mercoledì 28 settembre 2011

A proposito di Goldman-Sachs!

Non è propriamente una notizia agricola, ma visto che mi diletto anche di economia e finanza, non posso fare a meno di postarvi questa notizia.
Si parla della famigerata Goldman-Sachs, di cui questo blog si era già occupato in passato; ebbene il broker indipendente di origine italiana, Alessio Rastani, intervistato dalla BBC ha dichiarato candidamente: 

Rastani: “Ascolti, a tutti quelli che ci stanno ascoltando. Questa crisi è come un cancro. Se aspettano e aspettano senza fare niente, questo cancro continuerà a crescere e sarà troppo tardi. Quello che dovrebbero fare è prepararsi. Questo non è il momento di credere che i governi sistemeranno le cose. Loro non governano il mondo. Goldman Sachs governa il mondo. E a Goldman Sachs non importa questo pacchetto di misure di salvataggio e neanche importa ai grandi fondi di investimento.


Guardi, io voglio aiutare le persone e la gente può guadagnare soldi da questo, non solo i brokers, quello che devono fare è imparare a fare soldi in un mercato in caduta, la prima cosa che devono fare è proteggere i loro investimenti, proteggere quello che hanno, perché la mia previsione è che in meno di 12 mesi i risparmi di milioni di persone spariranno e sarà solo l’inizio. Per cui il mio consiglio è preparatevi e agite adesso. Il maggiore rischio che correte adesso è non agire”.


Vedremo..., ma se dovesse accadere quanto prevede il tizio, vi consiglio di tenervi stretto il vostro fazzoletto di terra.

Ecco il link con sottotitoli in italiano.


6 commenti:

  1. Rastani è risultato un millantatore in cerca di fama, tuttavia un alto dirigente di Unicredit si è espresso più o meno negli stessi termini.
    http://www.wallstreetitalia.com/article/1225295/il-caso/altro-che-trader-alla-bbc-parole-shock-da-unicredit.aspx

    RispondiElimina
  2. Non è vero. E' quella merda di repubblica a dichiararlo tale. Lui ad oggi è quel che è. Un trader come tanti (che di diverso c'ha solo che organizza corsi e spiega qualcosina su un blog) che ha approfittato di 2 minuti alla BBC per dire cose banalmente vere ma che fanno "incuturciuniari" i veri poteri forti (altro che P2,P3,P4 e P5bis.
    Repubblica dice il falso in più punti (il telegraph stesso su cui si basa dice cose significativamente diverse), e nel suo blog Rastani asserisce di avere ancora fiducia nel telegraph, malgrado abbiano manipolato alcune delle sue parole (manipolate quelle cambia completamente il significato). Non cercava fama alla BBC, non l'ha detto, non è dimostrato, e quel che è certo è che se non era un ingenuo avrebbe necessariamente trovato solo denigrazione. Ma repubblica ormai la conosciamo troppo bene, falsa fino al midollo.

    RispondiElimina
  3. Zblob, non è dando della merda a un giornale, seppur controverso, che aiuterai la verità a venire a galla ( così facendo verrà a galla soltanto la solita m..., io credo).

    Moderiamo i termini, ci tengo, sforziamoci di articolare le nostre posizioni, ed evitiamo giudizi sommari.

    Sulla rettifica di Rastani ho letto la seguente agenzia di TMNews (niente Repubblica):

    "Londra, 28 set. (TMNews) - Alessio Rastani, i broker la cui intervista alla Bbc - in cui affermava di "sognare la recessione" - aveva suscitato grandi polemiche, ha confessato al quotidiano britannico The Daily Telegraph di aver voluto solamente "attirare l'attenzione" su di sé. "Il trading è un hobby, non è il mio lavoro: adoro parlare in pubblico, cerco di attirare l'attenzione ed è questo il motivo principale per il quale ho accettato di comparire alla Bbc", ha spiegato Rastani al Telegraph."

    Complessivamente confermo che il Rastani, ai miei occhi, è un esaltato, dichiarare di sognare una potente recessione (in pratica povertà, sofferenza etc. per milioni di persone) per fare soldi, e poi immediatamente dopo dichiarare di volere aiutare la gente (senza spiegare come, peraltro): è semplicemente sconclusionato.
    In un mercato in caduta, pochi guadagneranno, molti si rovineranno è inevitabile.
    Rastani sembra messo lì per creare panico (ed il panico non aiuta di certo), ed io mi pento di aver pubblicato la notizia (pensavo che per essere intervistato dalla BBC fosse uno conosciuto). La BBC, tuttavia, è molto più colpevole di me.

    Con ciò non escludo che si stia andando incontro ad una profonda crisi economica e finanziaria, anzi...contesto tuttavia profondamente le modalità di diffusione del Rastani, non suffragate peraltro da nessun dato.
    In questo modo si otterrà l'effetto opposto rispetto a quanto dichiarato.

    RispondiElimina
  4. A Rastani non avevo dato molto peso dopo averne visto il video, tramite repubblica, ne dopo.
    TMNews, Reuteurs, e chi più ne ha più ne metta, la situazione è tale che a giudizi sommari sui giornali si sbaglia proprio pochissime volte (qualche articolo decente lo leggo ogni tanto sul manifesto). Detto così senza un minimo di spiegazione capisco sembri un'affermazione ingiustificata.
    Così ti ricopio quello che ho già scritto su Rastani altrove:

    Tutte le volte che le notizie sulla libia vengono smentite su repubblica devi leggere con la lente d'ingrandimento per capirlo (per esempio Sirte era stata conquistata secondo loro qualche giorno fa, e oggi dicono che i figli di gheddafi sono nascosti forse lì, e quindi conquistata non è). Repubblica aveva postato un video incomprensibile a chi non mastica inglese, con quattro righe di commento. Quando si è trattato di smentire però va alla carica dedicandogli molto più spazio. Sentenziandolo definitivamente folle. PS lo stesso telegraph citato da repubblica asserisce come ultima frase che Rastani non ritratta neanche una parola di ciò che ha detto. Rastani è e resta un trader, e non ha millantato proprio niente.
    Per gli italianofoni traduco: "Confermo ogni singola parola che ho detto.". I meant every word I said. Il telegraph per smerdarlo riporta poi una serie di dati di nessun valore, per esempio la liquidità nel conto corrente 950£ (che per un trader/investitore può essere prossima a zero solo perchè in quel momento sei attivo sul mercato), o gli assets netti (-10.000£) che virtualmente possono non significare forse nulla nemmeno quelli. Per inciso repubblica fa casualmente errori ogni volta che è possibile. In questo caso confonde i due numeri gli toglie tre zeri e gli cambia di segno. Insomma rimandatelo alle elementari il giornalista che basandosi sul telegraph asserisce che Alex sia uno squattrinato con 10£ di rosso nel conto corrente. Riprendendo i -10.000 pound di bilancio negli ultimi 4 anni di attività di trading, vi faccio un esempio per spiegarvi il perchè anche questi possono essere per nulla significativi: Ho 300.000€ a seguito di una serie di buone operazioni (e sto alex da nessuna parte promette guadagni miracolosi) arriva a 600.950£. Poi ne investe 600.000£, il giornalista lo intervista e lo trova con solo 950£ liquidi, i restanti 600.000 nel frattempo gli è andata malino e sono diventati 590.000£. La banca ha ormai liquidato i 300.000£ di utile sui quali ha pagato le tasse, e così i -10.000 diventano un credito sul quale non pagherà plusvalenze qualora ne dovesse avere in futuro. Per quello che conta alla banca lui sta perdendo 10.000, i 290.000 guadagnati in precedenza non li conteggia più nessuno. Fineco funziona così, e i furbetti del quartierino non potevano non inventarsi una fantastoria per smerdare sto signor nessuno che parla un po troppo e non si fa i fatti suoi.
    Per Repubblica, fermo restando che è conosciuta per attaccare Berlusconi e non ho alcun interesse nel difendere quest'ultimo, sono disponibile ad offrirti una birra e spiegarti perchè la condanna è senza possibilità di appello (e Berlusconi proprio non c'entra).

    RispondiElimina
  5. In relazione alla tua affermazione:
    "Rastani è e resta un trader, e non ha millantato proprio niente."

    Dal telegraph

    "They approached me," he told The Telegraph. "I'm an attention seeker. That is the main reason I speak. That is the reason I agreed to go on the BBC. Trading is a like a hobby. It is not a business. I am a talker. I talk a lot. I love the whole idea of public speaking."

    Attention seeker vuol dire "mitomane", per quel che conosco della perfida Albione. E'indifendibile, solo un frustrato, ai margini della city, in cerca di facile notorietà.

    Per il resto:
    dovrò declinare il tuo gentile invito
    non mi riesco più ad appassionare, da tempo, alle dispute sulla onestà intellettuale dei giornali.
    Sono troppo vecchio, tengo famiglia e conduco vita pressocché ascetica.
    Tuttavia, ti segnalo il blog Blogghete, dove potrai trovare degli ottimi articoli sull'argomento.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. Ok, ma almeno non li difendere :D

    http://www.forbes.com/sites/emilylambert/2011/09/27/trader-or-prankster-we-called-alessio-rastani-and-asked/

    Nel suo blog una sedicente giornalista spagnola gli ha chiesto: Ma sei un trader o no?
    Lui risponde:
    Alessio Rastani
    September 28, 2011 at 12:25 pm
    Blanca – I am am a trader. And BBC is correct. telegraph, which is a newspaper I respect, unfortunately misquoted me. I said I like public speaking because of the attention I get when I am teaching (and who wouldn’t). But I speak the truth.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.