venerdì 26 ottobre 2012

La Circolare AGEA sulla dose di seme di grano duro certificato

Eccola, la circolare che chiarisce la dose minima necessaria di semente cartellinata di grano duro, per percepire il contributo PAC per l'avvicendamento art.68.







Si tratta della Circolare 19 ottobre 2012 n. ACIU.2012.414, redatta dall'Agea. Qui il link.

Ecco il passaggio principale:


I produttori richiedenti l’aiuto devono utilizzare semente certificata (pre-base, base, I e II  riproduzione) di frumento duro ed i quantitativi minimi da utilizzare devono essere corrispondenti all’ordinarietà della pratica agronomica e comunque compresi tra 160 e 200 kg per ettaro.

Inoltre, il produttore deve fornire all’Organismo pagatore competente, con le modalità stabilite dal  medesimo, la prova dell’utilizzo della semente certificata (cartellini varietali, fatture di acquisto), ovvero la documentazione giustificativa dell’esenzione da tale obbligo (produzione biologica).

Dose minima dunque pari a 160 kg/ha! Buon pro vi faccia!

22 commenti:

  1. chiedo cortesemente,al governo che lo ha reintrodotto,ad agea che ha emanato la circolare, ai sementieri che sono riusciti insieme a quei venduti dei sindacati di categoria a reintrodurre una vera e propria tangente legale a danno degli agricoltori duricoltori,di andare a FARE IN CULO- in attesa ringrazio sentitamente-banda di ladri,in galera dovreste stare no nelle istituzioni-

    godetevela finchè potrete,perchè siamo quasi al capolinea,ed è li che vi aspettiamo per fare i conti-

    queta è una tangente bella e buona ,una estorsione legalizzata,qui occorrerebbe che degli agricoltori costituissero un associazione con la quale esporrere denuncia presso la magistratura-
    LADRI SIETE SOLO DEI LADRI-questa è la verità-altro che la qualità e tutte le altre accidenti che vi piassero-farabutti-mangia pane a tradimento.
    che voi sappiate ,quel magistrato JHON ENRI WOODKOC come lo si possa contattare?
    speriamo che abbia un sistema di allerta sul suo nome,in modo che veda che qui cè qualcuno che lo cerca-

    RispondiElimina
  2. Mimmo
    interpreto questo tuo commento come uno sfogo, visto l'attacco inusitato al settore agricolo praticato nell'ultimo anno dal Governo (aumento accise, IMU su terreni e fabbricati, aumento rendite catastali, accatastamenti, aumento IVA etc.., ma la lista è ancora lunga).E' evidente che lo scoramento tra i produttori è grande, parzialmente attenuato dal prezzo discreto delle granelle.
    Però il tuo commento mi sembra eccessivo, certamente nella forma ed in parte anche nei contenuti.
    Ho creato questo spazio come luogo di discussione, di informazione e di crescita comune, non come un proscenio dove insultare il prossimo (cosa che certamente non porta alcun giovamento) o peggio per minacciare ipotetiche rese dei conti.
    Ti pregherei dunque di moderarti in futuro.

    RispondiElimina
  3. questi signori sanno di farla franca,poiche questo provvedimento dura solo 2 anni,poi ci sarà la prossima pac,altrimenti,un magistrato potrebbe veramente indagare questi soggetti-tutti-per frode ed estorsione-l art 68,non centra nulla con il grano duro cartellinato,tanto è vero che per gli altri cereali non viene richiesto alcun vincolo,allora come la mettiamo?
    moderato?di piu non ho potuto-insultare?dare del ladro a chi ruba non è un insulto-minacciare?quando mai-siamo agli sgoccioli,quando saranno finiti i soldi,mi voglio fare 2 risate,voglio vedere come faranno a vivere sti nulla facenti-"
    insultare il prossimo?scusa e questi per tè sarebbero il tuo prossimo? ma tu non sei un agricoltore,sei un CORAGGIOSO-

    no io spero proprio in un futuro dove sta gente non ci sia,altro che mio prossimo-
    poi scusa,dovremmo accogliere il cetriolo senza neanche accennare ad una smorfia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimmo
      ci sono almeno 15 post sul blog che affrontano l'argomento, mi pare che la vicenda sia stata abbondantemente sviscerata, sotto tanti punti di vista.
      Certamente i tuoi commenti precedenti non aggiungono nulla di nuovo.

      Poi se proprio dobbiamo fare gli zicchusi (i pignoli in siculo) in un post precedente, tu ti dichiaravi addirittura a favore alla istituzione dell'obbligo.

      ",l art.68 così come era fino ad oggi ci penalizzava ulteriormente sia a mè proprietario chè ai novelli,con l obbligo del cartellino,quei signori da tè mensionati l art.68 sè lo scordano,almeno chè non trovino un accordo con chì lavora i terreni,ma questo io lo escludo,e allora ecco chè per i proprietari chè lavorano l art.68 potrebbe diventare un ulteriore incremento al reddito,potrebbe anche raddoppiare,e per mè chè lavoro con i contratti di filiera può essere solo un bene,(io il cartellinato già lo uso),"

      http://durodisicilia.blogspot.it/2012/01/nel-2012-reintrodotto-lobbligo-di.html#comment-form

      Ora hai cambiato idea a quanto pare, me ne compiaccio, ma per favore non venirmi a fare sermoni da sindacalista rivoluzionario.
      Sei un fan di Beppe Grillo no? Bene, sai cosa dice molto correttamente? Prima di pretendere che cambino gli altri si deve cambiare se stessi. Riflettici...

      Elimina
  4. amico mio non è per fare lo schizzuso-

    non tutti i mali vengono per nuocere,sè l art.68 varia a seconda delle richieste chi lavora i terreni propri ci guadambierà:
    dalle mie parti chi coltiva terreno altrui ,prende solo le rese,i contributi vanno ai proprietari come affitto,(col sistema attualde li prenderebbero comunque)io seminerei cartellinato solo sui miei terreni(con i contratti di filiera già lo faccio)su quelli altrui,grano di 3a,sè il meccanismo è modulare,si dovrebbero abbassare le richieste e di conseguenza aumenterebbe il premio per chì ne fà richiesta.

    MECCANISMO MODULARE- ecco no la conferma della quota massima di E100 x ettaro-è chiaro che con quella soglia fissa chi coltiva duro ci rimette,e chi non fa l art 68 facendo abbassare le richieste regala parte di quei soldi risparmiati a chi sa chi-

    poi qui il rivoluzionario non centra per niente-chiamare le cose con il loro nome è una bella cosa-un ladro è un ladro e basta-e come tale va trattato-

    non sono un fan di grillo-sono un opportunista,che ritiene che grillo possa mettere in crisi il sistema politico italiano,togliendo poltrone e consensi a questi cialtroni che ci hanno portato nelle condizioni in cui siamo oggi-io il giorno mangio a casa mia ,ne in quella di grillo e ne in quella di altri-

    RispondiElimina
  5. ti rispondo come già ti rispose l'anonimo in quel post:

    "Il ragionamento del sig. mimmo70 è la dimostrazione che ognuno guarda nel suo piccolo....danneggiando se stesso e gli altri....questo il male dell'agricoltura italiana."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusami tanto:ma dopo aver crepato per una vita ad acquistare terreni e mezzi tecnici,gli interessi di chi dovrei difendere?di chi mi guarda con invidia seduto comodamente da una sedia davanti ad un bar?magari di domenica mattina mentre io non mi accorgo neanche che è domenica tanto è il lavoro e le ore di lavoro a cui devo sottostare per far quadrare i conti?quel signore rispose cosi,perche di agricoltura non sa nulla ,altrimenti si sarebbe risparmiato certe uscite-va a finire che i guai dell agricoltura e dell italia adesso sono ascrivibili ai proprietari terrieri-per me la pac la possono pure sopprimere,ma se cè ebbene che venga gestita per l agricoltura non per i furbi-
      questa discussione non ha senso-qui si discute di un provvedimento truffaldino a danno dei duricoltori punto e basta-cosa ottiene di diverso un duricoltore in cambio dell utilizzo del cartellinato da un agricoltore che fa la rotazione con un cereale comune?solo maggiore spese di gestione-

      grazie-ringrazio anche per il futuro taglio del gasolio,torneremo al contrabbando?booo-a grazie anche per gli altri oneri e balzelli che ci appresteremo a ricevere-maaaa-

      Elimina
    2. L uso del seme certificato significa avere una tracciabilità di ciò ke riproduci nella tua terra!! Sai che stai investendo in una materia prima pregiata e non in cereale o foraggera solamente spolverato senza identità, sai che stai seminando una materia prima priva di OGM!!!! Sai tante cose e credo che tu sappia anche che con il seme certificato sicuramente puoi produrre qualche quintale in più rispetto ad un altro prodotto stanco che non sai da dove proviene!! Dietro il seme certificato ci sono migliaia di studiosi che ogni giorno si svegliano la mattina ed effettuano ricerche su ricerche per permettere ad agricoltori come vuoi di portare qualche € in più di produzione a casa!!! Credo che non avete ancora capito cosa è il seme certificato! È diverso dal seminare il grano da macina!!!!!

      Elimina
    3. Tante cose utili e meravigliose esistono, soltanto che di solito nessuno ti obbliga a comprarle!

      Elimina
    4. mancava il poeta filosofo:credo che lei caro anonimo,non sappia proprio cosa significhi guadambiare qualche euro con il sudore della fronte e poi vederselo fregare da furbi e furbastri i quali il giorno anziche lavorare studiano come fregare il prossimo-
      non so dove è stato lei negli ultimi 3 anni,ma la informo che nonostante ci sia stato l annullamento dell obbligo di utilizzare grano cartellinato,alcune industrie sementiere hanno continuato a lavorare fornendo agli agricoltori prodotti nuovi e competitivi i quali senza alcuna imposizione hanno provveduto ad acquistare-grazie anche allo strumento complementare della filiera,a dimostrazione che qui o si collabora o non si va da nessuna parte-troppo comodo dire io faccio seme certificato,poi arrangiatevi voi a chi lo volete vendere e se addirittura è buono per l industria molitoria-


      Elimina
  6. Per il sementiere;tanti sono i prodotti di eccellenza nella filiera agricola italiana,eppure nessuno obbligo di comprare.Prendi le arance rosse sono un prodotto di eccellenza ci sono migliaia di studiosi che la mattina si alzano,bla bla bla,ecc ecc.ma nessuno si sogna di mettere l'obbligo di acquistare la produzione.La verita'e',che non riuscite ha produrre senza la mammella,dell'obbligo dei cartellini,perche'di questo si tratta,abbiamo visto in tanti anni di obbligo la qualita' che ci avete dato.Se saresti serio ,diresti quanti sementieri inprovvisati in nome dell'obbligo,e quanti ne hanno chiuso in 3 anni di liberta'.E' vero quello che dici,il seme certificato e'diverso dal grano da macina,ma possiamo essere liberi di scegliere o no.

    RispondiElimina
  7. Sono d accordo con te sul fatto dei sementieri che hanno chiuso causa loro incompetenza e non professionalità! Comunque io credo che se uno vuole può seminare un altro cereale visto che vi dà tanto fastidio comperare grano duro certificato!!!peró credo che abbiate visto i campi orrendi che c erano in giro in questi anni di giungla!!! Non si capiva se era grano duro o tenero o forse orzo!!!! A voi la scelta perché voi dovete investire nei vostri terreni e ne dovete trarre i frutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molte realtà il frumento duro non ha alternative. Non esiste mercato per tenero ed orzo, altrimenti li seminerei immediatamente, visti i vantaggi.

      Non ho mai capito perché proprio sul duro esiste questa pretesa del certificato. Qualcuno parlava di tangente, ma forse era anche troppo buono. Lo avete forse inventato voi?
      O si tratta di una operazione politica per impoverire ancor di più gli agricoltori del Sud (senza alternative) e per mantenere caste parassitarie.
      Spero che la PAC, venga cancellata se serve per arricchire soggetti non agricoli, così finalmente vedremo dove sta la verità.

      Elimina
    2. i campi orrendi caro il mio lei sono solo ed esclusivamente colpa dell industria trasformatrice-che fine fa il prodotto di quei campi?basta dire ai commercianti che se si presentavano con quella porcheria avrebbero dovuto sostenere anche le spese del tempo perso allo scalo merci dei mulini-mai sentito parlare di analisi e selezione del prodotto?
      nel mio areale caro il mio lei,negli anni di giungla come sempre dice lei,si è avuta una vera esplosione della qualità,poichè i soldi risparmiati sul cartelinato sono stati investiti in maggiori concimazioni e trattamenti fungini,pratiche agronome proprio al insegna della qualità-
      è inutile che vi arrampicate sugli specchi,siete ridicoli e fate incazzare la gente ancora di più-

      Elimina
  8. GRANDE MIMMO. SUL SEME CERTIFICATO D'ACCORDISSIMO.
    QUI AL NORD STIAMO LAVORANDO A LIVELLO ISTITUZIONALE PER FARE TOGLIERE QUALSIASI CONTRIBUTO PRESENTE O FUTUTRO CHE QUEI LOBBISTI DEI RIPRODUTTORI ITALIANI CERCANO DI LEGARE AL SEME.
    HO DETTO RIPRODUTTORI E NON COSTITUTORI, VISTO CHE IN ITALIA LA RICERCA SE LA SONO DIMENTICATA A FAVORE DEI FRANCESI, CON LA SOLITA LOGICA DEL MEGLIO UN PASSERO IN MANO CHE UN TACCHINO SUL TETTO.
    GIA', TROPPO DIFFICILE PRENDERE...IL TACCHINO E POI VUOI ANCHE L'AIUTINO? MA ANDATE A.....!
    IO DAREI UN CONTRIBUTO SOLO AI COSTITUTRI, GLI UNICI CHE INVESTONO IN RICERCA GENETICA.....MA PURTROPPO SONO AL 90% STRANIERI.
    COME? PICCOLO PRELIEVO SULLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI CEREALI.
    MA SOLO A CHI FA RICERCA!!!!!
    COMUNQUE MIMMO SAPPI CHE "AUDACE ASSOCIATION" STA ARRIVANDO ANCHE IN ITALIA....
    E ASSOSEMENTI TREMA......E LE MULTINAZIONALI TREMANO......E I BUROCRATI STATALI CORROTTI TREMANO.....!
    CI VORREBBERO PIU' MIMMI IN ITALIA, PER CAMBIARE!






    RispondiElimina
    Risposte
    1. sig. anonimo-lei scrive di cose interessanti-

      LAVORANDO A LIVELLO ISTITUZIONALE-ci spieghi ,cortesemente in cosa consiste la vostra iniziativa-ce ne parli apertamente-e se magari possiamo fare qualcosa di simile anche noi di altri regioni-

      dice di essere del nord-quanto nord?

      Elimina
  9. VUOL DIRE CHE ABBIAMO GIA' CONTATTATO LA DIREZIONE DELLA COMMISSIONE AGRICOLTURA A ROMA PREPOSTA ALLE VALUTAZIONI STRATEGICHE DELLA NUOVA PAC,FACENDO PRESENTE CHE SE SI DOVESSE RIPETERE COME IN PASSATO UNA
    FORZATURA COME QUELLA DI REINSERIRE IL LEGAME TRA SEME CERTIFICATO E CONTRIBUZIONE COMUNITARIA-ART.68 , QUALCUNO....E'PRONTO A FARE RICORSO NELLE SEDI OPPORTUNE DIRETTAMENTE A BRUXELLES.
    NON ESISTE AL MONDO CHE SEMINARE SEME CERTIFICATO FACCIA DIMINUIRE LE EMISSIONI DI CO2, COME SOSTENUTO DA ASSOSEMENTI TRAMITE UNO STUDIO COMMISSIONATO AD UNA SPIN-OFF DELL'UNIVERSITA' DI PC E PRESENTATO ALLA COMMISSIONE COMUNITARIA.LA QUALE POI HA ACCETTATO DI REINTRODURRE CIO' CHE SAPPIAMO: SEME CERT. SOLO DURO E SOLO CENTRO SUD ITALIA, VISTA L'INSISTENZA DI ASSOSEMENTI. SOLO DURO E SOLO AL CENTRO SUD!!!MA VI RENDETE CONTO DELLE CAZZATE CHE CI PROPINANO E TUTTI MUTI COME LE PECORE A PARTIRE DALLE ASSOCIAZIONI!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo studio assurdo cui fai riferimento e su cui si è basata l'imposizione, peraltro, non è mai stato reso pubblico. Tempo fa scrissi agli autori, per chiedere di visionarlo. Ma mi fu risposto che dovevano chiedere il permesso ad Assosementi. Poi non ebbi più alcun riscontro.

      Comunque questo blog ha seguito la questione passo passo da due anni. E devo dire che in Sicilia, un sindacato ha provato a fare un pò di casino.
      Ma la verità è che la maggior parte degli agricoltori è disinteressata alla questione. Molti sono convinti che il grano cartellinato abbia delle qualità taumaturgiche che lo rendono migliore di quello autoprodotto, quando è esattamente la stessa cosa, se ci si mette un minimo di attenzione nella preparazione.

      Comunque evita di usare il maiuscolo, che nel linguaggio del web equivale a gridare.
      Le ingiustizie nel mondo agricolo oramai sono all'ordine del giorno, questa è una tra le tante.
      Tuttavia se la questione fosse stata sollevata due anni fa, non saremmo oggi a questo punto, ma in Italia si preferisce che prima scoppi il caso, e poi si fa casino.

      Elimina
    2. AAA capisco,perchè voi pensate che la commissione agricoltura a roma non sapesse nulla di cio-eee,altro che commissione,qui se non si decide di denunciare questa gente per frode ed estorsione portandoli davanti a giudice,questi non la smettono,una simile porcheria non puo averla fatta in tutto e per tutto solo assosementi-
      amico mio,a questa gente puoi dire quello che vuoi,se non fai camminare la carta bollata non ci cacci niente-

      Elimina
  10. Cari amici, tempo al tempo.Questa e' una piccola battaglia ma ....Fermare il Declino... e' anche questo!
    ciao e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuro che "Fermare il declino" sia questo?
      I pochi sedicenti agricoltori di "Fermare il declino" che conosco http://lavalledelsiele.com/, non hanno mai speso una parola sull'argomento, pur sollecitati da me.
      Loro sono convinti che dovremmo adottare sementi OGM, che guardacaso hanno brevetti USA, per risolvere i nostri problemi.
      Troppi americani in "Fermare il declino" per i miei gusti.

      Elimina
  11. Chiunque puo' aderire al momento,basta un clic, ma su certe tematiche non c'e' ancora una strada gia' tracciata.Entreremo nello specifico a tempo debito. Per ora valgono i principi fondamentali tra cui NO alla corruzione: vedi cosa e' successo oggi al ministero delle politiche agrarie.....!!!....non volevo essere mago Telma quando ho scritto"....e i burocrati corrotti tremano....."nel post precedente!!
    Cari ragazzi ci stiamo muovendo nell'ombra!E siamo tanti.
    ....e il seme certificato trema....e Assosementi trema......
    Con calma arriviamo anche da voi.
    ciao

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.