venerdì 30 dicembre 2011

Compravendita di terreni in Sicilia: confermate le imposte agevolate!

Se ne parlava già da qualche giorno, ora sembrerebbe quasi ufficiale almeno a leggere la nota trionfante ed allo stesso tempo polemica di Forza Sud (la forza politica di Micciché all'interno dell'Assemblea Regionale Siciliana). Le agevolazioni fiscali, a favore di tutti i soggetti acquirenti, relative alle imposte di compravendita sui terreni agricoli siciliani, saranno confermate almeno per il prossimo anno.

Di seguito una piccola cronistoria giuridica della loro genesi:

L’articolo 60 della legge regionale 26 marzo 2002, n. 2, come interpretato dall’articolo 20, comma 15, della legge regionale 22 dicembre 2005, n. 19, prevedeva un regime fiscale agevolato, consistente nell’esenzione dalle imposte di bollo e catastali e nell’applicazione delle imposte di registro ed ipotecaria nella misura di cui all’articolo 9 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601, a favore di chiunque ponga in essere gli atti elencati al primo comma dell’articolo 1 della legge 6 agosto 1954, n. 604 (atti di compravendita, di permuta, atti di concessione di enfiteusi, atti di affitto e compartecipazione a miglioria, etc), alla sola condizione che abbiano ad oggetto terreni agricoli secondo gli strumenti urbanistici vigenti alla data di stipula dell’atto e loro pertinenze.

L’agevolazione sopra descritta è stata inserita nell’ambito della cosiddetta “legge finanziaria” della Regione, che costituisce, com’è noto, una delle tappi fondamentali del percorso di programmazione finanziaria che sta alla base dell’esecuzione del programma di governo, all’interno del quale prendono corpo e si sviluppano le indicazioni generali in ciascun settore ritenuto meritevole d’intervento.

Essa, nell’espressa intenzione del Legislatore, mira a favorire l’aggregazione fondiaria, superando uno degli aspetti negativi che compromette la produttività delle aziende agricole siciliane: la frammentazione.

La legge regionale 8 febbraio 2007, n. 2. "Disposizioni programmatiche e finanziarie per l'anno 2007", aveva prorogato al 31 dicembre 2011, il regime fiscale agevolato previsto dall'art.60 della L.R. 26 marzo 2002, n. 2.
A questo punto la legge (cosiddetta in origine "legge Cuffaro") sembrerebbe prorogata almeno per un anno nell'ambito dell'esercizio provvisorio.
Cercheremo di capire meglio nel prossimo futuro.
In Sicilia dunque sarà possibile continuare ad acquistare, per qualsiasi acquirente, terreni agricoli con una imposta di registro dell'1% del valore dichiarato contro una imposta nazionale complessiva del 18 %.
Qui il vecchio articolo polemico di Stella sul Corriere della Sera di qualche anno fa.
Tenendo conto che già imprenditori agricoli e coltivatori diretti godono di una simile agevolazione, grazie ad una norma nazionale, mi chiedo nell'interesse di quali soggetti questa norma venga puntualmente riproposta a spese dei contribuenti siciliani ogni qualvolta vada in scadenza. 
Tanta celera e puntuale efficienza è veramente sospetta da parte della classe politica Isolana che solitamente è impegnata a farsi i fatti propri.

P.S.: Aggiornamenti nei commenti

66 commenti:

  1. Agevolare i compratori non credo sia una buona carta da giocare... Le multinazionali si stanno accaparrando tutti i terreni (falsamente) liberi del Terzo Mondo e tra poco, appena saremo alla fame come la Grecia, sbarcheranno anche in Sicilia... Già i cinesi si sono fatti un giro della Sicilia, dandosi un'occhiata attorno... e d'altra parte l'Isola è stata loro offerta su un piatto d'argento. Si dovrebbero, invece, salvaguardare le aziende agricole, impedendo che diventino preda delle banche e che falliscano. E sono già tante...

    RispondiElimina
  2. Sono perfettamente d'accordo, purtroppo.

    RispondiElimina
  3. Impugnata dal Commissario dello Stato Aronica, la norma di legge che prevede l'imposta agevolata.
    da
    http://www.livesicilia.it/2012/01/05/ultimora-la-scure-del-commissario/

    "il Commissario sottolinea come le minori entrate previste da queste agevolazioni (100 mila euro l’anno) siano state calcolate in maniera del tutto arbitraria, e in una cifra assai distante da quella registrata, con lo stesso intervento, negli anni passati. E nessun chiarimento in merito si troverebbe nella relazione tecnica presentata dal governo. Anche in questo caso, quindi, ecco la violazione dell’articolo 81 e l’impugnazione dell’articolo."

    RispondiElimina
  4. di seguito trovate un post sugli effetti dell'impugnativa del Commissario dello Stato.

    http://www.rosalio.it/2012/01/07/la-regione-contro-il-commissario-impugnativa-dopo-impugnativa/

    continueremo a seguire la vicenda.

    RispondiElimina
  5. qui i mandanti del provvedimento (Confagricoltura Catania) che quando vogliono si fanno ascoltare benissimo.

    http://www.confagricolturacatania.com/news/139/proroga-al-31122013-agevolazioni-fiscali-ricomposizione-fondiaria.html

    RispondiElimina
  6. ma sò che l'iniziativa è stata impugnata e quindi non è stato derogato nulla e vero o no? qualcuno sa qualcosa in più?

    RispondiElimina
  7. Si è stata impugnata. Nei miei commenti è riportato, se guardi bene.
    A questo punto la Regione, se lo ritiene, può andare avanti lo stesso, e pubblicare la norma in GURS.
    Ma mi sembra che non lo abbia fatto.
    Sinchè non la trovi in GURS, la norma non ha effetto.

    RispondiElimina
  8. buonasera
    per caso avete aggiornamenti o previsioni in materia?
    grazie
    LL

    RispondiElimina
  9. A quanto pare, farà parte del pacchetto di agevolazioni per l'agricoltura che sarà discusso ai tavoli tecnici tra Regione Sicilia e Governo, in seguito alla protesta dei Forconi.
    La cosa strana è che nessun Forcone lo abbia mai richiesto, ma sembra, che l'Assessore ci tenga molto.
    E devo dire che a giudicare dagli accessi sul mio blog che riguardano questo argomento, sembra che non si aspetti altro, da parte di molti.
    E' strano, il mercato fondiario sembra morto, per quel che sembra, eppure tanta gente sembra interessata a questa agevolazione.
    mah!

    RispondiElimina
  10. il mercato fondiario sembra morto perchè non si è molto ammodernato e non ha seguito l'evolversi del mercato e dei tempi.....poi si vuole bloccare anche eliminando queste agevolazioni....e qualcun'altro ne ha magari usufruito.....beh!!! qualcosa di buono magari anche se soloper noi Siciliani teniamola se si può....no?

    S.G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. S.G.
      ma io qualità di imprenditore agricolo già godo di queste agevolazione.
      Questa norma agevola chi agricoltore non è, e contribuisce ad innalzare il prezzo complessivo dei terreni perché aumenta la domanda.
      Poi in quanto ai benefici per noi siciliani:
      1) la differenza di imposta tra il 18% e l'1% la paghiamo noi siciliani con le nostre tasse, mica è un regalo del cielo.

      2) chi ne fruisce non è detto che sia siciliano (mentre il terreno lo è), anzi a giudicare dalle regioni da cui arrivano gli accessi (perchè io li posso vedere e vengono in massima parte del Nord-Italia) direi che è una norma per favorire la colonizzazione della Sicilia da parte di capitali extraregionali.

      Certo che noi siciliani abbiamo uno strano concetto della buona politica, e poi qualcuno vorrebbe ancora più autonomia, magari per vendere direttamente in blocco tutta l'isola.

      Elimina
    2. fosse per mè (Abbruzzese)terrei 1%di tassazione per tutti a parte chè sui terreni si svolga obbligatoriamente attivita agricola produttiva per i primi 10 anni.
      Chiedo venia ,quali sarebbero gli ammodernamenti evolutivi chè il terreno agricolo dovrebbe subire per essere appetibile al mercato?forse cambio di uso e destinazione a fovore di cemento e pannelli fotovoltaici?tanto il cibo cresce da solo gia confezzionato sugli scaffali dei supermercati,

      PS.quando si vvistano all orizzonte IENE ed AVVOLTOI non ci sono feriti,ma solo cadaveri e già in avanzato stato di decomposizione.

      Elimina
  11. 2)quando inizia a diffondersi l'odor di ferite in putrefazione, si avvicinano le iene,iniziano a volteggiare gli avvoltoi..

    RispondiElimina
  12. In altissimo mare, i problemi di bilancio della Regione Sicilia sono enormi. Se il governo nazionale non scuce la moneta, non se ne parla, ma la trattativa va a rilento e Monti è un maestro dell'ostruzionismo.
    Ad occhio non passa.A meno che, non ci sia dietro qualche affare faraonico di qualcuno che conta molto, qui in Sicilia.

    Estratto del parere del Commissario:

    "In relazione, infine, all’art. 14 (cfr. «norme in materia di agevolazioni per la ricomposizione fondiaria») la previsione dell’ulteriore proroga (per un biennio) delle agevolazioni fiscali di cui all’art. 60, l.r. 2/2002 – consistenti nella esenzione dalle imposte di bollo e catastale, nonché nella riduzione dell’imposta di registro ed ipotecaria in favore degli acquirenti di terreni agricoli – determina minori entrate, quantificabili in 100.000 euro annui. Secondo il Commissario dello Stato tale quantificazione appare «ictu oculi incongrua se posta a confronto con quelle contenute nell’articolo 32, l.r. 2/2002 (3.315 migliaia di euro) e nell’articolo 60, l.r. 2/2007 ( 1000 migliaia di euro) che disponevano entrambe le medesime agevolazioni fiscali rispettivamente nel triennio 2002 – 2004 e 2007 – 2009»; pertanto – in assenza di idonei elementi per la determinazione e valutazione del minore gettito – la quantificazione delle minori entrate contenuta nella norma impugnata «deve ritenersi arbitraria, con conseguente presumibile insufficienza delle risorse individuate per farvi fronte» ed in tal senso, quindi, il Legislatore regionale si sarebbe sottratto all’obbligo posto dall’art. 81 Cost. «di dare adeguata ed attendibile copertura alle nuove e/o maggiori spese o minori entrate che vanno a gravare sugli esercizi futuri compromettendo così l’equilibrio e la solidità del bilancio».

    È per tali ragioni, dunque, che i provvedimenti regionali in materia di stabilità finanziaria restano, attualmente, sospesi al giudizio della Corte costituzionali; e ciò in concomitanza con l’esercizio provvisorio, conseguente alla mancata approvazione in termini della legge di bilancio.

    RispondiElimina
  13. ritengo questa agevolazione un'ottima occasione per noi siciliani per riorganizzare , accorpare e riqualificare terreni che, invece potrebbero perdersi.invece proporrei che venisse limitata solo ai compratori residenti in sicilia e che mantengano la residenza per tutto il tempo in cui mantengono la proprietà.

    RispondiElimina
  14. Ernesto,
    ma io non capisco, se uno si vuole dedicare all'agricoltura e vuole riorganizzare, accorpare e riqualificare già gode di questa agevolazione (è una norma nazionale a patto che tu sia un imprenditore agricolo).
    A chi dunque è necessaria questa norma? a tutti quelli che agricoltori non sono, almeno legalmente.
    Come agricoltore questa norma mi danneggia due volte:
    1) perché fa aumentare il prezzo dei terreni
    2) perché lo Stato italiano i soldi dello sconto sulle imposte li vuole lo stesso, e li paghiamo tutti noi siciliani con le tasse.

    Poi sarà anche utilissima per tanti altri motivi, ma almeno non si dica che favorisce l'agricoltura siciliana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho alcun motivo per nascondermi dietro un dito: il mio giudizio nasce dal fatto personale che tale legge mi ha consentito di accorpare terreni agricoli confinanti con quelli già in mio possesso riuscendo a creare sinergie importanti abbattendo i costi di produzione. pur essendo un' imprenditore agricolo mai avrei potuto effettuare tale compravendita se avessi dovuto pagare il 18% di tasse varie. vorrei farti notare che le tasse si pagano sulla produzione e sulle rendite diverse che, proprio per l'accorpamento avvenuto, aumentano inevitabilmente. forse sfugge a molti non addetti ai lavori il degrado e l'abbandono di vasti territori costituiti da piccole aziendine assolutamente improduttive. è chiaro che poi, come in tutte le cose, di queste agevolazioni possano approfittarne anche speculatori: ripeto basterebbe porre alcune semplici condizioni al contorno.

      Elimina
    2. Ma se sei un imprenditore agricolo, hai comunque diritto all'imposta agevolata all'1%. Informati dal notaio.

      http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2011-03-14/facile-attivare-bonus-acquisto-064012.shtml?uuid=Aa756EGD

      Elimina
  15. qualcuno ha delle novità su questo argomento?...

    RispondiElimina
  16. Risulta x caso a qualcuno che il provvedimento sia stato approvato? Perchè oggi è uscita su Quotidiano di Sicilia la notizia,ma non trovo altre conferme,grazie

    http://www.qds.it/9282-agevolazioni-per-l-acquisto-di-terreni-agricoli.htm

    RispondiElimina
  17. grazie per l'aggiornamento, l'articolo sembra un po' vago. Sulla GURS ancora nulla. Vedremo...

    RispondiElimina
  18. Fossi un contribuente siciliano sarei molto infastidito,come contribuente italiano sono nauseato,basta con queste oscenità,solo per accontentare amici e lacchè,poi ci lamentiamo chè la lega vuole la secessione,questi sgravi fiscali alla fine gravano su tutti i cittadini,quindi dovrebbero essere usati solo a titolo di investimento per far crescere un settore produttivo,come normalmente avviene .
    I terreni vengono qualificati in vario modo,a seconda del loro uso e destinazione,quelli agricoli servono per l esercizio dell attività agricola zootecnica,attività imprenditoriali a tutti gli effetti,e come tali godono di alcune agevolazioni specifiche per il settore tra le quali un imposta di registro pari all 1% del valore catastale per il loro aquisto,come un conto capitale per la costruzione di un capannone artigianale,ora sè un dottore,avvocato,elettricista ,meccanico etc.etc.vuole aquistare terreno agricolo è libero di farlo,ma non essendo agricoltore l imposta la deve pagare per intero,punto e basta,è ora di finirla con questa anomalia,peraltro mi sembra tutta siciliana,come fà un agricoltore siciliano ad espandersi sè la concorrenza sleale gli impedisce di farlo?fossi un agricoltore siciliano sarei più chè incazzato,è uno scandalo.
    I terreni abbandonati sono la conseguenza di una politica scellerata di una classe dirigente chè ha pensato proprio come in questo caso solo ed esclusivamente ai propri interessi,e non saranno escamotage come questi a farli ritornare ad essere coltivati,ma solo a consegnarli molto più facilmente nelle mani di speculatori e lobbisti,vedasi lo scempio dei pannelli fotovoltaici chè hanno finito per occupare le terri migliori.
    Poi come ho gia scritto,io la lascerei pure quella legge,ma obbligherei la conduzione agricola su quei terreni per 10 anni,sarei proprio curioso di vedere quante persone estranee all agricoltura aquisterebbe.

    RispondiElimina
  19. per mimmo...
    sono d'accordo con te nel fatto di far garantire a chi acquista un minimo di investimento sul terreno...ma quando parli di lega e del nord ricordati che tutto il modo è paese, basta pensare alla richiesta di contributi per siccità che si vedono presentate nelle zone del pimonte in poi, e poi se vai a vedere nei periodi estivi irrigano i terreni senza nessun tipo di limitazione di acqua...e pure chiedono, e gli vengono dati, i risarcimenti per la siccità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. X anonimo,non pretendo che tù ti vada leggendo i miei commenti,quello che sta accadendo in questi giorni in casa lega lo vado dicendo da alcuni anni,tuttavia noi del sud a volte riusciamo a creare situazioni imbarazzanti e palesemente disdicevoli ,comprensibili anche ad un bambino,e abbiamo creato il mito di un sud arraffone e furbone,come questa vicenda sicula,un agevolazione chè è gia presente in campo nazionale ma che in sicilia pare essere modificata per agevolare qualcuno chè agricoltore non è,se non è un atto furbesco e maramaldesco,questo, dimmi allora come lo si possa definire,e poi ci tiriamo diero gli strali di un nord che oggi si trova in forte difficoltà anche esso,cerchiamo di omogeneizzarci con fare serio e responsabile al resto del paese.
      Sulla questione siccità Piemonte,non mi esprimo,ma da mè in abbruzzo,avviene la stessa cosa,lungo la valle si irrigua,in collina cè siccità,e quando danno i soldi (quando ci sono)le distinzioni vengono fatte,per cui suppongo chè cosi si faccia anche li,tenendo ben presente chè i terreni irrigui risultano tali è sulla pac,e sui fogli catastali,quindi non è difficile tenerli fuori da contributi per siccità,tuttavia sono del parere chè dove cè il formaggio,ci sono anche i topolini,pronti a banchettare gratis.

      Elimina
  20. La pantomima continua
    http://www.confagricoltura-sicilia.it/fed/stp/12/art120322.pdf

    Mancano i soldi, come già si era capito. Una jattura per gli speculatori, ma non si può avere tutto, caro Diana.
    Fate gli agricoltori sul serio, e l'agevolazione vi spetta già con le norme nazionali attuali.

    RispondiElimina
  21. per granoduro
    ma cosa entra in tasca per gli agricoltori siciliani???
    quindi non è stata approvata?...è ancora in discussioe?...o cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mancano i soldi sostanzialmente.
      Negli anni passati fu approvata con accantonamenti ridicoli, rispetto al reale esborso della Regione. Questo modo di procedere, insieme a tante altre vicende simili, ha provocato un debito della Regione Sicilia di circa 5 miliardi di Euro.
      Arrivati al punto in cui siamo, il Commissario dello Stato, che rappresenta l'occhio dello Stato Italiano sul'isola, ha detto basta. Ovvero prima mettete i soldi sul tavolo e poi do l'OK.
      Ora siccome i soldi non ce ne sono per questo genere di operazioni, penso che il provvedimento cadrà nel dimenticatoio. In ogni caso la finanziaria della Regione è ancora in alto mare, siamo di nuovo in esercizio provvisorio (tutto potrebbe ancora succedere, in teoria)
      Io comunque, se non si fosse ancora capito, sono del tutto contrario a questa norma, che danneggia coltivatori diretti ed Imprenditori agricoli professionali, e favorisce nella migliore della ipotesi chi svolge attività agricola come attività secondaria, o nella peggiore delle ipotesi chi ha intenzione di speculare sui terreni siciliani.
      Comunque continuiamo a seguire la vicenda, tuttavia sinché non si definisce chiaramente la vicenda Imu su terreni e fabbricati rurali io eviterei di comprare alcunché.
      Il valore dei terreni agricoli potrebbe subire un deprezzamento in relazione all'entrata in vigore dell'IMU.
      In Sicilia molti terreni erano ICI-esenti, con la nuova IMU senza esenzioni, le imposte su questi terreni quasi triplicano senza contare i fabbricati. Insomma la prudenza è d'obbligo...

      Elimina
    2. quindi una cosa è chiara......non conviene comprare terreni agricoli.....uno perchè fare un atto ormai è diventato quasi un salasso economico ( può costare più un atto, che il reale valore del terreno), e due perchè con l'ingresso della nuova imposta "IMU", ti troveresti a pagare tasse davvero elevate.....ma allora mi chiedo quali vantaggi porta questo blocco....cosa bisogna fare?.....

      Elimina
    3. allora, se sei coltivatore diretto o IAP godi già di una imposta forfettaria dell'1%, negli altri casi le imposte di compravendita sono al 18% al momento, più la parcella del notaio. Per questo ritengo che la norma regionale (1% per tutti) danneggi gli agricoltori, piuttosto che favorirli.
      E' evidente che un maggior numero di acquirenti (che la norma produrrebbe), farà aumentare il valore dei terreni.

      Il blocco della norma, quindi, porterà ad un inevitabile calo del prezzo dei terreni, considerato anche gli elevati costi economici per produrci qualcosa, i rischi, le nuove complicazioni, la nuova Pac che dovrebbe legarsi più di prima alla conduzione agricola che alla mera proprietà, e naturalmente l'IMU che in relazione a come sarà modulata potrà influenzare molto il mercato fondiario.
      Insomma attendere è meglio, troppe variabili in gioco al momento, del resto con il governo dei banchieri, se hai dei soldi in banca, quello è il luogo più sicuro dove tenerli. Stai sicuro che non te li toccano, ne li tassano, sinchè ci stanno loro (i banchieri) o la situazione finanziaria non tracolla.
      Non avrei fretta ad investire sui terreni, anche se il numero di visitatori sempre elevato che ha questo post, mi fa ritenere che l'interesse sui terreni siciliani è notevole. Boh?! Evidentemente qualcuno fa altre valutazioni, che dirti...magari io ho torto marcio.

      Elimina
  22. Salve a tutti, novità dopo l'approvazione della finanziaria?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ,data l enorme crisi,dato il fatto che lo stato italiano ha raggiunto il 123%di debito pubblico sul pil,dato che la regione Sicilia è una delle regioni più disastrate d italia sotto il profilo economico,si è deciso di togliere anche l agevolazione a chi era coltivatore diretto (agricoltore )almeno queste sono le mie notizie,quindi tutti quelli che aquistano terreni agricoli indistintamente dal loro titolo imprenditoriale ,dovranno pagare anzichè il 18% d imposta di registro,il 36%,a Monti e company servono i soldi,state attenti perche potreste ritrovarvi terreni agricoli intestati vicino a voi a vostra insaputa(vedi caso Scaiola),e di conseguenza vedervi arrivare a casa cartelle esattoriali da parte di EQUITALIA con la richiesta di saldare il conto con l ufficio registro,OCCHIO.

      Elimina
    2. Si, sembra essere passato un emendamento del PdL, che proroga la legge Cuffaro sino a Dicembre 2013.

      http://www.meridianamagazine.org/20120418/finanziaria-regione-sicilia-pogliese-molte-tasse-e-pochissimo-sviluppo/#.T46cLbPUMa8

      Spero di fornire maggiori informazioni nei prossimi aggiornamenti.

      Circa l'agevolazione nazionale attualmente in vigore, di cui parla Mimmo, che riduce l'imposta di registro all'1% per coltivatori diretti ed IAP, si, sembra che il Governo ci stia lavorando per modificarla o eliminarla.

      Elimina
  23. Pochissime informazioni sul provvedimento, comunque si attende il responso del Commissario dello Stato che dovrebbe avvenire a giorni.

    RispondiElimina
  24. Mega impugnativa del Commissario dello Stato. Ben 80 articoli della finanziaria impugnati. Mancherebbero coperture per 900 milioni di €. I nostri parlamentari sono degli inetti, oramai è conclamato.

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/lecce/notizie/cronaca/2012/26-aprile-2012/commissario-stato-impugna-80-articoli-finanziaria-ars-rischio-scioglimento-2004231713982.shtml

    Al momento, nessuna notizia specifica sull'agevolazione per le imposte di bollo dei terreni agricoli. Appena possibile pubblicherò la risoluzione dell'arcano.

    Cascio ha dichiarato "torniamo a lavorare", ma sarebbe stato più giusto se andassero a lavorare per la prima volta in vita loro.

    RispondiElimina
  25. le impugnative riguardavano 80 norme, non articoli in realtà.

    L'art.5 che interessava l'agevolazione non è stato impugnato, ora l'Assemblea Regionale dovrà comunque riformulare tutta la finanziaria. In teoria hanno tempo sino al 30 aprile. Oppure rischiamo di finire Commissariati. Vediamo che succede. Al momento il Caos regna sovrano.


    http://www.siciliainformazioni.com/sicilia-informazioni/il-testo-integrale-dellimpugnativa

    RispondiElimina
  26. salve a tutti, da quanto ho capito l'aggevolazione è passata vero, o no?
    grazie

    RispondiElimina
  27. ti avrei detto di si, se non avessi letto questa nota di Confagricoltura
    http://www.confagricoltura-sicilia.it/fed/com/12/com120427.pdf

    non so che dirti, io ho letto l'impugnativa e non trovo traccia di quanto riporta la nota. Suppongo di essere io in errore. Quindi mi astengo dal diffondere qualsiasi informazione sull'argomento in mancanza di chiarimenti.

    Appena la finanziaria sarà pubblicata, l'arcano verrà svelato. Direi di attendere. Se avrò novità le pubblicherò su questo post.
    Saluti

    RispondiElimina
  28. non siamo alla frutta ma quasi,
    Il Commissario ha nuovamente impugnato la folle finanziaria di Lombardo (prevede l'accensione di un mutuo di 558 milioni di € per pagare stipendi)
    http://www.livesicilia.it/2012/05/03/bocciato-il-mutuo-da-500-milioni-ecco-il-testo-dell'impugnativa/

    Lombardo non si scompone e decide di promulgare lo stesso la finanziaria contro il parere dello Stato
    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/politica/2012/4-maggio-2012/commissario-boccia-mutuo-ma-lombardo-va-avanti-emana-legge-20128421284.shtml

    Della norma che riguarda le imposte di registro sui terreni non ne parla nessuno, ma in teoria dovrebbe ancora far parte del testo della finanziaria. Attendiamo la pubblicazione, salvo nuovi clamorosi imprevisti (ma a questo punto solo la secessione o il default ci potranno meravigliare, tutto il resto è oramai consuetudine).

    Ma siete sempre sicuri di voler investire nel regno del Caos Istituzionale e sociale? Ho sentito dire che in Germania si fanno ottimi affari nel settore immobiliare. Un bel corso di tedesco potrebbe essere, per iniziare, il vostro miglior investimento.

    RispondiElimina
  29. buongiorno, ci sono novità sulle agevolazioni, se la risposta è si fammi sapere il link dove posso scaricare la norma. Grazie

    RispondiElimina
  30. la finaziaria è stata pubblicata ma sono state omesse le pari impugnate , compresa la proroga dell'agevolazione legge Cuffaro.
    Quindi ad oggi non c'e'. Quali possono essere i futuro eventi? o bisogna ormai accantonarla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi serve più tempo per leggere bene il tutto,
      ho dei sospetti che in realtà la norma non sia mai stata inserita in finanziaria, al di là dell'annuncio elettorale di Pogliese. Non mi sembra apparire nelle norme impugnate, ne in finanziaria, forse ci hanno preso per i fondelli.
      Ma dammi un po' di tempo ed un buon collegamento, e sarò più preciso.

      In generale io sono sempre stato scettico, servono i soldi sul piatto, e non sembrano essercene per questo tipo di iniziative.

      http://www.meridianamagazine.org/20120418/finanziaria-regione-sicilia-pogliese-molte-tasse-e-pochissimo-sviluppo/#.T46cLbPUMa8

      Elimina
  31. Ancora con questa litania?possibile che non avete ancora capito che non cè più trippa per gatti?ma dove vivete?le amminastrazioni istituzionale sono con le pezze al culo(per non parlare della regione sicilia,la finanziaria?ma la vostra classe dirigente non si vergogna del disastro economico in cui hanno fatto precipitare la sicilia?e voi opportunisti non vi vergognate di continuare a chiedere di abbeverarvi ad una fonte che non è vostra?)cucù,la musica è finita,e voi continuate ancora a ballare da perfetti incoscenti sull orlo del precipizio,be spero tanto che precipitiate
    dentro.

    RispondiElimina
  32. Ringrazio un lettore che mi ha mandato la seguente mail.

    Ciao Granoduro..ho letto il testo dell'impugnativa...'' Art. 11, comma 2 – La disposizione proroga alcune misure di esenzione delle imposte di bollo e catastali già previste dal comma 1 dell’art. 60 della L.R. 2/2002 e successive modifiche ed integrazioni. Poiché nella allegata relazione tecnica redatta dagli uffici regionali non è in alcun modo indicato il criterio seguito per la determinazione della minore entrata, si ritiene che la stessa sia arbitraria ponendo così la norma in contrasto con l’art.81, 4° comma della Costituzione.''

    Era nell'impugnativa del Commissario quindi. Originariamente l'agevolazione, era all'art.5, evidentemente poi la hanno inserita all'art.11. Da ciò la confusione.

    RispondiElimina
  33. Promulgherà la legge impugnata dal commissario dello Stato?

    Lombardo:“Ho detto che promulgherò la legge impugnata dal commissario dello Stato decorsi i 30 giorni previsti dallo statuto.

    http://www.siciliainformazioni.com/sicilia-informazioni/il-mpa-non-mi-piace-no-pd-in-giunta-voto-a-ottobre-crisafulli-dovrebbe-dimagrire

    RispondiElimina
  34. Di seguito il link con le ultime del Governo Regionale sulle parti impugnate della finanziaria.
    http://www.qds.it/9824-sul-mutuo-bocciato-ancora-niente-ricorso.htm

    Lombardo sembra cotto, alle ultime sedute all'Ars non si è presentato nessuno della maggioranza. Prossima seduta il 22 maggio.

    http://www.asca.it/newsregioni-Sicilia___Ars__chiusi_lavori_Aula__Si_ritorna_a_Sala_d_Ercole_il_22_5-1155010-.html

    http://www.asca.it/newsregioni-Sicilia__Pdl__firme_per_dimissioni_46_deputati_per_scioglimento_Ars-1155293-.html

    RispondiElimina
  35. allora si va ad elezioni anticipate...? ma com'è finita con questa legge?...si sà qualcosa di concreto o noi?..grazie

    RispondiElimina
  36. si vota il 28 e 29 ottobre 2012.

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/palermo/notizie/politica/2012/18-maggio-2012/lombardo-si-dimette-28-luglioin-sicilia-si-va-voto-ad-ottobre-201241156449.shtml

    Per la legge devi attendere i pronunciamenti dell'ARS sulle parti della finanziaria impugnate dal Commissario.
    Al momento l'agevolazione è stata cassata.
    Ciao

    RispondiElimina
  37. salve, è vero che si è chiesto ai vari notai di quantificare il valore degli atti, per definire la copertura fianziaria?....e se si che probabilità c'è che proroghino quest'aggevolazione?

    RispondiElimina
  38. questa notizia sui notai mi sembra così assurda, che potrebbe anche essere vera.
    Se ne sono perse le tracce per quanto ne so. Bisognerebbe spulciarsi gli ultimi atti parlamentari dell'Ars, per sapere qualcosa, forse. Ma al momento non ho tempo.
    Chi ci vuole provare proceda con il seguente indirizzo:
    http://www.ars.sicilia.it/sedute/default.jsp

    e pigi sui resoconti e OdG delle sedute

    RispondiElimina
  39. ancora impugnato!

    http://www.qds.it/9960-acquisizione-terreni-agricoli-ancora-senza-agevolazioni.htm

    RispondiElimina
  40. L'ultimo post sull'argomento lo trovate al seguente indirizzo web

    http://durodisicilia.blogspot.it/2012/06/conclusa-la-pantomima-sullagevolazione.html

    RispondiElimina
  41. Ciao, ma il responso della Suprema riguarda l'impugnativa del Commissario. Il disegno di Legge n. 901 non riapre i termini della questione??

    RispondiElimina
  42. Salute a te
    hai il testo del disegno di legge? puoi linkarcelo?

    RispondiElimina
  43. Ciao,
    il LINK è quello suggerito il 28 maggio: ARS Sicilia Disegno di Legge. In questo momento discutono il D.L. n. 900 ma l'argomento, con fondi pari ad 1 milioni, si trova nel D.L. 901 a pag. 4.
    Così recita "con il comma 1 dell'art. 3 si provvede a ......!"

    Confortatemi nella giusta interpretazione.

    Buona giornata

    RispondiElimina
  44. copia incolla il link...please

    RispondiElimina
  45. abbandonate ogni speranza o voi che aspettavate!!!!!!!....

    RispondiElimina
  46. Altre notizie più recenti....???
    Aiuto che faccio compro o aspetto...??

    RispondiElimina
  47. forse c'è un nuovo disegno di legge, secondo quanto diceva l'anonimo sopra, ma io non ne trovo traccia (ma magari sono io che cerco nel posto sbagliato).

    Se avrò novità le pubblicherò. Altro non so dirti.

    RispondiElimina
  48. Sempre molto gentile...Facci sapere come andra' a finire....

    RispondiElimina
  49. è vero che oggi si vota per l'art.60....?

    RispondiElimina
  50. All'Ars oggi non sono previste sedute. La prossima è giorno 20, ma all'ordine del giorno non sembra se ne faccia cenno.
    Al massimo, se la voce è vera, potrebbe essere una votazione in qualche Commissione.

    RispondiElimina
  51. la speranza è l'ultima a morire.....ma chi visse sperando restò senza atto notarile........

    RispondiElimina
  52. grazie all'intervento del lettore Gabriel, che mi ha scritto privatamente proviamo a dirimere la questione sollevata dall'anonimo sul disegno di legge.

    Così scriveva l'anonimo qualche commento sopra:
    "Ciao,
    il LINK è quello suggerito il 28 maggio: ARS Sicilia Disegno di Legge. In questo momento discutono il D.L. n. 900 ma l'argomento, con fondi pari ad 1 milioni, si trova nel D.L. 901 a pag. 4.
    Così recita "con il comma 1 dell'art. 3 si provvede a ......!"

    Dunque si tratterebbe di un disegno di legge n.901 del 27 aprile 2012:
    qui il link:
    http://www.ars.sicilia.it/icaro/default.jsp?icaDB=221&icaQuery=%2815.LEGISL%29+E+%28Disposizioni+correttive+finanziarie+e+contabili%29

    dove si legge:

    Con il comma 1 dell'articolo 3 si provvede di
    prorogare al 31 dicembre 2013 il termine previsto dal
    comma 1 dell'articolo 60 della legge regionale 26 marzo
    2002, n. 2 e successive modifiche ed integrazioni. Il
    maggiore onere è previsto in relazione alle minori
    entrate tributarie ed è quantificato in 1.000 migliaia
    di euro per ciascuno degli anni 2012 e 2013.

    Nella finanziaria regionale pubblicata il 9/05/2012
    http://www.gurs.regione.sicilia.it/Gazzette/g12-19o1/g12-19o1.pdf

    non si trova tuttavia traccia del provvedimento sull'agevolazione terreni.

    Al momento non esisterebbe dunque nulla di concreto.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.