venerdì 27 aprile 2012

L'Europa sospende i dazi alle importazione di cereali!!! (aggiornato)

Nel silenzio generale una notizia appare clamorosa:
con il Regolamento di Esecuzione (UE) N. 321/2012 della Commissione Europea n.321/2012 del 13 aprile 2012, la UE avrebbe azzerato i dazi alle importazioni su grano duro, grano tenero, segale, granturco e sorgo.



Aggiornamento

Ho approfondito, in realtà la situazione era molto più articolata. L'anno passato, nel mese di febbraio, in seguito all'aumento del prezzo dei cereali, la UE aveva deciso di sospendere (qui in italiano) i dazi su alcune categorie di grano tenero di bassa e media qualità (circa 1,2 €/q) e di orzo (1,6 €/q) sino a giugno 2011. Mentre su altre colture come il grano duro, il tenero di alta qualità, il mais ed il sorgo, il dazio era stato calcolato pari a 0 €/t. 

I hope this proposal will reduce tensions on the European cereals market," the EU agriculture commissioner Dacian Ciolos, said.


Un piccolo inciso: il valore del dazio viene calcolato sulla base della differenza tra il prezzo di intervento UE moltiplicato per 1.55 e il cosiddetto prezzo Cif (costo, assicurazione, trasporto) del cereale al porto di Rotterdam.
Il meccanismo di determinazione del dazio sui cereali è piuttosto farraginoso, e lo trovate in questa pagina,  pigiando poi su Detailed information on the EU cereals policy,  dove si trova un ben dettagliato ed aggiornato (ottobre 2011) documento denominato The EU Cereals Regime. Qui si spiega proprio tutto sul sistema che regola gli scambi dei cereali nella UE. Piccolo problema: si trova soltanto in lingua inglese ed in un linguaggio estremamente tecnico. Mi chiedo quante persone in Europa siano capaci di comprenderlo appieno!


Ma tornando a noi, la sospensione dei dazi prevista sino a giugno 2011, in realtà si protraeva oltre. Il 24 Novembre 2011, la Commissione gestione Cereali della UE si riuniva e decideva di postergare i dazi sulle categorie già interessate sino a giugno 2012.
In Italia nessuno si è accorto di nulla, cercate pure sul web, mentre sia negli USA (con un chiaro comunicato USDA)  che in Canada, le principali nazioni esportatrici interessate, la notizia ha avuto parecchio risalto.


Ultima puntata della vicenda: 
la Commissione Europea, sulla base del meccanismo automatico di determinazione del valore dei dazi sui cereali, già riportato prima, decide (il 13 Aprile 2012) che il valore dei dazi su tutte le importazioni di cereali, nelle condizioni economiche attuali, è pari a zero (QUI vedi allegato 1). 
Nulla cambia, comunque, visto che su alcuni cereali era già pari a 0, mentre su altri il dazio automatico era stato sospeso sino a giugno 2012.

Che Europa meravigliosa, ci dirige come burattini, senza neanche degnarsi di fornirci un minimo di soddisfazione. Ed i nostri media si guardano bene, ovviamente, di informarci sulle piccole decisioni quotidiane, prese nelle alte sfere della tecnocrazia Europea, che influenzano fortemente le nostre vite.

1 commento:

  1. L'europa,cosi' come è solo 27 popoli messi insieme,che usano il bancomat,per prelevare presto e prima di altri,non interessa ha nessuno degli europei perche'non esistono,ma voi pensate che a Monti,possa interessare il grano duro siciliano,pur di vendere 2 ferrari ha qualche cinese importerebbe anche la monnezza,basta che i mercati siano contenti e le banche diano l,ok.Prima usciamo da questq Europa meglio sara' per tutti.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.