martedì 7 febbraio 2012

Banca del Germoplasma - E se ne avessimo ancora bisogno?


A Bari una vicenda tanto articolata, quanto apparentemente meschina, sta determinando una perdita rovinosa per il patrimonio genetico vegetale italiano. La Banca del Germoplasma dove è conservata l'80 % dell'agrobiodiversità italiana ha già subito gravi danni irreversibili ed ancora altri  peggiori potrebbe subirne.

QUI una intervista all'ex direttore dell'Istituto di ricerca, Pietro Perrino, che racconta la vicenda ed il suo punto di vista. QUI un vecchio articolo che racconta l'origine dei fatti.
Stupisce che oltre a Perrino, noto ricercatore contrario agli ogm, la questione sembra non interessi nessun'altro! 
Altri articoli sulla vicenda con commenti di produttori bio e QUI

Non conosco né il contenuto, né la specificità di quanto rischia di marcire, ma nei limiti della mia poca conoscenza e competenza in materia, mi sembra che si rischia di sprecare ciò che si è fatto fin'ora, con un danno certo, sia che si sia favorevoli agli ogm che contrari. 
Siamo sicuri che davvero non valga più la pena di conservare quel patrimonio di accessioni? Possiamo escludere che in futuro non sussisteranno ragioni, agronomiche, economiche, ambientali, sociali per necessitare di quelle accessioni, sia con vecchie e con nuove tecniche, magari anche con tecniche conosciute ma oggi discusse e da noi non accettate come la transgenesi? Quel che è perso non lo è per sempre e per tutti? Oppure c'è qualcos'altro che forse mi è sfuggito di questa vicenda?









34 commenti:

  1. Una vicenda triste, questa sottoposta da Granturco.
    Perrino però, la racconta un po' con i paraocchi dell'ideologia, a mio avviso. Perché la lobby OGM dovrebbe voler distruggere una fonte di geni che potrebbe servire anche a lei?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggiornamento( si fa per dire)

      http://www.agenziastampaitalia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=11154:ogm-banche-del-germoplasma-intervista-al-prof-pietro-perrino&catid=16:italia&Itemid=39

      Elimina
  2. Si, ti sfugge che la transgenesi è già usata in modo indiretto nel seed banking. Il solo fatto di poter sopprimere dei geni (è transgenesi anche quella) è utile negli studi sul signalling, per capire ad esempio cosa succede durante la seed dormacy e magari ottimizzare la conservazione. Solo per fare un esempio. Chi mi ha raccontato quelle due cose che so sul seed banking è stato proprio un biotecnologo, molto in gamba.
    Il fatto che tu non accetti la transgenesi per fortuna non impedisce a questa tecnica (come le altre) di essere usata, ma la cisgenesi la accetti? Sei sicuro di sapere cos'è la transgenesi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti rivolgi a me?
      io non accetto la transgenesi? ma quando mai lo avrei dichiarato?

      Elimina
  3. @ anonimo skeptikal?
    "da noi" intendo In Europa,e mi riferisco alla maggioranza che non accetta ne coltivazione,ne sperimentazione in campo, per ora nememno per varietà ottenute con cisgenesi,anche se sembra che per quel tipo di tecnica inizia ad esserci possibilità di una potenziale maggiore apertura.
    ed è proprio in virtù di queste considerazioni che mi chiedo : Siamo sicuri che davvero non valga più la pena di conservare quel patrimonio di accessioni?


    Se non vale piu la pena perche?tu che ne sai qualcosa in merito? che ne pensi?

    RispondiElimina
  4. Neanche la sperimentazione? Niente di nuovo, i luddisti sono stati sempre superati dalla storia. SEMPRE. Poi dove hai letto che la maggioranza (di chi?) non è favorevole né alla sperimentazione, né alla coltivazione in campo? Forse è così ma secondo me la *maggioranza* neanche si pone il problema.
    Continuo a non cogliere il nesso logico tra una banca del germoplasma che rischia di chiudere e la transgenesi, cioè, non riesco a capire dove sia il conflitto di interessi, anche perché come ho già scritto le tecniche di conservazione delle accessioni possono avvalersi della transgenesi. In Italia ci sono molte banche del germoplasma (16-18 se non ricordo male), nel caso specifico di Bari so solo che è dal 2008 che va avanti questa storia e non riesco a capire i motivi reali. Cosa penso delle banche del germoplasma? Che sono importantissime, non sia per le cultivar che per le specie selvatiche.

    RispondiElimina
  5. basta rompere con queste fregnacce,io voglio un prezzo giusto per il mio prodotto,visto chè non coltivo quello chè mi pare mà bensì quello chè il mercato chiede,volete il grano con le orecchie e le antenne?io vè lo coltivo, voi però prima mi pagate il giusto e poi vè lo mangiate,poichè io coltivo quello chè il maercato mi chiede,ma mangio quello chè mi pare.
    Bando alle ciance,io per il mio grano voglio 60E il qt.altrimenti compratevi la terra ,coltivateci quello chè Vè pare e vè lo mangiate.
    ciao SKEP.

    RispondiElimina
  6. come intervenire a sproposito dimostrando di non aver capito niente, ma guarda io fossi in te mi rivolgerei da qualcuno bravo. Ciao mimmo70

    RispondiElimina
  7. skep,basta chiamarti e ci sei,ma come fai,non appena uno interviene sù questi argomenti ,ti materializzi,fossi pure tù modificato geneticamente,però vedo chè non hai ancora capito chè io in materia ,oltre ad avere una mia opinione ,non ho alcuna preparazione tecnica culturale,e tù cosa fai,quando intervieni?ho ti metti a contestare chi la pensa diversamente da tè oppure come un bambino capriccioso passi alle offese,eee non và bene così,non fare solo il contestatore ,visto chè ritieni di essere preparato,oltre a scrivere diciture tecniche scentifiche spiegane pure il significato,tanto ti cì trovi, guarda chè sù questo blog cè veramente gente chè zappa la terra,con una bassa scolarizzazione , e non gli spiacerebbe apprendere qualche novità,.

    Sai ci sono stato,ma mi ha detto chè non sono così grave come sembra.

    RispondiElimina
  8. Toni mi ha inviato questo video su Monsanto, dura 10 minuti. Alla fine saltano fuori documenti riservati interni dell'azienda.
    E qualcuno vorrebbe affidare i destini dell'alimentazione mondiale a questa gente!

    http://www.youtube.com/watch?v=PnZBKDlpuEI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, se avete pazienza ci sono altre dieci parti dopo! Saluti!

      Elimina
    2. Ehehe..chi è questo pazzo che affiderebbe I DESTINI DELL'ALIMENTAZIONE MONDIALE solo alla Monsanto? Chi? Le voci nella tua testolina :)

      Elimina
    3. No, il tuo amico Guidorzi.

      Elimina
  9. A parte il video diviso in dieci (che mi andrò sicuramente a vedere... almeno il primo spezzone) il mio modestissimo parere è che questi della Monsanto non c'entrano nulla con questa storia della Banca del Germoplasma di Bari.
    Non credo che per fare un dispetto a Perrino (contrario agli OGM) la lobby OGM abbia lavorato segretamente per far sì che vada tutto alla malora: anche perché appunto (come faceva notare giustamente granduro sopra) loro sarebbero i primi a poterne eventualmente trarre grandi vantaggi, sfruttando il patrimonio genetico del materiale conservato costì.
    Si tratta secondo me dell'ennesaima storia di menefreghismo all'italiana; così come lasciamo crollare torri medievali e ville pompeiane e lasciamo che vengano saccheggiati i siti archeologici etruschi, tranne poi lamentarsene dopo, allo stesso modo lasciamo in abbandono Banca del Germoplasma... e fra l'altro non è l'unico istituto del CNR che sia uscito molto male dalla politica di "accorpamento" messa in pratica dagli ultimi governi (iniziò nel 2003 ne non ricordo male). Solo che magari gli altri non sono alla ribalta della cronaca.
    Sarò ingenuo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sei equilibrato e realista, a mio avviso.
      Ma nessuno qui, ha mai accusato Monsanto di essere la causa dei problemi della banca del germoplasma.
      Ho solo postato il video su Monsanto qui, perchè era il post più aggiornato che parlava di OGM.

      Elimina
  10. NO, perché speravi di provocarmi in modo infantile. Sei ridicolo.

    RispondiElimina
  11. Comunque io non affiderei l'informazione in mano a giornalisti come la Robin. Poi ognuno è libero di farsi prendere per i fondelli come meglio crede.
    http://www.salmone.org/wp-content/uploads/2011/04/mmr.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi pare smentisca uno sola parola di quanto riportato nella prima puntata del film, da me visionato.

      Elimina
    2. La migliore smentita è l'ultimo rapporto ISAAA
      http://www.isaaa.org/resources/publications/briefs/xx/executivesumm

      Dal 2010 le coltivazioni GM sono aumentate a livello globale di 12 MILIONI DI ETTARI.

      Elimina
    3. Sono contento. Il prodotto non-OGM sarà ancora più raro e raggiungerà quotazioni più elevate.

      Elimina
  12. E questo è più o meno come la penso, rispetto alla Monsanto.
    http://biotecnologiebastabugie.blogspot.com/2010/09/il-mondo-secondo-monsanto-film-verita-o.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono contro gli ogm attualmente in commercio (cioè Monsanto), non sono contro quelli nei libri di Bressanini, e che lì resteranno, anche se lui fa finta di non capirlo.
      Perché come dice Guidorzi (un tuo amico, che ogni tanto ci regala qualche sprazzo di verità):

      "I Governi hanno imposto alle multinazionali le dimostrazioni scientifiche di innocuità, di non pericolosità, di non allergenicità prina di ammettere alla coltivazione le loro nuove sementi. Le multinazionali hanno accettato la sfida anche perché era un modo per eliminare ogni concorrenza, infatti, nessun organismo di ricerca pubblico si può sobbarcare i costi di queste dimostrazioni e neppure di riuscire a verificare quanto provato dalle multinazionali."

      Elimina
  13. Granduro, non ho intenzione di iniziare una lotta. Ti faccio solo notare che NON è vero che gli OGM attualmente in commercio sono solo Monsanto.

    In realtà estrapolare un pezzo di un discorso lungo, è una tecnica a te ben nota ma lascia il tempo che trova. Gli organismi pubblici che fanno i controlli ci sono e come, vedi il lavoro dell'EFSA e di letteratura c'è n'è. Purtroppo i costi per approvare una nuova varietà sono così elevati che solo grandi aziende se li possono sobbarcare. Così nasce il paradosso: chiedendo controlli ancora più rigorosi (come fanno molti anti-gm) si fa il gioco delle multinazionali, che sguazzeranno nel monopolio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè quasi tutti in termini di superficie e successo.

      Io la chiamerei capacità di sintesi.

      Io non chiedo nulla a nessuno. Valuto che nelle condizioni attuali si formerà proprio un monopolio nefasto come anche tu, alla fine, affermi.
      Impegnati a cambiare le condizioni piuttosto che prendertela con noi che abbiamo una visione lucida e non ideologizzata della questione.

      Elimina
  14. Si certo, lucida e non ideologizzata, proprio come nel documentario. E in risposta ci starebbe un quarto d'ora di Pagliaviniti (quello di cinico TV) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai, secondo me neanche lo hai visto,
      la prima puntata del documentario esordisce con un farmer dell'IOWA che fa uno discorso sinceramente pro round-up ready.

      Elimina
  15. Invece l'ho visto e rivisto, visto prima e dopo aver capito cosa fosse un'ogm. E dopo. E' scandalosa la marea di puttanate che dice, la più grave è quella dei suicidi in India. Ma tanto è fiato sprecato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse lo hai visto troppo allora, rilassati, preparati una bella pagnotta di pane con la farina canadese (traditore della patria) che ti devo dare una bella notizia:
      http://www.freshplaza.it/job_offers/job_offer.asp?id=216
      che ne dici? dove lo trovano uno spontaneamente aziendalista come te?

      Elimina
  16. Non sono tagliato, mi dispiace. Piuttosto un inconsapevole cospirazionista come te, dovrebbe rivolgersi a loro http://www.fondazionedirittigenetici.org/fondazione/new/collaboraconnoi.php
    Con la tua propensione a disinformare (credendo di fare il contrario) saresti un ottimo spin doctor.

    RispondiElimina
  17. Skep,pensavo,visto la passione con cui argomenti chè fossi pure un tipo pratico,ti ho creduto quando hai detto di aver fatto una buona focaccia con il manitoba,allora questa mattina ho acquistato 1kg di manitoba -0- E1.09,noi abbiamo ancora l abitudine di fare il pane in casa, la mia miscela è il 40%duro+60%tenero- 00-ho sostituito il duro con il manitoba,il risultato?una scemenza come le tue del resto,e questa sera mi tocca cenare con il pane raffermo ,un altra volta limitati a linkare e riportare notizie non riscontrabili,poichè sotto il profilo pratico sei una chiavica,questo non mè la dovevi fare,vergognati ,approffittare della buona fede di un povero cristo.SE mangi veramente quella roba,si spiega anche perchè ti sei ridotto in queste condizioni.

    PS,la colpa di cio chè mi è successo è tutta di GRANODURO,chè si sappia in giro,sè non l avessi provocato Skep non sì sarebbe spinto fino alla citazione della focaccia,e questa sera avrei pane fresco e profumato da mangiare,esigo un atto riparatorio.
    voglio un post dedicato allle ricette culinarie di tutta la sicilia,e guarda chè ho i miei informatori,guai se ometti ti mettere qualche ricetta.

    RispondiElimina
  18. Mimmo70, mi dispiace ma non te la devi prendere con me. Suppongo che tu abbia almeno la licenza media, giusto? Di solito alla fine delle medie uno sa leggere e interpretare giusto?
    Adesso mi devi dire dove avrei scritto di SOSTITUIRE IL DURO CON LA MANITOBA? Dove? Ti riporto il commento all' articolo 98 buone ragioni, bla, bal, bla...

    "AnonimoJan 26, 2012 11:06 AM [...]Non credo sia stata prodotta in Italia, so solo che il pane e la focaccia mi vengono bene. Ovviamente ci aggiungo anche semola di grano duro rimacinata."

    Mimmo70 ma riesci a scrivere un post senza umiliarti?

    RispondiElimina
  19. Per la focaccia di solito utilizzo 1/3 di semola e 2/3 di 00.
    Con la manitoba le proporzioni diventano 1/3 di duro, 1/3 di manitoba e 1/3 (variabile di 00). Ti assicuro che mi è venuta una favola. Poi bisogna lavorare, far lievitare, devi esserne capace. Non è che io mi senta così capace, ma gli altri apprezzano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco questo è una risposta al mio commento,anche sè avresti dovuto 1a chiedere chè cos à questo pane chè non và.
      2°-avresti dovuto precisare chè fare il pane, non è come fare la focaccia anche sè si usa lo stesso impasto,perchè e molto più gustosa ,ma i tempi di lievitazione sono diversi.
      3° sugli OGM ,con mè puoi spaziare come ti pare(anche sè io continuo a pensare chè sono patacche frega quattrini,poi sè vuoi ti spiego anche perchè)tanto io in materia sono abbastanza ignorante,ma come fare da mangiare,nò,sinceramente lascia perdere.
      4° vedo chè con questo commento sei tornato sui tuoi passi,bravo ,stai acquistando dimistichezza di come trattare con la gente,essere convinti delle proprie idee è cosa ,buona , ma cercare dì imporle con arroganza e maleducazione nò-poi visto chè intervieni solo sugli ogm,e fallo un post pro,io sono convinto chè nella vita sapere aiuta sempre,come dici?qui sono tutti contrari,embè,non possiamo mica essere tutti uguali,poi tieni presente una cosa,ogni volta chè intervieni,trovi chì tì risponde,quindi più democrazia di cosi si muore,avrebbero potuto eliminarti semplicemte ignorandoti,eppure non è successo,forse cosi arroganti e maleducati non siamo.
      Ciao skep.buona cena.

      Elimina
  20. Boh...mica ho capito quello che vuoi dire. Provo con google traduttore che dici?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.