mercoledì 15 febbraio 2012

Le vere ragioni dietro il trattato di libero scambio UE-Marocco

Sta tenendo banco in questi giorni nei paesi euromediterranei, il dibattito sull'accordo commerciale Agricolo tra Unione Europea e Marocco, che potrebbe essere approvato domani dal Parlamento Europeo. In pratica si tratterebbe di eliminare o ridurre fortemente i dazi per molte produzioni agricole scambiate tra Europa e Marocco.




Tenendo conto delle produzioni agricole marocchine a basso costo direttamente concorrenti delle nostre produzioni ortofrutticole Mediterranee, questo accordo sta destando grande preoccupazione nel  Mondo Agricolo. Così i sindacati agricoli appaiono molto decisi nel denunciarne i rischi per la nostra agricoltura.
“E’ noto – scrive Guidi  di Confagricoltura – e ribadito anche da atti del Parlamento Europeo, che il costo del lavoro in Marocco è molto più contenuto di quello medio europeo, ed in particolare di quello italiano, e che nel Paese l’applicazione dei diritti fondamentali ha ancora molte lacune e non ci sono garanzie che la sicurezza alimentare sia basata su principi e procedimenti del tutto analoghi ai nostri”.
Da più parti, in Italia, ci si appella agli europarlamentari italiani perché votino contro il trattato, in vista della seduta plenaria di domani.
Dando una occhiata alla notizia sulle fonti internazionali, ci si rende conto, che questo accordo con  il Marocco è osteggiatissimo da Spagna e Portogallo (che se lo trovano molto più vicino) ed in parte anche dalla Francia, dove Bovè, il celebre agricoltore no-global, guida una crociata contraria, insieme alle associazioni di piccoli agricoltori francesi. In Spagna addirittura vi sono state manifestazioni di piazza di agricoltori andalusi che hanno inondato di pomodori, l'ufficio del Parlamento europeo, a Madrid. 
Insomma uno schieramento contrario abbastanza nutrito. Ma allora perché questa decisione così contraria agli interessi di tanti agricoltori europei potrebbe andare in porto? Chi la sostiene?
Da qualche parte ho letto che favorirebbe le importazioni dei paesi continentali di prodotti Mediterranei. Potrebbe essere, ma allora perché il nostro Governo, almeno a leggere la nota di Confagricoltura, si è sinora dimostrato espressamente favorevole (ebbene si!) al trattato? "Per non creare un incidente diplomatico" si giustificano i nostri cari tecnici. Ma dobbiamo credergli? E che sarà mai questo Marocco, una potenza nucleare!
Poi leggo una intervista congiunta Bové-Muscardini, dove l'europarlamentare italiana centrista, si fa addirittura portavoce europea delle ragioni dell'accordo al grido: "Investimenti e sostegno finanziario Europei in Marocco". 
Ma ancora non basta per giustificare una scelta così deleteria per l'economia agricola italiana. Così cercando ancora, ma nel campo marocchino questa volta, si trova la candida lettera che, il presidente dell’Istituto marocchino di relazioni internazionali (IMRI),  Jawad Kerdoudi, invia a Bovè per giustificare le ragioni marocchine dell'accordo:
Le Maroc a scrupuleusement respecté ses engagements vis-à-vis de l’Union européenne, et c’est ainsi que le 1er mars 2012, tous les produits industriels européens entreront sur le marché marocain en franchise de droits de douane 
Ovvero:
Il Marocco ha scrupolosamente rispettato i suoi impegni nei confronti dell'Unione europea, e così dal 1 ° marzo 2012, tutti i prodotti industriali europei potranno entrare nel mercato marocchino, liberi da dazi doganali.


Insomma è stato fatto uno scambio anche se nessuno lo dice apertamente:  gli industriali Europei potranno liberamente esportare i loro prodotti così come giustamente il Marocco potrà rispettivamente esportare i suoi prodotti agricoli senza restrizioni doganali. Purtroppo noi, come agricoltori europei ed italiani in particolare, ci troviamo nella antipatica condizione di essere le vittime sacrificali del processo di globalizzazione in atto. Faccio mio l'appello di Guidi:
"si abbia quanto meno il coraggio di dichiarare apertamente che l’agricoltura non è un settore economico strategico per lo sviluppo del nostro Paese".
Risparmieremmo un sacco di tempo e di bile!


P.S.: Qualche giorno dopo la stesura frettolosa di questo post, ho trovato questo link, sul ruolo diplomatico attivo del governo Monti nella preparazione dell'accordo con il Marocco. E' datato peraltro 2 Febbraio 2012,     precedente dunque alle inevitabili polemiche politiche che annacquano il dibattito attuale sulla vicenda.


11 commenti:

  1. Evidentemente ci saranno stati investimenti in Marocco da parte di gruppi che detengono un forte potere decisionale nel nostro governo.
    L'industria poi è ormai l'unico settore che è tenuto in conto anche quando si tratta di erogare contributi agli agricoltori; infatti ormai i psr servono solo a comprare trattori nuovi, e non più ad adeguare o implementare le trutture per la conservazione, la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli da parte degli agricoltori

    RispondiElimina
  2. bravo GranBio ti condivido, è la storia è troppo lunga per essere raccontata. lo sanno anche le pietre ma fa comodo a molti
    alberto

    RispondiElimina
  3. gli accordi commerciali fioccano in questo periodo.
    Accordo USA-UE sul biologico stavolta.

    http://www.liberoquotidiano.it/news/936069/Agricoltura-tra-Ue-ed-Usa-storico-accordo-per-prodotti-bio-certificati----.html

    RispondiElimina
  4. approvato! 369 sì, 225 no e 31 astensioni

    http://ansamed.ansa.it/ansamed/it/notizie/rubriche/economia/2012/02/16/visualizza_new.html_99646547.html

    RispondiElimina
  5. Ed il governo Monti ne è stato uno degli artefici principali!

    http://www.meridianionline.org/2012/02/02/parte-dal-marocco-il-tour-diplomatico-dellitalia-di-monti/

    RispondiElimina
  6. Incredibile, il Marocco grande importatore mondiale di cereali, potrà continuare ad utilizzare i dazi per controllare le importazioni di grano tenero e grano duro.
    Ma neanche mezzo vantaggio per l'agricoltura europea da questo trattato!

    http://www.reuters.com/article/2012/02/16/eu-morocco-trade-idUSL5E8DG4SY20120216

    RispondiElimina
  7. Può un piccolo imprenditore agricolo delocalizzare in marocco?nò!
    Puo una multinazionale industriale delocalizzare in marocco?si!
    Sii? be allora facciamoli questi accordi e andiamo a sfruttare i marocchini,tanto gli agricoltori italiani ed europei prendono i sussidi pac.Ma sè coltivano ,con questa cocorrenza vanno in perdita!ebbe?chi glie lo ha ordinato di coltivare il medico?no!ma si presume chè un agricoltore lavori la terra ovunque esso si trovi,e poi le nostre aziende sono capitali importanti e strategici per il paese:paese?cosa vuoi chè c entri il paese ,noi puntiamo al profitto,è l europa chè cè lochiede,non lo vedi lo spred?,Noi andiamo dove lo possiamo realizzare,nel minor tempo possibile e con il minor sforzo possibile.Ma cosi il paese s impoverisce?veramente?sii!be allora vuoldire chè quando questo accadra si potrà investire anche in questo paese,tanta manovalanza a basso costo.
    Ma questa è una ingiustizia,è antietico immorale,è comportarsi da delinquenti.
    Smettila di blaterare,chè sono questi discorsi eversivi da estremista bolscevita,chè cosa ti sei messo in testa di contraddire le tue istituzioni governative?governative?ma voi cosi facendo pensate solo ai fatti vostri!
    Senti,sè non la finisci di incitare la gente alla rivolta con queste tuoi ragionamenti contorti e arcaici,ti faccio manganellare dalla polizia,il tuo attegiamento è eversivo,e noi non possiamo permetterlo,siamo un paese democratico.
    Dopo il marocco ,sotto a chi tocca...

    RispondiElimina
  8. Non ci ho capito molto.Ma sono quasi d'accordo, se non fosse che i bolscevichi praticavano le delocalizzazioni di massa.

    RispondiElimina
  9. Che strano temporale : lampi denigratori contro agricoltura e agricoltori
    e una fitta grandinata di provvedimenti fiscali e accordi commerciali a loro sfavorevoli.

    RispondiElimina
  10. Hey ragazzi, ho avuto un'idea!
    Per protesta paralizziamo la sicilia, facciamo chiudere con la forza tutti gli esercizi commerciali, lasciamo marcire i nostri prodotti nelle serre e frantumiamo le ultime macerie di economia locale sopravvissuta.
    In questo modo faremo vedere ai marocchini e a quelli di Bruxelles che facciamo sul serio!!! Che siamo dei veri duri!!!!!

    RispondiElimina
  11. Anonimo provocatore, tu sostanzialmente (con un fine umorismo di cui ti prego di non farmi più partecipe) , stai criticando lo sciopero come strumento di rivendicazione sociale. Non capisco perché lo scrivi sul mio blog, piuttosto che a qualche leader sindacale.
    Tu che vivi probabilmente nell’agiatezza e nella mollezza al riparo di comode rendite di posizione, non lo sai, ma ti informo che qualsiasi sciopero di qualsiasi categoria determina una perdita di reddito per chi lo fa, una perdita di produzione per l’azienda che lo subisce, ed una ricaduta negativa sull’economia generale. Eppure viene fatto lo stesso (anche se non è detto che produca risultati), anzi è un diritto costituzionale.
    Sarà controproducente come tu dici, anche se non offri alternative, ma temo che dovrai fartene una ragione (ed anche del fatto che siamo duri, naturalmente).

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.