venerdì 19 ottobre 2012

Caos e rivolte a Palermo!

Stamane mi trovavo casualmente a Palermo, fermo in macchina al semaforo dell'incrocio tra via Pitré e la Circonvallazione, attendevo pazientemente di attraversare il ponte che mi avrebbe consentito di raggiungere  la strada per la campagna, quando all'improvviso di fronte a me si materializzava un nugolo di scooteristi.
Erano quelli della Gesip, i dipendenti della municipalizzata di Palermo messa  in liquidazione, che a bordo dei "motori" si spostavano lungo la circonvallazione bloccando il traffico qui e lì (ed il traffico a Palermo è già caotico di suo). Il tizio Gesip piazzato di fronte alla mia macchina, con lo scooter,  aveva una rabbia in corpo (i miei colleghi Forconi erano delle educande al confronto) che raramente avevo mai avvertito, e gridava come un pazzo "Sciopero, sciopero, blocchiamo tutto", oltre ad altri epiteti poco amichevoli, ai danni degli astanti, sui quali preferisco sorvolare. Uhm... si prospettava una giornata persa ad un incrocio periferico del Capoluogo. Era infatti chiaro che questi, avevano appena iniziato la loro manifestazione, mentre le forze dell'Ordine li seguivano a debita distanza senza intervenire, congestionando ancora di più la situazione.
Come avrei scoperto più tardi, era appena terminato nei paraggi un incontro con il sindaco "Ollando" che evidentemente non aveva sortito gli effetti sperati.
Qui l'articolo di Rep Palermo che racconta l'evento.
In breve e per sommi capi, il Comune di Palermo in preda a difficoltà finanziarie di notevole entità (e quando mai) ha deciso, qualche tempo fa, di chiudere una azienda municipalizzata che forniva servizi vari al comune, la Gesip appunto, lasciando a piedi, 1800 dipendenti, tra i quali alcuni ex detenuti. 
Ovviamente ciò ha innescato proteste e rivendicazioni da molti mesi, se non anni. In questo momento specifico le proteste dei dipendenti Gesip, resisi conto dell'ineluttabilità del licenziamento, hanno l'obiettivo di ottenere, almeno, la cassa integrazione in deroga (e secondo me sarebbe giusto anche concedergliela). Ma il governo nazionale nicchia, in quanto ritiene che questa categoria di lavoratori non rientrerebbe tra quelle aventi diritto. Nel mezzo il sindaco di Palermo, cerca di barcamenarsi tra due fuochi: da un lato  i suoi grandi elettori delusi (Gesip lo aveva votato in massa appena qualche mese fa) e dall'altro un governo nazionale politicamente avverso che non vede l'ora d metterlo sulla graticola. 
In questi ultimi giorni la tensione sta crescendo. Nelle ultime ore la Gesip ha intensificato lo scontro tentando di bloccare gli autocompattatori della nettenza urbana della città, assaltando la sede del Governo Regionale, e bloccando innumerevoli volte varie parti della città.

E tutto ciò in un contesto di mobilitazioni di altre categorie. Nel frattempo oggi un altro corteo sfilava per Palermo, gli addetti dei call center, ed una altra manifestazione dei forestali davanti l'Assessorato Regionale.

Giornata davvero tesa, per uno strano scherzo del destino 68 anni fa, il 19 Ottobre 1944, esplodeva proprio a Palermo una rivolta conclusasi con 24 morti e 158 feriti nelle file dei manifestanti, che chiedevano pane. E proprio quest'anno per la prima volta, segno dei tempi evidentemente, è stata commemorata ufficialmente dal Comune di Palermo, questa strage dimenticata detta appunto "del Pane". 

Insomma a Palermo, sebbene ancora non tirino le bombe a mano sulla folla come nel 1944, sicuramente l'atmosfera è frizzante. Ed intanto Beppe Grillo vola nei sondaggi primo partito in Sicilia!!!
Momento storico interessante, ne vedremo delle belle, basta sopravvivere, il che non è scontato a questo punto, anche se per un agricoltore è senz'altro più facile.

In quanto a me, nella specifica situazione di stamane, ho approfittato di un momento di distrazione dei manifestanti al blocco, e mi sono infilato in un varco apertosi miracolosamente, raggiungendo la campagna. Credo che la mia prossima visita in città, non sarà a brevissimo termine. 

22 commenti:

  1. io non ti conosco personalmente...
    ma sei un grande!!

    RispondiElimina
  2. inutile ed estremamente iniquo il paragone con il '44. ma d'altronde ai siciliani piace molto la tragedia, il teatro; appassionati come sono di dialettica, alle volte pensano più a COME parlare piuttosto che A COSA dire.

    e poi strillano, piangono, SI LAMENTANO.

    sono stato a palermo quest'anno, in agosto. un porcile, uno schifo di città, degradante e degradata. la forestale ha pure il coraggio di manifestare per dei tagli. è vergognoso, mezza regione vive con i soldi pubblici, il settore deputato alla protezione del patrimonio floro-faunistico si succhia da solo tre volte tanto quello canadese. state fuori di testa veramente; incivili, cacate in testa alla vostra stessa storia, e lo fate puntualmente, ciclicamente.

    V E R G O G N O S O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indignato del Nord,

      e cosa dovremmo fare secondo te, continuare a pagare tasse (le più elevate d'Italia) ad uno Stato iniquo ed inefficiente (nello Stato ci metto anche la Regione Sicilia naturalmente), in cambio di alcun servizio, senza neanche lamentarci?
      O compiacerci che i nostri concittadini vengono licenziati da una classe politica che sino a ieri li ha presi in giro, in cambio di un voto?
      La soppressione di queste municipalizzate ha peraltro delle ricadute pratiche, su ville e giardini pubblici o strutture comunali varie, tipo piscine. Tutto in rovina. Come anche tu hai visionato .
      Quindi non capisco il tuo risentimento. Probabilmente dovremmo scomparire nel silenzio. Datti da fare tu, e fai la secessione del Nord se non ti sta bene, o ti trasferisci in Canada dove troverai tanti Siciliani che messi nelle condizioni di prosperare onestamente hanno avuto successo. Se speri nella nostra silenziosa eutanasia, comunque puoi stare fresco.
      Il '44 ti infastidisce, bé ma non possiamo cancellare la Storia. E' già successo, ed è probabile che se chi comanda, ragiona come te, succeda di nuovo.

      Elimina
    2. non hai tutti i torti-la sicilia per 50 anni ha fatto si che la DC governasse e sfasciasse il paese,per 20 anni ha fatto si che il centro destra governasse il paese e lo portasse nello stato in cui è oggi-ad essere ottusi ed ignoranti(perche male informati)le cose stanno cosi-
      in realtà,la verità è un altra-nella prima repubblica con il debito pubblico si sono comprati i voti e i consensi,negli ultimi 20 anni ,sono stati più raffinati-
      si sono spartiti il paese e se lo sono mangiato,attaccando la libertà personale e la democrazia-e i siciliani?uguali agli altri-cosa puoi fare se chi amministra anzi che investire in economia manufaturiera si è messa a creare carrozzoni inutili per sistemare leccaculo,falliti della politica ,ruffiani e malavitosi,cercando di continuare a controllare il consenso cittadino?-
      o imbracci un fucile e ti metti a sparare o speri nella misericordia-
      i siciliani sono alla canna del gas-ma cosa dire del nord dove 1 azienda su 2 sta dismettendo?non mi pare che gli amministratori del nord siano stati più diligenti di quelli del sud-e del centro ne vogliamo parlare?meglio di no,per carità-
      la verità è che chi amministra tutto dovrebbe fare tranne che comportarsi come i politici italiani,tangetopoli apri un varco ove i ruffiani e leccaculo della prima repubblica (cioè i compari dei politici della 1 repubblica)poterono intrufolarsi nelle istituzioni grazie al fatto che fino a quel momento non erano apparsi in pubblico e quindi poterono presentarsi come nuovo-
      un solo nome su tutti-berlusconi,il nuovo che si era arricchito grazie al" vecchio " CRAXI,-
      poi 2 colpi di stato in bianco-legge elettorale porcata,e l esclusione delle minoranze dal parlamento,hanno spianato la strada ad un associazione delinquenziale che mai prima si era visto-messo sotto controllo i media hanno raccontato al paese quello che volevano-litigavano la sera nei salotti televisivi,per dividere il paese,e si ritrovavano la mattina seguente nei loro salotti privati a spartirsi il paese-a me la lombardia,a te il piemonte e cosi via-
      ringraziate che sia arrivata questa crisi,non tutti i mali vengono per nuocere-forse falliremo(cancelliamo forse?)ma è anche vero che forse potremmo salvarci,-senza la crisi ,questi si sarebbero mangiati pure le pietre della strada,e cristo in croce ci avrebbe salvato-
      intanto speriamo che votino M5S,non sono grillino,ma votare loro significa togliere le poltrone ai vecchi tromboni della politica,poi visto mai che in mezzo a questi grillini non ci sia mai un onesto che si metta di traverso al vecchio sistema?
      be male che vada,con grillo falliremo tra una risata e l altra-

      Elimina
  3. Il tuo blog è stato segnalato sul portale della Community AziendaCondominio quì:
    http://www.aziendacondominio.it/forum/viewtopic.php?f=1&t=2458&start=45#p20436

    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie

      per una attimo avevo temuto fosse una segnalazione alla questura.

      Elimina
    2. Lì sei già controllato. Parola!

      Elimina
    3. Chiariamo...uno dei lettori del blog, appassionato agricoltore (oppure un ottimo infiltrato), lavora, per sua stessa ammissione, in polizia.

      Vero che ogni tanto sono cattivello, ma se alla questura dovessero controllare, ogni blog antigovernativo, penso che si risolverebbe il problema della disoccupazione in Italia.

      Elimina
    4. siamo tutti controllati-il bello e che non sanno che non serve a niente-la gente sopporta finchè può-poi la storia e già scritta e si ripete da migliaia di anni a questa parte-quando si incazza finisce per tagliare la testa a qualcuno e si riparte-
      credete veramente che non si siano gia informati su chi scrive sui blog?lo sanno e come,embeee-che cè bisogno di leggere un blog per sapere che la gente ha le palle piene di questi ladri che ci amministrano ,e di questo sistema pervertito che regge tutto il baraccone?basta andare nel bar più vicino alla questura e ascoltare i discorsi che si fà li dentro,e la stessa cosa ,costa meno ed è pure più piacevole come lavoro per chi fa lo" spione"-anzi,basta chee si siedano loro stessi poliziotti e questori intorno alla scrivania e si raccontino un po come se la passano,alla fine senza scomodarsi ad andare al bar e senza scervellarsi nel cercare blog ostile ,il risultato è lo stesso-BASTA SIAMO STUFI DI QUESTI LADRI-
      Tuttavia una controllata a questi mezzi non è cosa negativa per chi opera nella legalità e dice cose sensate-

      ora detto tutto cio,invito granduro a fare una cosettina un po piu seria,prima che venga trasferito in carcere-
      cortesemente,potresti trovare il decreto definitivo(se cè)sull utilizzo del grano cartellinato?io non trovo da nessuna parte la dicitura kg180 x ettaro-

      PS a questa notizia è interessato anche l infiltrato,se fai un buon servizio potrebbe chiudere un occhio sul tuo operato-

      Elimina
    5. hai ragione torniamo seri
      allora per quello che so, non esiste ancora alcun decreto sui 180 kg/ha. Qualche tempo fa ho letto che stava per essere emanata una circolare ministeriale esplicativa, di cui però si è persa traccia (mi sembra, ma invito chiunque abbia notizie ad aggiornarci).
      http://www.molise.coldiretti.it/dup-2013-art-68-avvicendamento-frumento-duro-.aspx?KeyPub=GP_CD_MOLISE_HOME%7CCD_MOLISE_HOME&Cod_Oggetto=37654274&subskintype=Detail

      Evidentemente la proverbiale efficienza dei Ministeri Romani ha incontrato qualche difficoltà ad affrontare la materia.

      Al momento i riferimenti di legge, sono quelli generici,già più volte riportati.

      P.S.: l'infiltrato, se ho capito bene, ha una figlia che si è fidanzata con il figlio di un sementiero, quindi sul versante cartellinato sta a posto, tanto che ieri mi scriveva che in fondo non costa caro!!!

      Elimina
    6. grazie,comunque rileggiti bene la email dell infiltrato,poiche,ieri mi scriveva lamentandosi proprio del fatto che questo futuro consuocero lo avesse scelto come vittima predestinata di fregature,tanto lui non puo muoversi,se poi il ragazzo è fotogenico anche alla mamma della ragazza ,be per lui non cè scampo-


      comunque pensandoci bene,adesso gli scriverò in privato-chisa che non possa procurarmi delle fatture false sul grano cartellinato-
      si lo so,non siamo in sicilia,ma abbiamo imparato anche noi come si fà-

      comunque,per non correre rischi ed inimicarmelo lo saluto affettuosamente-

      Elimina
    7. Per i due qua sopra. Siete due "lavandaie"! Ricambio i saluti. Ciao.

      Elimina
  4. nord un cazzo, vivo in Roma, una metropoli che è un pollaio alla moda. non ho nessun manifesto di onestà e condotta da sventolare in base ad una appartenenza territoriale. butto semplicemente merda dove credo sia il caso di buttarla PUNTO

    "e cosa dovremmo fare secondo te, continuare a pagare tasse[CUT] senza neanche lamentarci?"

    pagare le tasse da voi significa, molto banalmente e statistiche alla mano, ripagare con le stesse+contributi, gli stipendi dei parcheggiati nel settore pubblico. il moto perpetuo lo avete inventato voi proprio perché, invece di ribellarvi radicalmente, avete preferito percorrere la strada della pancia.

    "O compiacerci che i nostri concittadini vengono licenziati da una classe politica che sino a ieri li ha presi in giro, in cambio di un voto?"

    un frigorifero nuovo (o qualche busta della spesa) per il voto di famiglia non è mai stata una presa in giro, ma un meccanismo di connivenza ben radicato. connivenza dettata da un rapporto vicendevole di convenienza, sulle spalle del denaro pubblico statale, in una regione autonoma. di cosa parliamo?

    "La soppressione di queste municipalizzate ha peraltro delle ricadute pratiche, su ville e giardini pubblici o strutture comunali varie, tipo piscine. Tutto in rovina. Come anche tu hai visionato ."

    a tal riguardo la popolazione non mi pare partecipe del decoro, tutt'altro. aleggia un orribile e diffuso malcostume su tutta la città; giardini stupendi (palazzo cinese, parco della favorita) lasciati in mano al traffico di prostitute africane. centro cittadino ancora abbandonato al degrado più assoluto; dietro ogni palazzo o monumento c'è lo schifo più assoluto, in vita o morto. palazzi praticamente distrutti neanche ci si trovasse catapultati nel 1946. attività ricettive a metà tra Napoli e Casablanca. Obbligatoriamente occorre trattare con la criminalità, e pagare, anche per percorrere dei tratti PUBBLICI, di interesse comune (Riserva di Capo Gallo). Una delle più belle e meravigliose riserve naturali distrutta a causa dei tagli AL CORPO DELLA FORESTALE (chissà chi sarà stato, siamo tutti deficienti nel resto d'Italia no?). gli esercenti che quando interpellati si lamentano delle attività "mafiose" per il controllo del territorio e anche qui della cosa pubblica.
    vi dico: non pagate le tasse e tenetevi la MAFIA, perché non sapete nemmeno cosa sia la burocrazia, esercenti cari! pochi passi più sù, in ITALIA, nel continente, una attività commerciale come la vostra chiuderebbe dopo due giorni. La MAFIA ve la fà aprire dopo 45 minuti. TENETEVELA!

    "Datti da fare tu, e fai la secessione del Nord se non ti sta bene, o ti trasferisci in Canada dove troverai tanti Siciliani che messi nelle condizioni di prosperare onestamente hanno avuto successo."

    caro mio, ho soltanto scritto la realtà, frutto di documentazione statistica del tesoro. quant'è grande la Sicilia? L'autonomia mi risulta ce l'abbia ANCHE per la gestione forestale, ok? È forse più grande del Canada e, soprattutto, ha forse delle foreste come quelle canadesi? un siciliano su 2 ha un familiare nella forestale, ma ti sembra normale? ma dove diamine vivete? in ogni caso credete davvero di risultare attendibili così facendo?

    "Se speri nella nostra silenziosa eutanasia, comunque puoi stare fresco."

    Vivere significa reagire sul serio, non fingere di farlo.

    "Il '44 ti infastidisce, bé ma non possiamo cancellare la Storia. "

    Sei inadeguato culturalmente. Il '44 è GUERRA. Oggi non c'è una guerra militare.
    Ho quindi sostenuto l'iniquità del tuo paragone.

    "E' già successo, ed è probabile che se chi comanda, ragiona come te, succeda di nuovo. "

    Chi comanda da te è la tua regione AUTONOMA (che domanda denaro da fagocitare nella grande cloaca del settore pubblico regionale). Fate voi, ma dopo non venite a lamentarvi. Abbiate però il coraggio d'essere radicali, ed onesti, perché il vostro provincialismo vi sconfigge giorno dopo giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sbagliato indirizzo, avresti dovuto scrivere all'ente del Turismo siciliano e fare le tue rimostranze per la vacanza deludente.
      Alcune cose che scrivi sono dei veri vaneggiamenti, peraltro.
      In ogni caso questo è un blog di agricoltori, non mi interessano i resoconti sui tuoi itinerari turistici, mi infastidisce il tuo stile da cafone romano.
      Se questa è la civiltà che ci siamo persi in Sicilia, direi che i problemi grossi li avrete a breve più voi che noi.

      Elimina
    2. a parte il fatto che mi sono riferito a degli indici culturali e sociali ben precisi. a parte il fatto che non sono sceso per "turismo" ma per lavoro, pur essendomi concesso ANCHE la visita di mete turistiche. vai pure, chiariamo circa i vaneggiamenti. la cafoneria dove sta? nel pizzico di torpiloquoio? esca colta al volo dal siculo saccente, tanto che nel mio primo post specificavo "appassionati come sono di dialettica, alle volte pensano più a COME parlare piuttosto che A COSA dire".

      Elimina
  5. idee poche, ma confuse.
    sicuramente attingono alle polemiche di questi giorni sulla corruzione del ceto politico, alimentate ad arte dalla grande stampa, cosa che mi insospettisce parecchio.
    ci troviamo di fronte alla riproposizione del "protocollo mani pulite" il cui esito sarà un probabile ricambio formale del ceto politico che lascerà intatto il "sistema". e ammesso che si recupereranno dei soldi dalla lotta(?) contro la corruzione, non è detto che questi verranno impiegati per sanare le catastrofiche condizioni di buona parte degli italiani. anche perché si tratta di pochi "spiccioli" a fronte del grosso malloppo che mese dopo mese viene succhiato sotto forma di interessi pagati alla finanza internazionale (un vero e proprio cravattaro che ci tiene per le palle).
    in proposito leggere l'articolo sulla formazione del debito pubblico apparso sul manifesto del 14 u.s. che riassume una ricerca effettuata dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo (www.smontaildebito.org)


    RispondiElimina
  6. adamenzo, chi si informa conosce i fatti in merito alla sovranità monetaria e al debito truffa.

    la realtà però andrebbe analizzata partitamente. in questo senso, l'Italia, mi chiedo, esiste davvero? me lo sono domandato proprio questa estate, scendendo in Palermo ed hinterland. perché, vedi, fintanto che in Sicilia ci scende un tedesco o un britannico, è un po' come se un italiano vada in Honduras; qualcosa di bizzarro lo si nota,risa e stupore alle volte, ok, ma il più sfugge al meccanismo critico proprio perché non si tratta del proprio paese, per cui alle volte si rimane anche compiaciuti.
    caso diverso è invece quando un italiano scende in visita in Sicilia (ma, voglio dire, anche castellamare di stabia non è da meno - si dà il caso però che non sia parte di una regione a statuto autonomo).
    Gli unici centri con un minimo di dignità si trovano nell'entroterra, nell'ennese (Assoro, Leonforte etc.), forse perché le città prive della vicinanza ad un porto sono fondamentalmente immuni dallo sputtanamento mercantilistico, quindi da quello culturale, di svendita totale.

    Un paragone interessante potrebbe essere quello con la Sardegna. Duri i sardi, in una terra molto più misera dal punto di vista già solo architettonico. Eppure in Sardegna non si nota un puttanaio così esteso come in Sicilia. Sono poveri e basta; gira poco denaro punto. In Sicilia invece hanno praticamente distrutto le loro coste appioppandole ad un privato qui e ad un altro là, ma alla gente non è rimasto che sperare in un piatto pieno.

    Poi, una nota bizzarra: CHE GENERE DI CORSI DI GUIDA SEGUITE? Agli incroci passa chi ha più fame? Come funziona? La segnaletica serve come ornamento urbano? Quella orizzontale ve la pippate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se sei lo stesso anonimo a cui ha risposto per le rime granduro, vedo che non hai perso il vizio. eppure avevo tentato di riportare il discorso su un piano meno folcloristico.
      non c'è verso, quando uno indica la luna c'è sempre qualcuno che guarda il dito.

      Elimina
    2. hai perfettamente ragione ,però i popoli vanno educati alla legalità ,all onestà,e alla buona educazione-e il popolo italiano in misura ridotta è del tutto estranea a questi valori,ma purtroppo in mezzo a 100 persone bastano 2 disturbatori e per l opinione pubblica sono tutti e 100 maleducati-solo perchè i 98 se ne stanno per i fatti loro ad occuparsi delle loro responsabilità-anzichè prendere a calci in culo quei 2 deficenti-
      ecco andando in sicilia dopo aver visto tanta inciviltà,perchè non ti sei fiondato al primo commissariato a denunciare 3/4 dei siciliani ,e visto che c eri anche qualche tuo compaesano apparso pochi giorni fa in televisione?
      pensavo che tu fossi un tedesco,invece un ROMANO-azz,sei dovuto andare di persona in sicilia per vedere cosa accade laggiu-ma dove hai vissuto fino ad oggi? non ti sei mai chiesto a chi è convenuto tenere la sicilia i siciliani e il resto del sud nelle condizioni in cui si trova oggi?

      comunque quello sulla segnaletica stradale è vero-a TERMINI IMERESE,ho preso un bel vaffa per avermi fermato con il rosso-neanche a napoli hanno osato tanto-

      Elimina
  7. se preferite le frasi fatte, ecco qui: per conoscere il grado di civiltà e di ricchezza di un popolo, corri a esaminare le strade. non ti sbaglierai mai.

    ai signori contadini auguro tutte le fortune del mondo. A Figarazzi si trovano delle ottime pesche, anche se non sono proprio come le pesche al sacchetto del territorio ennese. complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corrispondente21 ottobre 2012 23:12

      ma una occhiata alla città da cui dichiari di scrivere la dai ogni tanto?

      http://www.romafaschifo.com/

      com'è che fa? Per conoscere il grado di civiltà...

      Elimina
    2. (anonimo non romano né siciliano)

      Roma avrà anche i suoi problemi, ma la Sicilia è messa sicuramente molto peggio... per una volta, cari siciliani, accettate le critiche, guardatevi allo specchio e cercate di darvi da fare invece di lamentarvi...

      Io personalmente proporrei la cessione della Sicilia alla Grecia (cosa che storicamente avrebbe anche un senso: d'altronde non facevate parte delle Magna Grecia?)

      Ma questo non mi sembra un blog sulla Sicilia, dovrebbe essere un blog sul grano duro.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.