domenica 7 ottobre 2012

La PAC riaccelera - parla Ciolos

Sento di nuovo circolare idee pericolose – ha detto senza mezze parole  Ciolos – alcuni credono che la Pac possa continuare ad avere lo stesso margine di manovra che aveva nel passato, ma voglio essere chiaro: non è più così!”



Evoluzione costante del dibattito PAC, dopo aver annunciato in via ufficiosa una quasi sicura proroga della nuova riforma, ora i tecnocrati agricoli sembrano nuovamente aver cambiato idea. La Pac va portata in porto prima possibile.
Così De Castro sull'argomento: "nessuna proroga, si vota entro dicembre”.
Ed in effetti trovo condivisibile questa posizione, i rischi di ulteriore riduzione del budget, qualora la riforma sia rinviato anche solo di un anno, sono molto elevati.

Di seguito vi propongo l'intervento integrale di Ciolos al congresso Copa-Cogeca, (tradotto da me).



Le nostre discussioni sulla riforma della PAC sono iniziate alcuni anni fa. Al momento, siamo a un passo fondamentale in questo processo. Le organizzazioni sono state pienamente coinvolte. Oggi vorrei avere con voi una discussione concreta sul futuro della PAC centrata su diverse questioni principali. Il futuro della PAC dovrebbe essere organizzata attorno a tre pilastri fondamentali per l'agricoltura: la competitività, la crescita e la sostenibilità.

Il pilastro dell'azione comunitaria è - e continuerà ad essere - gli aiuti diretti, che costituisce quasi l'80% del bilancio della PAC. Comunque, io non ho intenzione di nascondervi il fatto che sono preoccupato. Ancora una volta, così come in ogni fase critica delle discussioni sul bilancio comunitario, sto sentendo idee pericolose espresse. A quanto pare, alcune persone sono ancora sotto l'illusione che la PAC continua ad avere il margine di manovra, che ha avuto in passato. Sia chiaro: non è così.

La Commissione europea è stata fedele alle sue responsabilità e ha presentato una proposta per la PAC che, pur ambizioso, è ancora realistico. La nostra proposta assicura i due pilastri della PAC un futuro solido. Essa, tuttavia, richiedono un certo grado di razionalizzazione. E 'fondamentale che questa proposta sia confermata da parte degli Stati membri e del Parlamento europeo. E anche voi, avete un ruolo importante e urgente da svolgere promuovendo questa proposta e vincendo il sostegno nelle settimane a venire.

Voglio essere assolutamente chiaro: un accordo su un bilancio della PAC ridotta comporterebbe sacrifici. E, come tutti si rendono conto, la tendenza, in particolare per alcuni Stati membri - e sarebbe facile da capire - sarebbe quella di proteggere i pagamenti diretti. E cosa sarebbe successo a spese del secondo pilastro e di tutti gli strumenti che include, con le conseguenze prevedibili? Non vogliamo che i capi di governo debbano scegliere tra il primo ed il secondo pilastro. Essi sono complementari e vanno di pari passo.

I pagamenti diretti rimarranno al centro della nostra strategia. Per mantenere la credibilità nel medio e lungo termine, tuttavia, tale sostegno deve evolvere in modo coerente con le dinamiche economiche del settore agricolo.

Ad esempio, non è più accettabile per due ettari di terreno collinare in uno stesso Stato membro con lo stesso potenziale agronomico, differenze di 100? 600€? e, in alcune regioni, ancora di più. Nel corso del periodo 2014-2020, un programma di vera e propria  convergenza è semplicemente inevitabile se vogliamo essere ancora credibili.

Sono ben consapevole che ciò comporterà decisioni difficili. Le modalità precise sono aperte per la discussione. Il mio scopo non è, ovviamente, di destabilizzare le aziende più competitive in un momento in cui la domanda c'è e quando prospettive a medio termine sono favorevoli.

In effetti, non ho proposto la convergenza stretta su scala nazionale. Né ho proposto una convergenza regionale. Ho proposto una convergenza tra le regioni agricole.

Questa proposta dovrebbe consentire a ciascuno Stato membro di definire raggruppamenti omogenei, in cui ogni settore e ogni attività principali agronomica e agricoli saranno sostenuti in proporzione alle sue reali esigenze - piuttosto che con riferimenti storici che sono stati forse giustificate in passato, ma che sono sempre meno e meno rilevante con il passare del tempo.

A volte si sente dire che questo approccio è in contrasto con i valori di produzione. Io dico che è esattamente l'opposto. Tra le altre cose, che consentirà di rafforzare il potenziale complessivo dell'agricoltura europea - e quindi la produzione - aprendo margini per gli investimenti e nuove prospettive nei settori precedentemente sotto-dotati per ragioni storiche.

Per lo stesso motivo, è mia convinzione che, nelle condizioni attuali, le aziende agricole i cui pagamenti sono ridotti al momento dispongano di tutti i vantaggi per recuperare gradualmente sui mercati quello che potrebbero perdere in termini di aiuti durante questo periodo.

Abbiamo bisogno di rafforzare la competitività dell'agricoltura europea. Ancora una volta, però, sono ben consapevole che ciò non può avvenire dall'oggi al domani. Sono aperto a lottare per raggiungere la necessaria convergenza con l'obiettivo di rafforzare il settore produttivo agricolo nel suo insieme, e questo non significa sacrificare un po 'per il bene degli altri.

Lo stesso vale per il "greening'. Ho sentito molti fraintendimenti distorti delle mie proposte. Questo strumento è stato progettato per assicurare la sostenibilità economica del settore in Europa e il mantenimento a lungo termine della capacità produttiva. Nel frattempo, è necessario che l'immagine di "brand" del settore agricolo, consenta di essere riconosciuto per il suo contributo, piuttosto che visto in termini di preconcetti.

Non è una questione di avvolgere l'ambiente nella bambagia. Sai, per rendere il colore verde, è necessario blu, giallo, e un po 'di esperienza per rendere la miscela un bel colore. L'idea non è quella di dipingere l'agricoltura in verde (per fare un po 'di green-washing).

Non sto prendendo una posizione dogmatica su questo argomento. In questi giorni, passo la maggior parte del mio tempo in campo, incontrando agricoltori e discutere con loro per vedere come questo funziona correttamente, in pratica, a livello di base. Sono consapevole del fatto che al di sopra certe latitudini le opportunità di diversificazione delle colture sono più limitate. Si tratta di aspetti di cui terremo conto.

Io non ho intenzione di elencare in dettaglio tutte le possibili soluzioni flessibili. Ho indicato le modalità flessibili molto presto nel corso dei negoziati. Ma devo puntare i piedi su una cosa: sono fermamente contrario all'idea di un pick-and-mix menu. Gli agricoltori sarebbero i primi a soffrire di questo tipo di approccio à la carte. Può sembrare attraente in un primo momento, perché sembra piacere a tutti. Ma un approccio di 'menu' effettivamente provoca caos, crea distorsioni tra gli agricoltori europei e, in ultima analisi, nessuno è soddisfatto!

Per evitare questo problema, a parte le tre misure semplici proposte dalla Commissione, c'è una parola chiave: equivalenza. Ci possono essere misure agro-ambientali che sono ancora più vantaggiose per l'ambiente e che sono già sostenuto nell'ambito del secondo pilastro.

Ma dobbiamo fare le cose per bene. Stati membri possono proporre misure per sostituire una o più delle tre misure più ecologiche. Le alternative di misure agro-ambientali saranno valutati per garantire che il loro impatto sia almeno equivalente a quella delle tre misure iniziali. Se questo è il caso, le aziende agricole avranno diritto a ricevere i fondi sia per il "greening' nell'ambito del primo pilastro e per le azioni agro-ambientali nel quadro del secondo pilastro.  Razionale sono incoraggiato, non scoraggiato.

Prima di concludere in materia di greening, vorrei risolvere rapidamente un punto che ha suscitato molte discussioni: il 7% di "Aree ecologiche mirate". Lo ripeto, per quanto necessario: non si tratta di set-aside!

In primo luogo, stiamo andando a prendere in considerazione settori che non erano ammissibili fino ad oggi, ma che comunque fanno parte dell'infrastruttura ecologica di un'azienda. Le aree che è importante tutelare e valorizzare. Pochi giorni fa, in Irlanda, accanto a pascoli ho visto parti di campi che non sono state prese in considerazione in quanto contenevano cespugli ed erba alta. Fanno parte della fattoria, e in realtà possono essere prese in considerazione.

Quindi, possiamo lavorare sul riconoscimento produzione ecologica in risposta al provvedimento del 7% Ecologico di messa a fuoco, e anche sulla gestione in parte collettiva di questa infrastruttura ambientale. C'è ancora lavoro tecnico da fare su questi due temi. Stiamo facendo buoni progressi, tuttavia, in entrambe le direzioni con fine di consentire a questa misura per dare un contributo reale al settore agricolo in termini di impatto ambientale, pur rimanendo gestibile e in linea con il nostro obiettivo di un'agricoltura sostenibile.

Infine, per concludere, vorrei parlare di strumenti di mercato. Questa è una questione che ho già discusso con alcuni di voi. Le mie proposte su questo tema sono state sottovalutate. Le discussioni con il Parlamento e il Consiglio ovviamente determinano la dimensione del passo che stiamo andando a prendere verso un nuovo sistema di gestione dei mercati agricoli, ma la volatilità dei prezzi è assolutamente insostenibile nel lungo termine - qualcosa deve essere fatto .

La prima cosa è che abbiamo bisogno di reti di sicurezza più sensibili a livello europeo. Voglio essere chiaro: a livello europeo abbiamo bisogno di mezzi finanziari per intervenire rapidamente. Con limitate risorse di bilancio, la reazione rapida è essenziale - anche se naturalmente dobbiamo evitare di intervenire inutilmente.

Il secondo fattore è gli strumenti di prevenzione e di anticipazione previsti nell'ambito del secondo pilastro. Gli agricoltori e nel settore agricolo devono familiarizzare con questi strumenti e li rendono un elemento chiave della sicurezza del reddito.

Il terzo fattore è l'organizzazione. Questo non è un termine intangibile, ma è molto con i piedi per terra. Questa riforma dà nuove possibilità agli agricoltori di - collettivamente - di organizzarsi.

Accanto miei colleghi commissari - Antonio Tajani, Barnier e Dalli - ho deciso di concentrarsi sulla catena alimentare e sulle pratiche commerciali. Abbiamo visto la portata limitata di ciò che può essere realizzato mediante un'azione volontaria. Non dobbiamo avere paura di utilizzare i mezzi legali per contrastare gli abusi dei pesi massimi tra gli operatori interessati.

Questo è il contesto generale in cui si dovrebbe mettere il dibattito in corso sui diritti di impianto per il vino, guardando al futuro. Io ripeto oggi quanto ho detto all'inizio di settembre: vino con o senza GI [indicazioni geografiche] necessità di regolazione. La liberalizzazione non è un'opzione.

Tale quadro normativo dovrebbe dare più spazio ai produttori - le persone a contatto con i mercati su base giornaliera. Si deve rendere possibile lo sviluppo del settore, con l'aiuto di strumenti a livello comunitario per evitare incidenti.

Quindi, abbiamo bisogno di una rete di sicurezza a livello europeo, ma la gestione nazionale delle autorizzazioni di vino con un maggiore coinvolgimento dei professionisti, in particolare per i vini DOP.

Il gruppo ad alto livello ha fatto progressi con il suo lavoro. C'è ancora un incontro che si terrà alla fine di novembre, che, ne sono certo, sarà l'occasione di portare avanti le questioni ancora da chiarire, al fine di arrivare a un consenso favorevole per il futuro del settore, in particolare per i vini senza indicazione geografica.

In conclusione, vorrei sottolineare che, per quanto riguarda le tre vie principali per il futuro che ho discusso - convergenza, ecologici e di organizzazione - vorrei mantenere la coerenza forte tra gli approcci territoriali e settoriali. I due approcci sono complementari e si sovrappongono.

Sono fermamente convinto che, stimolando i territori e dando impulso a settori si consentirà anche di accrescere le aziende agricole. La riforma della PAC definirà gli strumenti ed i mezzi. Il sistema dovrà quindi essere integrata con i più approcci settoriali, in modo che le tre priorità che ho fissato per l'agricoltura europea - vale a dire la competitività, la crescita e la sostenibilità - diventino una realtà quotidiana in tutti i settori agricoli europei.



Ne approfitto per lanciare un sondaggio, prendendo spunto dalle parole di Ciolos: se fosse ridotto il budget PAC, preferiste rimanessero inalterati i pagamenti diretti o lo sviluppo Rurale?


16 commenti:

  1. sono sempre stato contrario ai psr-falsano la realta e danneggiano la competitività-in poche parole io voglio da mangiare quando ho fame-in italia l utilizzo di questi strumenti è stato ha entusiasmato sopratutto i furbi,grazie alla larga circolazione del contante si sono fatti molti magheggi intorno ai psr-oggi non è piu cosi,e meno male aggiungo io-il primo pilastro dovrebbe assorbire per intero la pac,magari differenziandolo per specificità colturale-dovrebbe essere un sostegno al reddito agrario e basta-niente capannoni,ne attrezzature,i loro costi devono essere scaricati sulla produzion e aziendale-se si guadambia si spende altrimenti tutti al mare

    RispondiElimina
  2. Tutte barzellette! la pac dovrebbe essere un sostegno al reddito, quindi gli aiuti vanno distribuiti in base alle rese di una determinata zona!
    Non è possibile che un agricoltore della pianura padana percepisca di più di un siciliano o di agricoltori con terreni in zone collinari/montane!
    Se un ettaro di terreno a frumento in sicilia o in montagna da, per ipotesi, 100 euro di guadagno e in pianura padana 600 euro, per come la vedo io, dai 500 euro di pac solo alle zone disagiate, in questo modo equipari il reddito.
    Non me ne vogliano i padani, ma questo vale anche per le nazioni del nord europa!

    RispondiElimina
  3. Mimmo
    Certo lo sviluppo rurale è fonte di clientele, truffe e corruzione. Però manterrei quantomeno degli aiuti per le nuove leve (vere).
    Altrimenti si rischierebbe di creare una supercasta inaccessibile di agricoltori che godono dei pagamenti diretti.

    Walter
    Ciolos non si spiega bene in questa occasione o la mia traduzione fa pena, in realtà lui vorrebbe modificare la PAC nel senso che proponi tu (o quantomeno con premi simili per tutti). Allo stato attuale invece ci sono profonde sperequazioni che premiano chi ha già un reddito più elevato, e puniscono chi guadagna poco e niente.

    Per farti un esempio in Italia la Regione che percepisce di meno rispetto alla SAU è la Sardegna, dove infatti agricoltori ed allevatori stanno alla canna del gas, peggio di qualsiasi altra Regione Italiana.

    Scrissi un post tempo fa sull'argomento
    http://durodisicilia.blogspot.it/2012/02/la-pac-e-uguale-per-tutti.html

    Attenzione sul budget complessivo UE che già i Britannici minacciano veti!

    http://lastampa.it/2012/10/07/economia/cameron-pronti-al-veto-su-budget-ue-S3Pk4S0X4USrobl7PSRCII/index.html

    RispondiElimina
  4. gli aiuti diretti hanno alimentato alle volte un sistema perverso per cui oggi è molto più conveniente stare a casa che coltivare e fare manutenzione ai fondi. lo sviluppo rurale serio e veritiero è l'unica via per dare una svolta al sistema produttivo agricolo. è inutile illuderci che sostenendo i redditi si possa andare avanti nel tempo. le condizioni produttive progressivamente saranno sempre più difficili anche gli aiuti avranno sempre meno efficacia.

    RispondiElimina
  5. bé però gli effetti dello sviluppo rurale, almeno in Sicilia (Regione Obiettivo 1), sono ben miseri, a guardare i dati ufficiali. Certo qualche azienda riesce, ma per valutare l'efficacia di una politica vanno presi in considerazione i grandi numeri.
    Il PiL Regionale Agricolo Siculo è in calo da anni al di là delle questioni strettamente congiunturali, mentre ci sarebbe dovuto essere un boom economico, vista la quantità ingente di denaro UE, speso negli ultimi lustri per lo sviluppo rurale.

    http://www.qds.it/4981-pil-sicilia-in-discesa-da-trent-anni.htm

    Personalmente mi preoccuperei di creare le condizioni affinchè l'economia possa prosperare, perché in un contesto generale bacato e fiscalmente oppressivo come il nostro, l'efficienza di qualsiasi investimento pubblico sarà sempre irrisoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calibrare un meccanismo che garantisca pari reddito a tutti, comporta lo scontro con chi ci perderebbe rispetto alla posizione attuale . Di solito ha abbastanza tempo e mezzi per mettere in atto ostruzionismi .
      Il psr ha l'handicap di dover passare per la forca caudina regionale,con sperequazioni di efficienza tra le varie regioni e all'interno delle stesse regioni, tra comparti agricoli politicamente forti e altri che lo sono meno..Credo sia uno dei motivi per cui i comparti più deboli, non lo vedano di buon occhio . Di per sè sarebbero solo uno strumento: le misure mirate del psr le prendi, se fai qualcosa di specifico,sta alle regioni che dovrebbero avere il polso di cosa localmente è piu consono finanziare Non si può non constare che è uno strumento faragginoso e che evidentemente politici e apparati burocratici regionali ci han messo del loro e di buona lena per farlo funzionare male o proprio per niente. Dovremmo poter distinguere tra la validità o meno dello strumento e di chi dovrebbe metterlo in moto.ma evidentemente la sfiducia in quest'ultimi e il vedere lesa la libertà di impresa, non lo consentono.
      Su questo umtimo punto però,bisogna considerare ,che gli aiuti all'agricoltura sono soldi pubblici, fanno gola anche ad altri comparti e mi sembra normale che chi li mette ( il contribuente ) ,voglia almeno avere qualcosa in cambio .A differenza di 40/50 anni fa ,il solo cibo non gli basta più . C'è da rilevare in questa pac un cambiamento negli obbiettivi : torna ad essere preso in considerazione il produrre ,che nelle ultime pac pareva superfluo...e quanto la volatilità dei prezzi, vi incida.Stabilire, in mancanza di misure chiare,quanto questi intenti produrranno effetti efficaci, è davvero un incognita..

      Elimina
    2. Granturco, certo è solo uno strumento, ed appunto la sua efficacia dipende da chi lo gestisce. Una pistola nelle mani di un equilibrato tutore dell'ordine non è un problema verosimilmente, ma certamente in quelle di un rapinatore potrà esserlo.
      E quindi mi chiedo semplicemente, ma la Regione Sicilia che non è in grado di badare a se stessa nelle funzioni più elementari, come si può pensare che possa gestire con efficacia minima lo sviluppo di aziende private?
      Le amministrazioni non sono tutte uguali, chi si dimostra incapace di assolvere ai propri compiti dovrebbe essere interdetto. Ma all'Europa non interessa realmente far crescere i territori più deboli e periferici, così continua ad erogare a prescindere dai risultati. Salvo poi un bel mattino, svegliarsi e chiedere il conto.

      Elimina
    3. Be che ci fosse presentato il conto c'era da aspettarselo....e anche su a chi tocca poi pagarlo.purtroppo.

      Difatti hanno iniziato con l'intedire il governo nazionale, mandandoci Monti...Dici che la cosa continuerà con un “commissario alla Monti “per ogni regione ,provincia e comune italiani incapaci di assolvere ai propri compiti? Ce ne vuole un esercito ,Piemonte compreso!

      Mi ricordo che già 20/30 anni fa certi anziani : vista la caratteristica nord europea della politica agricola ,consideravano che non sarebbe bastata una politica agricola europea per farla funzionare da noi..ci sarebbero voluti :agricoltori ,politici e funzionari “europei “

      Battute a parte ..il problema dei due pilastri a mio avviso fin'ora è stato ,che chi non fa funzionare il secondo ,non ha sviluppo . Invece la cosa che su cui ci si è focalizzati è che si perdono i soldi. Quindi giù strategie ..per non perderli . da noi sono arrivati a produrre misure del psr, i cui beneficiari sono gli enti locali ,i sindacati agricoli..altre a cui possono partecipare investitori extraagricoli,che acquistano aziende e si inventano la figura di imprenditore agricolo per un familiare ,ma fan fare tutto al terzista..Sviluppo come e per chi? per l'agricoltore,l'ambiente , l'agricoltura o la burocrazia?La politica agricola europea è un progetto alla cui stesura i partecipano soggetti diversi con interessi , obbiettivi e mezzi .Ma non finisce li..ognuno continua a cercare di perseguire obbiettivi e interessi propri anche dopo , con l''applicazione pratica delle misure ,qualche volta anche con i bandi .cosi le bozze vanno e vengono da Bruxelles per mesi se non anni prima di essere operative..e quando lo diventano, molte volte sono superate dalla realtà che nel frattempo si è modificata..

      Elimina
    4. Ma, il commissario alla Monti subentra quando i buoi sono già scappati e giusto per risarcire i creditori, non per fare gli interessi dei commissariati.
      Nell'Europa che hanno costruito, dove l'errore del tuo vicino si trasforma in un vantaggio per te (vedi i tassi d'interesse negativi a cui si finanziano i paesi virtuosi, grazie alla crisi del Sud), fa comodo avere territori sottosviluppati e poco competitivi.

      Elimina
  6. A me questo Ciolos non piace per niente, fa un pò troppo la prima donna pensando di introdurre nella riforma PAC principi rivoluzionari, quando invece se tutto ruotasse all'idea che i contributi devono essere un sostegno all'agricoltura ed agli agricoltori tutto sarebbe più semplice, inoltre ritengo che senta un pò troppo l'influenza dei paesi nordici altrimenti non si spiega una frase del genere:
    "Pochi giorni fa, in Irlanda, accanto a pascoli ho visto parti di campi che non sono state prese in considerazione in quanto contenevano cespugli ed erba alta. Fanno parte della fattoria, e in realtà possono essere prese in considerazione.
    Ma che c'entrano i cespugli e l'erba alta con l'agricoltura ed i prodotti agricoli? boh... lo sa solo lui.

    RispondiElimina
  7. Con i prodotti agricoli credo niente.. ma quelle aree, secondo Ciolos ,possono essere prese in cosiderazione nel conteggio del 7% di "Aree ecologiche mirate".Attualmente quelle aree vengono detratte dal conteggio della pac e anche dalle misure agroambientali .La detrazione varia annualmente proporzionalmente alla crescita/taglio degli alberi.
    Se Ciolos pensa in quel modo di risolvere il problema dei contenziosi su questo punto..credo che rimarrà deluso .Sarà di nuovo pane per i controllori,avran i loro da fare a misurare , rilevare quanto cresce la superfice ad Aree ecologiche mirate e quanto cala quella a pac...vivono di questi controlli...

    RispondiElimina
  8. si, l'interpretazione di granturco è corretta.
    Nel mio territorio collinare il 7% lo ammortizziamo subito, viste le tare, certo in Pianura Padana è molto più complicato.
    No, Ciolos fa una politica a favore dei paesi ad agricoltura meno intensiva, periferici e con minori titoli storici. Quindi è costantemente sotto attacco dei potenti Centro-Europei (e ci mettiamo anche i Padani), e deve costantemente giustificarsi.
    Personalmente preferisco la sua visione a quella attuale, basata sui titoli storici che innescano rendite di posizione dei territori più ricchi a svantaggio dei più poveri (ma io appunto faccio parte dei periferici, poco intensivi e poveri...praticamente sono un rumeno).

    RispondiElimina
  9. http://www.repubblica.it/economia/2012/11/14/news/bilancio_ue_taglio_di_30_mld_ai_fondi_strutturali-46647774/

    RispondiElimina
  10. Senza entrare nel merito della questione, quest'Europa è veramente una minchiata, ognuno tira acqua al suo mulino; organi decisionali immobilizzati da veti incrociati e alla ricerca perenne del compromesso storico su qualunque argomento.

    RispondiElimina
  11. le associazioni cosa fanno? penso che non manchi molto alla rivoluzione!!!

    RispondiElimina
  12. Rivoluzione de che?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.