martedì 21 giugno 2011

Blog a scartamento ridotto

Purtroppo in questi giorni non riesco a portare avanti il blog come vorrei. Mi scuso con chi continua a seguirmi con attenzione. Di seguito, poche righe essenziali solo per fare il punto della situazione.
Il Mercato del grano duro è sempre effervescente, al contrario di tutti gli altri cereali in netto declino. In Nord America sino a ieri sera il durum wheat sempre sui massimi. Come del resto anche Parigi. Nei mercati locali della penisola, io in Sicilia sono a conoscenza di un prezzo medio di acquisto di 28€/q, per la granella appena trebbiata della Sicilia Occidentale.
 Qualche giorno fa un lettore pugliese (che ringrazio per l’apprezzamento conferitomi) mi ha scritto questo: “Quello che posso dirti a foggia si viaggia a €31,50 alla camera di commercio ma i commercianti pagano €33/35 , mai visto niente di simile!”.
La situazione, per quanto dinamica e favorevole, è quindi confusa, proprio per la mancanza di informazione libera e trasparente sul mercato. Io penso che ciascuno di noi dovrebbe fare come il lettore pugliese, ovvero dovrebbe favorire la conoscenza, delle quotazioni e delle dinamiche in atto, a quanti più produttori possibili. Evitando gretti e meschini calcoli personali che potranno portare forse un beneficio personale immediato ma che alla lunga saranno perdenti (qualcuno addirittura ritiene che la mia opera divulgativa sia fastidiosa). Io vi ricordo che mentre tanti ci raccontano la favola del libero mercato, in alcuni paesi occidentali esportatori di grano duro ad esempio, le strategie di vendita del prodotto non sono nelle mani del singolo produttore, bensì di organizzazioni parastatali che gestiscono sui mercati le produzioni di interi Stati. In sostanza, secondo me, noi piccoli agricoltori del Sud, per potere competere con questi colossi dovremmo tentare di adottare strategie di vendita del prodotto condivise tra tutti noi. Dovremmo cercare di condizionare il prezzo del prodotto sul mercato come fanno gli altri. E non penso che per far questo sia necessario creare chissà quale struttura organizzativa (io sono per le aziende individuali sia chiaro!), basterebbe essere messi nelle condizioni di sapere, ad esempio, che il prezzo del grano duro sul mercato internazionale è alle stelle, e che probabilmente non conviene venderlo immediatamente alla trebbiatura, per quanto il prezzo sia sicuramente interessante. Ciò si tradurrebbe inevitabilmente in un vantaggio per tutti ancora maggiore, e non solo per pochi.
Vi invito, insomma, a comunicare i vostri dati sulle quotazioni dei vari mercati locali nei commenti. Sono certo che tutti noi produttori ne ricaveremmo un vantaggio reciproco.
Mi sono dilungato anche troppo, ma questo ve lo volevo dire.
Alla prossima.

11 commenti:

  1. Dimenticavo, al cambio attuale in Nord America, il durum wheat al 13% di proteine è quotato (al 20/06/2011) 38,5 €/q.

    RispondiElimina
  2. Colgo il suo invito e le comunico che il prezzo del grano duro a Pietraperzia (EN) è di 25/26€/q. questo la settimana scorsa.
    Saluti e complimenti per il blog.

    RispondiElimina
  3. buongiorno questo prezzo la settimana scorsa e oggi?

    RispondiElimina
  4. Domani sapremo le quotazioni di Foggia appena saranno divulgate ve le comunico.

    RispondiElimina
  5. Grazie per le segnalazioni.
    A lettore di Pietraperzia chiedo anche io di verificare se il prezzo è salito, come dovrebbe, nella settimana in corso.

    Sarebbe ottimo anche capire cosa succede a Foggia. La differenza di prezzo rispetto alla Sicilia appare più ampia del solito peraltro.
    Grazie

    Mi è arrivata anche una segnalazione privata da Valguarnera (En) prezzo al mulino 27-28 €/q.
    In contodeposito circa -3€/q.

    domani mattina spero di completare un interessante post sulla situazione agricola dei nostri competitor canadesi.
    Il duro sempre tonico sui mercati Nord-Americani. Ed il rialzo del duro nel Mondo è causato proprio dai problemi che stanno incontrando i farmer Nord-Americani.
    Al momento non si scende.

    RispondiElimina
  6. Grazie Granoduro!
    nella Valle del Belice oggi i commercianti comprano a 26-28 €/q.li iva compresa.

    RispondiElimina
  7. Grazie a te, Alberto per la segnalazione.
    Conto ancora sul tuo entusiasmo!
    Anche a me risultano gli stessi prezzi nella tua zona, anche se più verso i 27-28. Grazie al peso ettolitrico, che in questa annata appare quasi sempre elevato, spesso viene trattato alla categoria fino.

    RispondiElimina
  8. Oggi a Riesi (cl) il commerciante compra grano a 24-25€/q iva compresa.

    RispondiElimina
  9. Produttori di Riesi, ma non leggete le quotazioni sul web, secondo me dovreste prendere a riferimento la quotazione Ismea Catania (a breve uscirà la nuova), e cercare di trattare sulla base di quei prezzi, tenendo conto che sono anche franco partenza aziendale.
    Nella mia zona oramai vedo agricoltori camminare con il computer portatile quando si recano dal commerciante a discutere il prezzo.
    E spesso la vincono loro. La richiesta di prodotto, da fuori l'isola, è enorme. Non svendete le vostre produzioni.

    RispondiElimina
  10. questa del portatile mi è piaciuta...svecchia l'immagine del contadino ignorante e succube dei poteri forti dei grossisti...quella tua è la mentalità del futuro.

    RispondiElimina
  11. Io spero sia quella del presente; anche perché favorirebbe tutti noi produttori. Parliamoci chiaro, il frumento in Sicilia quota prezzi minori rispetto ad altre zone produttive, per colpa nostra, per la nostra arretratezza, soprattutto per la nostra pigrizia. Animo, non è più il caso di menare il cane per l'aia!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.