mercoledì 21 maggio 2014

Alfano e Renzi rilanciano l'agricoltura...quasi quasi

Quello agricolo è stato l'unico settore con Pil non negativo secondo le ultime rilevazioni Istat, ed allora il Governo è corso immediatamente ai ripari con due efficaci provvedimenti per sanare questa anomalia.


Il primo riguarda l'esenzione IMU sui terreni collinari, svantaggiati e montani...ne parlammo già in questo post...ora ritorna di attualità...stanno preparando il decreto attuativo...secondo voci di corridoio l'esonero comprenderebbe soltanto i terreni agricoli oltre gli 800 m...tutto il resto, cioè la grande parte dei seminativi italiani saranno interessati per la prima volta da questa imposta.
Questo provvedimento sebbene modulato da aliquote diverse in relazione alla qualifica del proprietario sarà molto gravoso e determinerà un mezzo stravolgimento fondiario nei prossimi anni, a mio parere...Renzi, Renzi ma non dovevi rilanciare la crescita e lo sviluppo? A suon di nuove tasse, sembrerebbe.... già, ma in questo caso dobbiamo dare il giusto spazio ad Alfano ed  al suo partito NCD....Alfano è andato in Parlamento come segretario di un partito, il PdL, che aveva nel suo programma l'abolizione dell'IMU su tutti i terreni agricoli (ai tempi erano interessati all'imposta solo i terreni di pianura)....prego controllare qui (punto 11 del programma)...
ed in effetti il precedente Ministro dell'Agricoltura NCD De Girolamo aveva sposato la causa IMU con molto fervore riuscendo a sospenderla in un primo tempo, con la prospettiva di abolirla del tutto.
Qui alcune dichiarazioni dell'allora ministro: IMU, via una tassa ingiusta, ha vinto tutta l'agricoltura.
Dopo neanche un anno il Consiglio dei Ministri (zeppo di NCD) all'unisono e senza particolari emergenze economico-finanziarie (vedi spread ai minimi storici), non solo ripristinava l'IMU sui terreni di pianura, ma addirittura la estendeva ai terreni collinari che sino a questo momento mai ne erano stati gravati!!!
Vatti a fidare....

Definito il decreto attuativo (dopo le elezioni Europee naturalmente), la prima rata IMU potrebbe essere addirittura versata il prossimo 16 giugno!

In tutto ciò, almeno in Sicilia, i principali sindacati di categoria stanno facendo aperta campagna elettorale per NCD, e non pochi agricoltori starebbero per votare Giovanni La Via....ottimo e qualificato elemento sul piano politico e professionale, ma evidentemente inserito in una compagine del tutto inaffidabile, oltre che discutibile sul piano morale e penale (vedi il recentissimo arresto di un candidato).

Ma non è finita qui, il prossimo 21 maggio entrerà in vigore il DECRETO LEGISLATIVO 17 aprile 2014, n. 69 -Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizio- ni del regolamento (CE) n. 1107/2009 relativo all’immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari.


In pratica l'Italia aggiorna il suo sistema sanzionatorio sull'uso degli agrofarmaci. Niente reati penali ma multe salatissime si. L'entità delle multe non differisce molto tra quelle comminate ad un produttore per un uso non conforme e quelle erogate al fabbricante di agrofarmaci non autorizzati, soltanto che la stessa cifra per un agricoltore medio può risultare molto onerosa, per una multinazionale dell'agrofarmaco una inezia.
Addirittura dice l'articolista di Agronotizie
La sanzione per chi non rispetta le condizioni di autorizzazione di un agrofarmaco è addirittura più salata di quella comminata a chi immette in commercio prodotti non autorizzati
Così per diserbare una leguminosa del Sud Italia (cece, lenticchia, sulla etc..), per le quali non sono previsti prodotti autorizzati (probabilmente nel Bergamasco, terra d'origine del Ministro Martina, non hanno di questi problemi), visto che lo sono quasi tutti per la soia ed in minima parte per il favino, rischiate multe da un minimo di 2000 € ad un massimo di 150.000 € se avete un avvocato particolarmente scarso.  

Insomma il Governo non sta con le mani in mano, sono oggettivamente dinamici, altro che le vecchie cariatidi...nuove tasse, multe, sanzioni.in pochissimi mesi di attività.....poi dici che uno va a  votare pe Grillo.

P.S.: Comunque vada questa domenica dovrei iniziare a trebbiare, le urne mi attenderanno inutilmente...ma voi che avete le idee chiare fate il vostro dovere.




4 commenti:

  1. si vota fino alle 23. ogni voto non dato all'opposizione è un voto a favore di renzi e NCD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. opposizione? c'è un'opposizione?

      Elimina
    2. mah...forse l'opposizione c'è...è l'alternativa quella che mi sembra mancare

      Elimina
  2. Considerazioni, considerazioni che devono partire da un dato inconfutabile, il taglio radicale degli sprechi e dei privilegi. Naturalmente il il fiscal compact ha un senso logico-economico se preceduto da un abbattimento degli interessi sul debito pubblico alla stessa stregua della Copertura che la BCE riserva alle banche in generale, magari non allo 0.25%, ci accontenteremmo dello 0.50%, sai che risparmio per le casse pubbliche da tradurre in infestimenti e ricerca. ... Certo, facendo una comparazione del M5S con le lettere dell'alfabeto diciamo che sono alla lettera " A " comunque, un inizio nella giusta direzione!!!!! Ritengo che dopo il 25 maggio avremo qualche elemento in più per sviluppare ulteriori considerazioni. Buon 25 maggio a tutti. ...

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.