martedì 12 giugno 2012

Ancora sul duro dal Mondo

Due news internazionali, che non ho avuto il tempo di tradurre, sono uscite qualche giorno fa, e ve le propongo in inglese anche a causa della pessima connessione di cui dispongo al momento. Se attendo  ancora, in attesa di tempo a disposizione, diventerebbero troppo datate.


Qui la prima sul Marocco, e di seguito un breve estratto in lingua originale
(Reuters) - Morocco's soft wheat imports may be its highest since 1981 after unfavourable weather left it with the worst cereal campaign among North African countries this year, while Algeria and Egypt expect lower purchases because of good local harvests.
Morocco's agriculture ministry expects a 43 percent drop in this year's cereal harvest that would include 2.6 million tonnes of soft wheat, one million tonnes of durum wheat and 1.2 million tonnes of barley.
Last year's harvest comprised 4.17 million tonnes of soft wheat and 1.85 million tonnes of durum wheat.
Morocco is likely to import at least 4 million tonnes of soft wheat in the 12 months to end-May 2013, which would be the highest since 1981, according to data from the private Cereals Traders National Association (ANCL), which groups the country's private industry operators.
The figure could rise to 4.8 million tonnes if durum wheat prices reach "prohibitive levels," they said.
Having suspended import duties until the end of May, Rabat raised them to 17.5 percent in the period from June 1 to end-December as it braced for the collection of the domestic harvest and higher imports.
Morocco kept unchanged the price it pays local farmers for their soft wheat at a lucrative 2,900 dirhams per tonne but it cut by a third the period over which it subsidises storage of locally-produced wheat.  

L'articolo prosegue con la situazione dei cereali nel resto del Nord-Africa, dove la produzione di grano sembra molto promettente.


Qui la seconda sugli USA:

Ve la riassumo brevemente: la semina del duro in N.Dakota è stata praticamente completata (94%), e l'87 % del duro  al momento si troverebbe in condizioni eccellenti. Temperature più elevate del normale e buone condizioni di umidità spingono le colture.

9 commenti:

  1. mi chiedo quanto siano affidabili queste stime
    può essere che due paesi confinanti situati alla medesima latitudine come algeria e marocco abbiano rese così difformi?

    RispondiElimina
  2. non so quanto siano affidabili, ma le estreme differenze produttive tra i due paesi non mi impressionano.
    Quest'anno sembrerebbe ad esempio che Sicilia e Puglia mediamente, avranno rese diametralmente opposte.
    In ogni caso non siamo in grado di contestarle da questa distanza, le prendiamo per quello che sono.

    RispondiElimina
  3. Ieri è uscito il rapporto mensile WASDE, chiedo conferma a chi conosce bene l'inglese, ma ad occhio e croce mi sembra che il succo sia: produzione giù, scorte giù, ma anche i consumi giù:
    Note: Because planting is still underway in the Northern Hemisphere and remains several months away in the
    Southern Hemisphere, these projections are highly tentative. National Agricultural Statistics Service (NASS)
    forecasts are used for U.S. winter wheat area, yield, and production. For other U.S. crops, methods used to project
    acreage and yield are noted on each table.
    WHEAT: Projected U.S. wheat supplies for 2012/13 are lowered 51 million bushels with
    reduced carryin and lower forecast winter wheat production. Beginning stocks are lowered
    40 million bushels with a 10-million-bushel increase in food use and a 30-million-bushel
    increase in exports for 2011/12. The increase in 2011/12 food use reflects higher-thanexpected flour milling during the January-March quarter as reported by the North American
    Millers’ Association. Exports are increased based on the strong pace of U.S. shipments
    during the final weeks of the old-crop marketing year.
    U.S. all wheat production for 2012/13 is projected at 2,234 million bushels, down 11 million,
    with lower forecast winter wheat production and small reductions in forecast durum wheat
    production for Arizona and California. Winter wheat production is forecast 10 million bushels
    lower with reductions for Hard Red Winter (HRW) and Soft White Winter wheat. The largest
    production declines are in the HRW states of Nebraska and Colorado, but higher production
    for Oklahoma is partly offsetting. With reduced supplies and higher expected prices, feed
    and residual use is lowered 10 million bushels. Ending stocks for 2012/13 are projected 41
    million bushels lower. The projected range for the 2012/13 season average farm price is
    raised 10 cents on both ends to $5.60 to $6.80 per bushel. This remains well below the
    record $7.25 per bushel projected for 2011/12.
    Global wheat supplies for 2012/13 are lowered 7.0 million tons with beginning stocks lowered
    1.5 million tons and world production expected down 5.5 million tons. Higher 2011/12 global
    consumption, fueled by increased global trade, reduces carryin for 2012/13. World
    production for 2012/13 is lowered reflecting reduced crop prospects in several exporting
    countries including Russia, EU-27, Turkey, and the United States. Russia production is
    reduced 3.0 million tons due to a continuation of spring dryness in key winter wheat
    producing areas and indications of crop development problems resulting from winter freeze
    damage. EU-27 production is reduced 1.0 million tons with reduced acreage in Germany,
    Poland, and Spain, only partly offset by higher expected yields in France and Bulgaria.
    Production is also lowered 1.0 million tons for Turkey as winter frost damage and disease
    problems reduce yields across the central growing areas on the Anatolia Plateau. Output is
    reduced 0.2 million tons for Syria as yield prospects decline for non-irrigated wheat in the
    country’s northeast.
    Global wheat consumption for 2012/13 is lowered 4.6 million tons with reduced prospects for
    wheat feeding and food use. Wheat feeding is lowered for EU-27, Russia, and Turkey.
    Larger corn supplies and increased corn feeding more than offset the reduction for EU-27.
    Wheat food use is lowered for India, Bangladesh, and Indonesia. Increases in food use for
    Morocco and Turkey are partly offsetting. Global wheat exports are reduced 1.6 million tons WASDE-507-2
    with a 2.0-million-ton reduction for Russia and 0.3-million-ton reductions for both Argentina
    and Turkey. India exports are raised 1.0 million tons as market conditions improve the
    competitiveness of private exports. World ending stocks for 2012/13 are projected at 185.8
    million tons, down 2.4 million from last month.

    link :http://www.usda.gov/oce/commodity/wasde/latest.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "sugo" sul grano in italiano è questo:
      La produzione di grano invernale in USA è stata prevista in calo dell’1% al livello di 1,684 miliardi di bushels (45,83 mln ton); gli analisti avevano ipotizzato un calo del 2%. La produzione totale di grano in USA (invernale+primaverile+duro) questo mese è prevista di 60,8 mln ton contro 61,11 mln ton provisti il mese scorso. Per un maggior consumo e maggiori esportazioni durante la campagna che negli Stati Uniti si è appena conclusa, le scorte di riporto all’inizio del 2012/13 sono previste inferiori a quanto ipotizzato in maggio. Scorte di riporto e produzione più basse ed esportazione e consumi più o meno allo stesso livello, determineranno stocks più bassi alla fine del 2012/13. Questo mese USDA ipotizza che le scorte di grano negli Stati Uniti alla fine della campagna 2012/13 saranno di 694 mln bushels (18,89 mln ton), in calo di 1,12 mln ton rispetto alla previsione fatta in maggio e in calo di 1 mln ton rispetto alla fine del 2011/12.
      A livello mondiale le scorte di riporto sono previste inferiori di circa 1,5 mln ton per un maggior consumo di grano foraggero durante la campagna che sta per concludersi. La produzione questo mese è prevista in ribasso di 5,5 mln ton al totale di 672 mln ton. Le diminuzioni più significative riguardano l’Europa (1 mln ton) e la Russia (3 mln ton). La riduzione in Europa è prevalentemente imputabile ad un calo della produzione in Germania, Polonia e Spagna parzialmente compensata da un aumento delle rese in Francia e Bulgaria.
      Il consumo totale mondiale questo mese è previsto in calo di 4,6 mln ton per una diminuzione del consumo foraggero in Europa, Russia e Turchia in quanto verrà maggiormente utilizzato il mais. Il consumo alimentare è previsto in calo in India, Bangladesh e Indonesia.
      Le esportazioni mondiali sono previste in calo di 1,6 mln ton per una riduzione in Russia, Argentina e Turchia in parte compensata da un aumento delle esportazioni dall’India.
      Gli stocks mondiali alla fine del 2012/13 questo mese sono previsti di 185,8 mln ton, in calo di 2,4 mln ton rispetto a quanto ipotizzato in maggio.

      Per quanto riguarda le notizie di Marocco ed Algeria ho trovato conferma anche su altre fonti

      Elimina
    2. il grano quest anno c è, a prescindere dalle varie circostanze e dai cali di rese. Quindi in sostanza, è improbabile che le quotazioni aumentino. Anzi mi auguro non scendano ancora. in tal caso se si torna ai livelli da fame(piu di quelli che gia sono), l anno prossimo chi vuol mangiare semini da se il grano. I sondaggisti che percepiscono in rialzo le quotazioni, o operano in un mercato a parte, altrimenti non so come spiegarlo. Oggi foggia ha avuto un bel crollo(periodo pre- raccolta a parte)

      Elimina
  4. gino agricoltore pugliese13 giugno 2012 18:37

    foggia quota oggi 26 € in netto ribasso. come mai prima dell'inizio trebbiatura i prezzi erano nettamente superiori? Eppure i fondamentali non sono cambiati, voglio essere ottimista: può essere una tattica quando i prezzi si abbassano tutti corrono a vendere!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me risulta che, a prescindere dalla quotazione di oggi, siano già 3 o 4 settimane che il nuovo raccolto a Foggia sia trattato a questo prezzo franco partenza. Nuovi ribassi sono nell'aria....
      Un trader

      Elimina
  5. Parlare del prezzo del grano "in campo" è un conto.
    in "magazzino" è altra storia.
    Come potrebbe costare di più il grano appena raccolto se nessuno può stoccarlo???? Stiamo dicendo che esistono benefattori?
    Se i contratti di filiera inchiodano il prezzo secondo voi aumenterà?
    Se per il "capo" della filiera il prezzo doveva scendere, in maniera autolesionistica, paga più delle aspettative?
    Quanti benefattori.....che peccato che sono sfortunato e non ne conosco neanche uno di questi.

    RispondiElimina
  6. dal sole24-Il Chicago Board of Trade (Cbot) ha accolto senza grandi scossoni il primo rapporto mensile del dipartimento per l'Agricoltura (Usda) diffuso a Borsa aperta, dopo l'adozione dei nuovi orari allungati. Le revisioni più rilevanti, rispetto alle previsioni di maggio, riguardano il frumento: il clima sfavorevole ha indotto l'Usda a tagliare in modo consistente le stime sui raccolti, soprattutto in Russia (-5%). Benché sia stata ridotta anche la stima sui consumi, per via del minore impiego nei mangimi, peggiorano le prospettive sulle scorte globali, che rispetto al 2011-12 sono viste calare del 5,3 per cento. Migliorano in compenso le previsioni sulla produzione di cereali foraggeri. Vistosa anche l'ennesima revisione al rialzo delle scorte finali di cotone, che potrebbe fornire un ulteriore elemento di debolezza ai prezzi, già scesi ai minimi da oltre due anni.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.