mercoledì 20 luglio 2011

Orto sul balcone: la Natura va in città

Non essendo stanziale in campagna, i miei orti campagnoli, sono sempre un pò in crisi di solitudine (oltre che del tutto antieconomici). Così tempo fa, non volendo rinunciare al vegetale autoprodotto (con un impegno di tempo e costi accettabili),
 anche influenzato dalla moda dell'orto in terrazza, ho deciso di provare a seminare qualcosa nei vasi nella terrazza della casa cittadina (ma va bene anche un balcone con buona esposizione). Con risultati sorprendenti al secondo anno, ecco il mio pomodoro 15 gg. fa:
























ed oggi:























Le varietà, da me utilizzate, sono il vecchio cuore di bue ed il costoluto da passata. Se ne produce tranquillamente il necessario per il consumo fresco giornaliero di una famiglia media, con pochi trattamenti a base di zolfo e rame, e qualche sporadico trattamento insetticida leggero. 

Funzionano anche spinaci, lattughe, fragole e carote, ma pian piano proverò un pò tutto. Più facile e redditizio di un orto campestre, e sicuramente a Km 0, per un cittadino.



Sotto una foto di una pianta grassa fiorita, curata da mia moglie. Veramente bella.



















Facile e sorprendente, lo consiglio a tutti.

Saluti

P.S.: Non c'entra per niente, ma lo segnalo lo stesso a tutti gli agricoltori siculi alle prese col PSR o in procinto di..., date uno sguardo a questo articolo.

P.S.2: il grande Google, mi ricorda che oggi è il 189° anniversario della nascita di Gregor Mendel, il genetista più ispirato di tutti i tempi.

12 commenti:

  1. Su Mendel

    http://www.mainfatti.it/doodle/Gregor-Mendel-e-la-genetica-dai-piselli-al-Creso-il-grano-nucleare_037563033.htm

    RispondiElimina
  2. Ma li hai già assaggiati i cuore di bue? Ne hai altri in pieno campo? Perché la differenze è notevole...te lo assicuro.

    Skeptical deluso

    RispondiElimina
  3. In realtà trattasi di coer di boef provenzali (molto simili ai liguri),e se la memoria gustativa non mi inganna, mi appaiono essenzialmente gli stessi col medesimo savour.
    Ma se ho l'opportunità organizzerò un test panel per darti completa contezza.

    Au revoir

    RispondiElimina
  4. Si scrive core de boeuf. Sai come si possono recuperare i semi di questa varietà? La vorrei provare. Grazie.
    Skept_deluso

    RispondiElimina
  5. pardon intendevo coeur de boeuf

    RispondiElimina
  6. Si, è vero. Semplificavo in dialetto ligure provenzale.
    Per recuperare i semi, devi recarti presso un mercato ortofrutticolo di agricoltori in Francia meridionale. Sono molto diffusi nei piccoli centri un pò interni, in tutte le mattine estive.

    Oppure se stai in Sicilia, mi scrivi e vieni a prenderli nel mio terrazzo.
    Ma il gusto dipende anche dalla terra che usi. Nel mio caso viene da campagna mia, dall'acqua, dal Sole, dal tocco del coltivatore. In Sicilia per questi prodotti poi siamo baciati dalla fortuna. Insomma non basta il seme, neanche fosse uno dei tuoi amati OGM.

    RispondiElimina
  7. Ti ringrazio per le informazioni e soprattutto per l'invito. Anzi ti invito io in campagna mia, dove c'è l'acqua del pozzo artesiano, il sole della Murgia e il tocco del coltivatore che non sono io ma il papà. Poi magari in Sicilia siete più fortunati...ovviamente dipende dai punti di vista ;)
    Le battutine sugli ogm te le concedo perché evidente che non ci hai capito molto della questione. Ciao.

    RispondiElimina
  8. Se vieni verso settembre potrai gustare le infinite varietà di fichi che riconoscono solo alcuni eletti da dettagli impercettibili ai più.
    Se vieni adesso porta i tuoi cuore di bue, così facciamo un doppio cieco e stai tranquillo che non dirò a nessuno quali saranno risultati migliori :)

    RispondiElimina
  9. p.s....per piacere non ti presenterare con i pachino. Abbiamo degli ottimi pomodori da serbo che non so se hai mai assaggiato.
    Scusa l'invasione.

    RispondiElimina
  10. Sono sicuro che la Murgia è bellissima.
    Del resto siamo abbastanza vicini.
    Mi ero fatto l'idea che fossi emiliano.
    Non so perché, e quindi ti vedevo triste a coltivare l'orto sotto un cielo plumbeo.

    Grazie per l'invito, ma non credo di poter accettare. Peraltro sono famiglia dotato con soddisfazione. Rischieresti tu l'invasione (fisica).

    OGM, ok forse non ho capito. Ma non mi pare che tu ti sia molto sbottonato.
    Scrivimi qualcosa di sensato che te lo pubblico.
    Forza...fammi vedere cosa sai fare.

    RispondiElimina
  11. Ma io non sono un esperto, mi occupo di tutt'altro (telerilevamento e flora alloctona). E comunque in Emilia ci ho vissuto per molti anni! Ti ringrazio per l'invito ma per ora preferisco leggere.

    RispondiElimina
  12. sulla Centaurea napifolia sai dirmi qualcosa?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.