giovedì 15 dicembre 2011

Puntata di Report sui terreni agricoli

Cari lettori, il prezioso Mimmo mi ha segnalato che Domenica 18 Dicembre alle 21:30, la Trasmissione Report su Raitre si occuperà di terreni agricoli e  risorse disponibili.



Qui il Promo:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e7e0265b-7b81-4fbc-9774-a5066476da48.html

10 commenti:

  1. Visto...
    sono convito che se non ci fosse la PAC in Europa, finiremmo come in Africa,con i terreni acquistati da multinazionali, fondi di investimenti, e miliardari vari, mentre noi se va bene a fare i salariati.

    RispondiElimina
  2. Ma no dai. Da noi esiste la proprietà privata ed è garantita dalla Costituzione. Lì no i Contadini non possono dimostrare che il pezzettino della terra che coltivano è loro. Da noi te la possono espropriare per un motivo "valido" ma costerebbe troppo alla fine. Già conoscevo la storia a sommi capi ma nonstante tutto mi si è rivoltato lo stomaco.

    RispondiElimina
  3. Se non ci fosse la Pac, i terreni varrebbero molto meno e noi agricoltori saremmo ancora più poveri.
    Sarebbe facile acquistare terreni per chi è in possesso di grande liquidità e creare superaziende estensive.

    RispondiElimina
  4. Questa trasmissione ha dimostrato quello che vado ripetendo da qualche anno,e cioè, schiavizzare il più possibile le genti,espropriandoli dei loro averi materiali poichè essi saranno la nuova linfa vitale per il neo capitalismo liberista,manovalanza a basso costo.In quei paesi il gioco è facile,come si è potuto vedere,da noi si sono dovuti inventare un metodo democraticamente corretto,prima ti faccio indebitare,poi in nome del debito da tè fatto, ti tasso a più non posso per riequilibrare i conti,e sè non puoi pagare la colpa è tua chè non sei stato attento,e poco importa se la tua proprietà vale 100 volte il debito,poichè questo parametro valeva quando tì abbiamo concesso credito,ma oggi cè crisi e siccome non puoi pagare 10.000,ooE di tasse tramite equitalia tè la esproprio,e in modo uguale avviene in tutto il resto del mondo cosidetto civilizzato,espropriazione forzosa della proprietà privata tramite pressione fiscale.Sè non si fosse sprofondati nel debito,pac o non pac,i terreni di proprietà non tè lì potrebbe prendere nessuno,e chì non li coltivasse potrebbe tranquillamente lasciarli rinboschire o congederlo in affitto a terzi,invece li devi svendere poichè gravato di un debito chè tutto sommato secondo alcuni economisti stanno solo sulla carta e chè quindi non hai mai fatto con nessuno sè non con tè stesso(debito pubblico)nel mondo occidentale la proprietà privata è inviolabile e garantita dalla carta costituzionale di ogni paese,tantè chè gli strozzini istituzionalizzati nè rivendicano il possesso dietro esigibilità di un debito non saldato e la legge lo permette,una proprietà(credito non restituito)in cambio dì un altra proprietà,la tua (casa terreni capannoni macchinari etc etc.)il vero problema è chè questi signori ci provano a piu riprese,argentina prima,ma hanno sottovalutato alcuni elementi,allora adesso ci stanno provando con la grecia,presto toccherà a noi,l unica soluzione è la disobbedienza fiscale in nome di un debito mai contratto.
    E la più bella trasmissione giornalistica degli ultimi 15 anni,brava la GABANELLI.

    RispondiElimina
  5. Spero che abbiate torto ma dovranno passare sul mio cadevere! La GABANELLI fantastica!

    RispondiElimina
  6. ciao Toni,qui non piove per ora,ma freddo cane e a partire da domani il meteo mette neve a bassa quota con piogge abbondanti,no,a loro non interessa il tuo cadevere,almeno per ora,il loro intento è proprio quello di ripristanare una specie di signoraggio moderno,poichè il vero potere non sono i soldi ma poter disporre della vita altrui,il capitalismo odierno è di stampo relativista sadico deviato,questi vivono di vizi e capricci,ed essendosi già accaparrati granparte delle ricchezze oggi stanno tirando fuori la loro vera indole e non si fermeranno di fronte a nulla,come hai potuto vedere questi non vogliono coltivare grano per sfamare poveri,mà sfruttare i poveri per l arricchimento privatistico,sè non è sadico e perverso un simile comportamento non saprei come altro definirlo, solo una sommossa popolare lì puo fermare,altrimenti non cì sarà santo che ci salvi,la verità è chè ci rivorrebbe la ghigliottina pubblica,ove farci passare una decina di questi signori al giorno,il tutto naturalmente trasmesso a reti unificate,mediaset compreso.

    RispondiElimina
  7. diciamo che tutto questo meccanismo del debito che è stato messo su, non fa altro che spostare sempre più ricchezza verso il capitale (monetario peraltro, neanche fisico). Stiamo andando verso la schiavitù senza neanche aver mai visto in faccia il nostro padrone.

    RispondiElimina
  8. Questo meccanismo nasce agli inizi degli anni 70 negli usa,si decise chè una parte della ricchezza fino ad allora distribuita al proletario che lo faceva diventare classe media ,doveva essere dirottata nella finanza,con la quale aggredire l economia mondiale, e allora cominciarono a ridurrere stipendi e salari,ma si sà ,questi sono esperimenti e gli usa caddero in recessione,allora introduserro una variante,CREDITO AL CONSUMO,formula magica chè consente di dirottare capitali reali nella finanza e alimentare il mercato con carta straccia,(debito)il meccanismo ha funzionato fino a quando il sistema economico era di stampo KEINESIANO,cioè quando il liberale và in crisi arriva il socialista(stato)che lò salva ,il tutto in un contesto di regole,poi arrivano REEGAN e la THACHER,inseriscono la deregulescion,il colpo di grazia come al solito viene da un governo di centrosinistra,CLINTON,toglie le regole che regolamentano le banche d affari e apriti cielo.DERIVATI,FUTURE,e altri strumenti finanziari producono carta straccia pari a 10 volte il PIL MONDIALE,come potete ben vedere siamo seduti sù una montagna di carta straccia,ed è questo il vero motivo per cui questo enorme debito non è esigibile,se tutti andassero ad incassare quei prodotti finanziari il 90%rimarebbero solo con carta straccia in mano,questo debito è fasullo tanto gli strumenti chè lo sostengono,ora se qualcuno cominciasse a dirlo ad alta voce può darsi chè il popolo si incazzi e reagisca ,scusate il mio modo semplicistico di esporre la situazione ,ma la sostanza purtroppo è questa,vanno dicendo chè il popolo avrebbe vissuto al di sopra delle sue possibilità,e in parte è vero,però chi elargiva credito in modo scriteriato?possibile che oggi non debba fare anche questo meaculpa?se tutto il popolo non avesse accettato di indebitarsi come avrebbero potuto fare i loro profitti?questo debito non è esigibile è basta,prima falliamo meglio è per noi.in fondo loro cosa perdirebbero,carta straccia.In realta perderebbero qualcosa in più dei soldi,cioè il potere di schiavizzarci,ed è questo che loro non vogliono e allora ogni giorno ci riempono di cazzate,per convincerci che è come dicono loro,ma in realtà non è cosìORA PERò VAGLIELO A SPIEGARE AI PECORONI DA RECINTO che è il momento di reagire,come si fà?

    RispondiElimina
  9. Mimmo qui ancora neve! I poveri africani non sono passati per il debito. Sono stati direttamente espropriati della loro terra. Secondo la puntata di Report per scopi di agricoltura industriale. Ma questo è già successo in Africa durante la costruzione di una immensa diga. La gente è stata cacciata e basta senza indennizzo dai territori che sono stai allagati. Così come quando sono stati espropriati delle loro ricchezze naturali. Loro non contano, contano solo gli interessi della Banca Mondiale che prima ha fatto indebitare gli stati Africani che hanno seguito i suoi consigli e poi gli stati hanno venduto a questa la loro sovranità popolare,é successo uguale in Brasile. Ovunque! Stessa sorte dei nativi americani in passato. Anche da noi ci sta arrivando in aiuto la Banca Mondiale. Mamma mia!

    RispondiElimina
  10. BENIAMINO:
    Beniamino è un nigeriano di 27 anni,diplomato,immigrato glandestinamente in Italia,per vivere gira l italia con un borsone piena di cianfrusaglie,passa la giornata bussando alle porte della gente,chi lo offende chi lo scaccia chi gli offre la carità e chi compera qualcosa,un giorno di novembre bussa alla mia porta,è un ragazzo di colore fisicamente normale,ha un modo gentile ed educato di presentarsi,è simpatico anche a barone (pastore abbruzzese enorme)mi mostra la sua merce, ma io sono diffidente a priori,nulla contro di loro,ma non mi fido di chi conosco ,figuriamoci,scambia qualche battuta con i miei figli e nel frattempo mia moglie si precipita a fargli un panino + 4E,lei è fatta così,non riesco a scacciarlo,i suoi modi sono garbati,allora io con fare serioso e tono autoritario incomincio ad interrogarlo,le solite domande,e lui mi risponde con piena tranquillità,alla fine io gli dico:
    Beniamino, perchè non torni a morire a casa tua,visto la vita chè fai qui ,prima o poi morirai tra l indifferenza più totale,almeno lì avrai la tua famiglia.
    Lui mi racconta che abitava in un villaggio rurale,un giorno arrivarono delle persone con cataloghi e foto dell Italia e del resto d Europa dicendo che qui c era bisogno di loro,e chè avrebbero fatto fortuna.
    Vendette la sua tenuta agricola,prese dei soldi in prestito lasciando la famiglia indebitata,(tanto farò fortuna e salderemo i debiti) e per 2000$ lo portarono in Italia,è quì da 3 anni. ,precisa,
    NON appena potrò acquistare il biglietto di ritorno me nè ritornerò a casa ,ma precisa che quella cifrà almeno chè non vada a rubare lui non la raccimolerà mai.Un altro schiavo al servizio del sistema,prigioniero in un paese libero.
    Vedendo questo servizio forse si capisce meglio anche il fenomeno della emigrazione glandestina,e sè non fosse solo la fame e le guerre a farli venire da noi?Quante cè ne raccontano,per prenderci in giro,e pensare chè di Beniamino cè ne sono tanti,anzichè spendere soldi inutili,basterebbero riaccompagnarli a casa loro.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.