martedì 28 giugno 2011

Animali da cortile

Oggi ho finalmente terminato, la trebbiatura del grano duro (è andata bene, per inciso). Devo ancora completare sulla, favino, favetta e cece (ma faccio una pausa altrimenti la mia famiglia mi da per disperso).
E finalmente potrò dedicarmi a qualche attività più rilassante. Stasera visto che avevo promesso un post, ne pubblico uno atipico. Basta economia, finanza, quotazioni, massimi sistemi etc. stasera scrivo di altro.
Perché questo blog nasce anche come diario personale e professionale di un quasi giovane agricoltore. Vi presento alcuni animali della mia fattoria.
Pochi ma fedeli. I miei gatti grandi Bruce e Lara, ma esistono anche delle piccole nuove leve, come dei gattoni semiselvatici che ogni tanto ci vengono  a trovare. Ottimi contro i topi ( a proposito vi segnalo invasioni di topi in mezzo mondo http://www.abc.net.au/news/stories/2011/06/17/3247081.htm), e vi ricordo, dopo la trebbiatura, di stare ancora più attenti alle perfide infiltrazioni dell'odioso roditore. I felini mi assistono anche nelle operazioni di messa a punto della barra irroratrice (vedi sotto).


 E poi il mio coniglio scerbatore: l'unico coniglio, geneticamente modificato, e qualche mio lettore sarà contento, in grado di discriminare tra gli ortaggi coltivati e le infestanti. Lui si ciba soltanto di gramigna spontanea. Si tratta di un coniglio semidomestico, che vive libero tra i casamenti. Non danneggia le colture e si fa avvicinare molto. Eccolo in posa per voi. In tutta la sua beltà coniglia mentre fa colazione al mattino.




Nel prossimo futuro ho intenzione di prendere un cane. In campagna il cane è utile in effetti. Vedremo...


 Tornando alla cruda realtà, domani mattina consueto aggiornamento NordAmerica, Parigi stabile. Piazze locali sicule che frequento, in leggero calo. In realtà da quello che noto, gli ammassatori prima e durante la trebbiatura hanno blandito gli agricoltori con facili promesse, poi una volta incamerato il prodotto hanno cominciato a raccontare che il prezzo è in calo (all'unisono). Morale: molti agricoltori che hanno consegnato a deposito stanno vendendo. Ma l'ammassatore stranamente non rivende a sua volta, conserva. Ma se il prezzo è in calo, dovrebbe essere una follia  o no? Vedremo.
L'aggiornamento domani sul post precedente, poi proverò a pubblicare qualcosa di più corposo.
Saluti

8 commenti:

  1. Complimenti per l'ottimo lavoro e per i mici, mia grande passione.....

    RispondiElimina
  2. Complimenti davvero. Stessa cosa accade a foggia dove alcuni parlano di 32 altri di 30 ma suppongo sia solo strategia per far vendere. Cosa che sta riuscendo...molti stanno vendendo purtroppo per loro(secondo me). Da una soffiata interna a posti buoni (non faccio nomi) il grano duro ed i prodotti agricoli dovrebbero aumentare non tanto per le condizioni climatiche o scarse scorte che sono fenomi oggettivi ma per speculazione. Mi spiego, i governi(e le banche) per promuovere il loro buon comportamento devono investire in prodotti più vicini alla psicologia dell'investitore medio-basso, c'è un ma serve anche promettere un guadagno (maledetti ricchi). Come promettere alti guadagni? beh la risposta è farli vedere (esempio bolla immobiliare spagnola, vedete Report di raitre). Conclusione ci sarà un anno di rialzi (per creare la bolla di sapone) chi ha la materia prima deve sfruttare questo momento considerando di essere una vittima del sistema. Attenzione però a non essere troppo avidi. Il prezzo consigliato (da me) per vendere sarà 40€ che si dovrebbe raggiungere a settembre. Consiglio vendere una parte fra 10 giorni circa quando si raggiungeranno i 35/36€.
    Speriamo che domani gli USA non smentiscano tutto!
    Ciao e ancora complimenti.

    RispondiElimina
  3. Ciao pips

    Grazie a nome dei mici ed a nome mio.

    Ultimo anonimo
    Ragionamento condivisibile per i principali cereali, ma il grano duro nel Mondo è una mera coltura di nicchia. Per noi durocentrici è la vita, per i governi è una goccia nel mare (tranne quello italiano e forse canadese probabilmente). A meno che, volendo fare i complottisti a tutti i costi (ma si dai divertiamoci); nel contesto di attacco generalizzato all'economia italiana (come alcuni paventano), un rincaro della pasta sarebbe socialmente destabilizzante. Del resto questa strategia è stata usata con successo nei paesi del Nord-Africa. Vedremo...
    A proposito delle previsioni delle quotazioni e dei tempi di vendita che consigli, preferirei che tu non li dessi più, questo non è un sito di trading cerealicolo. Si prova a ragionare sulle tendenze oltre che su altri argomenti agricoli, nulla di più.
    Grazie comunque per il fattivo contributo, e per l'apprezzamento che mi riservi.

    RispondiElimina
  4. All'amico non che mio concittadino foggiano posso dire che nel pomeriggio la camera di commercio di Foggia metterà il grano da €33 a€32 e questo non è un buon segno. Si parla di una ripresa a settembre (forse) appena saputo ciò sono andato a chiudere i conti ieri, a malincuore perchè avrei voluto aspettare a settembre, ma già 3 anni fà partimmo da €35 per finire a €25 circa di Dicembre. Almeno io non me lo posso permettere. Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  5. Complimenti alla comunità foggiana sempre molto attiva. Grazie per averci comunicato schiettamente la tua scelta e le tue motivazioni. Spero ci continuerai a seguire anche se non avrai più alcun interesse specifico sulla vendita grano duro per questa annata.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. Mercato in calo a Foggia. 32 euro alla camera di commercio, 31 sulla piazza. Credo. sia un calo fisiologico visto le grandi vendite dei giorni passati. Anche la notizia che la Russia torna sul mercato mondiale dal primo di luglio può aver influenzato tale calo del prezzo. Io cmq. sono il foggiano delle vendite scaglionate e da oggi mi firmo per evitare confusione nei post.
    Anch'io ho sentito voci di un eventuale prossimo rialzo, ma sinceramente sono solo voci che non so fino a quanto affidabili.
    Resto dell' idea che ognuno di noi debba valutare secondo le sue aspettative il prezzo giusto per vendere. E' difficile speculare per noi produttori. Per farlo dovremmo avere la possibilità anche di comprare il grano e non solo di venderlo, ma in questo caso faremmo un 'altro mestiere. Complimenti per questo tuo ultimo post pieno di umanità e poesia.
    Saluti dalla Puglia. GG.

    RispondiElimina
  7. GG. se ci sarà rialzo sarà travolgente. Ma non me lo auguro. Preferisco sbagliare la previsione.

    Ciao

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.