatchewan, West of Moose Jaw and south of Saskatoon, and at Saskatoon.)
La valuta di riferimento è il dollaro canadese ($CAN), contratto minimo 1000 q, con escursione massima giornaliera di 4$ al q. I contratti hanno varie scadenze, in questo momento si quotano da ottobre 2012 ad ottobre 2014.
Qui troverete la schermata con le quotazioni. Le quotazioni intraday saranno presenti soltanto nelle ore di apertura del mercato (dalle 15:00 alle 22:00, per noi italici, più o meno) e probabilmente dietro registrazione . Al momento potete consultare le quotazioni giornaliere pigiando sul tasto della schermata "3 months" e troverete il grafico dell'andamento.
La prima quotazione registrata all'apertura (il 23 gennaio) è stata di 259,00 $CAN/t con scadenza ottobre 2012, mentre ieri si sono raggiunti i  269,00 $CAN/t, con un trend in aumento. D'ora in avanti, nella colonna a destra nel blog, nell'elenco quotazioni troverete la voce "Futures grano duro Canada", cliccate sopra per accedere alla schermata future.
Al momento con l'attuale tasso di cambio  269,00 $CAN   corrispondono a 203,44 €/t.
I volumi degli scambi sono comunque ancora bassi per essere ritenuti attendibili dagli analisti. 
Il grano duro fisico pronta consegna porto di San Lorenzo (FOB) ieri invece quotava 422$CAN/t.
Ricordo che di tutto il grano duro scambiato nel Mondo, le esportazioni Canadesi rappresentano la metà del mercato.  Secondo alcuni commentatori canadesi i futures sul grano duro sarebbero stati implementati per venire incontro alle esigenze di un grande importatore italiano (?!).  
In ogni caso in Canada al momento la confusione regna sovrana, in quanto insieme a questo mercato liberalizzato futures coesiste ancora il vecchio CWB  statale che ancora non è chiaro quale destino subirà.
Intanto una sorta di movimento Forconi dei farmers canadesi, cerca disperatamente di difendere il buon vecchio Canadian wheat board (CWB). Questo è il sito, oramai è chiaro per ogni agricoltore del globo: il libero mercato globale ci trasformerà tutti in poveracci, gli uni contro gli altri!




12 commenti:

  1. grande confusione regna in tutto il mondo del grano secondo me' nel breve e' medio periodo conviene fare vendite scaglionate iniziando dalla trebbiatura

    RispondiElimina
  2. Mà i 2 meccanismi anche sè come sembra il CWB opererà solo fino ad agosto ,ad oggi possono coesistere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comunque io preferisco questa versione,http://www.youtube.com/watch?v=QJ8SBXGxBJ8&feature=related,mà,fino a quando si trova uno strumento ,tipo i contratti di filiera,tiriamo la carretta,dopo la lasciamola precipitare nella scarpata.
      PS qualche novità sulla pac?

      Elimina
    2. Non posso darti torto.

      Bah, sui contratti di filiera non vedo tutto questo consenso da parte degli agricoltori. A parte te, ancora non ho letto apprezzamenti. Probabilmente nella tua zona funzionano, ma non ne farei un modello di sviluppo generale.
      Per quello che mi propongono qui in Sicilia, facendo bene i conti, se va bene, guadagno quanto andare sul mercato.
      I contratti di filiera che ho visionato tutelano l'agroindustria, e vincolano l'agricoltore.
      Per me l'opzione migliore resta sempre quella vecchia. Immagazzinare in proprio se si hanno disponibilità e strutture. Solo così controlli il tuo prodotto e vai sul mercato con piena dignità.

      PAC in alto mare, secondo molti addetti ai lavori è perfettamente inutile andare avanti con i dettagli tecnici della riforma, se prima non si definisce il problema del budget.
      L'Europa ha sempre più il braccino corto, a questo punto molti chiedono che sia votato prima il bilancio e poi si va avanti. Non si esclude che possa slittare di un anno.

      Elimina
    3. I contratti di filiera ,sono un pò particolari,i primi anni costano qualcosa in più di un buono mercantile,poi la differenza è ben compensata,certamente chè ci sono dei vincoli,dipende anche da chi li propone,,poi io faccio anche i ceci con pre-contratti,dovremmo iniziare anche con orzo,pisello proteico e farro.avere un minimo garantito al raccolto ti permette di affrontare la gestione della coltura con più scioltezza,i concimi sono essenziali per avere quantità e qualità,quando cè incertezza sul prezzo,a volte si finisce di tagliare proprio su questi,e il raccolto si compromette.Io non immagazzino più,il contratto di filiera segue una strada sua,il buono mercantile prendo l ultima quotazione di bologna della settimana,.

      Elimina
    4. A proposito di ceci, qui in Sicilia vanno al momento da 1€/q a salire.

      Elimina
    5. Sbaglio o volevi dire 100Eqt?io ho venduto alla raccolta a 50E e ho rifatto il contratto con minimo garantito alla raccolta E45,da noi quest anno erano di piccolo calibro,e di qualità mediocre.

      Elimina
    6. si, esatto, 100 €/q. Tutti vogliono seminare cece quest'anno. Non se ne trova più da noi.

      Elimina
    7. Che produzioni si ottengono per ettaro?

      Elimina
    8. 15-20 q/ha dalle mie parti, ma senza concime.

      qui trovi un pò di discussioni passate sul cece.
      http://durodisicilia.blogspot.com/2011/10/il-cece-in-sicilia-le-mie-esperienze-di.html

      Elimina
  3. Ad Agosto finisce ufficialmente il monopolio. Il prossimo raccolto i farmer potranno scegliere se vendere ai privati o al CWB.
    E' previsto un periodo transitorio di 5 anni. Poi il CWB potrebbe anche chiudere definitivamente.

    RispondiElimina
  4. Un fallimento sinora i future Canadesi pochissimi scambi.
    Gli agricoltori non si fidano, e gli speculatori li ritengono poco speculativi, in quanto non è possibile comprare e vendere nello stesso giorno.

    http://www.reuters.com/article/2012/02/16/ice-canada-futures-idUSL2E8DE4TL20120216

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.