domenica 13 maggio 2012

Partono i futures grano duro in Italia?

Periodicamente la possibile introduzione dei futures grano duro in Italia occupa le cronache dei giornali specializzati, senza tuttavia sinora trovare concretizzazione.
Stavolta nel silenzio generale è comparso sul sito di Borsa Italiana questo avviso, che sembrerebbe evidenziare un nuovo interesse.
QUI trovate un po' di spiegazioni sullo strumento finanziario che starebbero per mettere in campo.
Alcuni aspetti rilevanti mi sembrano i seguenti:
1) i punti di consegna fisica del grano scambiato saranno localizzati, almeno all'inizio, in quel di Foggia;
2) le negoziazioni avverranno tramite intermediario finanziario (tranne le società che soddisfano alcuni requisiti previsti da Borsa Italiana);
3) non sono chiari al momento i limiti di negoziazione (anche se sono previsti). Questi ultimi sono molto importanti in quanto caratterizzano l'atteggiamento più o meno speculativo del mercato futures.
Nel recente mercato dei futures grano duro canadese, ad esempio per limitare l'atteggiamento speculativo, ad ogni operatore, sono imposti dei limiti che impediscono di comprare e vendere la stessa commodity, più volte nella stessa giornata.

Se  volete saperne di più sul funzionamento dei futures in generale, leggete qua.

Se volete diventare negoziatori finanziari per il nuovo mercato dei futures grano, ecco il corso di formazione adatto per voi
Poteva forse mancare? 


3 commenti:

  1. sembra proprio che stiano arrivando

    http://www.europass.parma.it/page.asp?IDCategoria=553&IDSezione=0&ID=446921

    RispondiElimina
  2. Il comparto produttivo con il parco macchine piu vecchio d europa,che dovrebbe diventare la wollstrett di foggia,me lo vedo io il vecchietto vicino casa mia 82 anni a vendere il grano con i future,ha ancora l aratro con lo scatto meccanico,l altro lavora i campi stando attento alle fasi lunari(i ceci si seminano con luna mancante,altrimenti non si seccano mai),un altro non va nei campi al calar del sole, porta male,questi signori coltivano non meno di 10 ettari a testa ,e noi purtroppo non abbiamo solo il parco macchine piu vechio d europa,ma anche gli addetti.Dovrò far montare sul cingolato un monitor collegato h 24,con Bloomberg Television,-italia terra di conquista,io quando vendo voglio i soldi e basta,e prima di alienare il bene vado in banca a vedere se l assegno è coperto,altro che future,e se non mi fanno i pre contratti,io con la pac che prendo ,posso vivere tranquillamente andandomene al mare,ve lo do io future,scrocconi che non siete altro,ogni mezzo è buono per fregare chi lavora.
    scommettiamo che all inizio,con i future si guadambieranno bei soldi?confesso che non ci capirei un bel niente,spero di essere l unico ignorante d italia,-

    RispondiElimina
  3. i farmer li usano spesso così:
    Alla raccolta vendono il prodotto ed incassano;
    se pensano che le quotazioni siano destinate a salire, acquistano un future per guadagnare sull'eventuale aumento, senza essere costretti a detenerlo fisicamente o a pagare spese di deposito. Ma esistono anche sistemi più creativi per utilizzarli.

    Naturalmente in questo mercato si inseriscono i vari investitori (speculatori) che scambiano il future senza effettivamente essere costretti a comprare la merce.
    Si innescano così le speculazioni di breve (del tipo "in Puglia non piove da 2 settimane" ed il valore del future va giù, poi piove ed il future risale).

    Il grande vantaggio lo ha l'industria perché può pianificare per tempo l'acquisto della materia prima, a prezzi fissati anticipatamente (insomma non avrà bisogno di fare il precontratto con te).

    Sarà semplice non ti preoccupare, la finanza è abile a prelevare i denari, lo Stato è un principiante in confronto.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.