martedì 17 giugno 2014

Le giacenze di Cereali in Italia rimangono top secret

Il nuovo raccolto sta confluendo presso gli stoccaggi, ma il raccolto precedente è stato completamente consumato in Italia? Mistero! Eppure sarebbe un dato molto importante da conoscere sia per il corretto e trasparente funzionamento del mercato in corso sia per eventuali programmazioni di politica agricola nazionale.


All'estero, come sappiamo, i nostri concorrenti producono e mettono in rete una sfilza di dati statistici riguardanti la filiera cerealicola, tra i quali sempre campeggiano gli stock, ovvero le scorte di cui ciascuno Stato dispone....in Italia sino all'anno scorso nulla di ufficiale era previsto, poi in un evidente raptus progressista il Mipaaf, emanava il decreto del 17-10-2013 che stabiliva l’obbligo, da parte degli stoccatori, di comunicare il quantitativo in giacenza e/o stoccaggio di frumento duro, tenero e segale, mais, risone e soia alla data del 31 maggio di ogni anno.

Cosa prevede il decreto lo trovate a questo link. Il decreto integrale qui.
In pratica attraverso il sistema informativo SIAN (quello che gestisce anche il nostro fascicolo aziendale), gli stoccatori, via web, sono stati obbligati ad inserire i dati delle giacenze di loro competenza, entro il 10 giugno di ogni anno. Giusto!

Sino a ieri tuttavia il sistema risulta bloccato e non consente alcuna comunicazione, vedi qui la nota di Assomais

Collegamento permanente dell'immagine integrataTemo che almeno per quest'anno continueremo a non sapere nulla delle disponibilità di cereali in Italia...gli speculatori ringraziano....il Ministero dell'Agricoltura troppo preso dall'utilissima e martellante campagna promozionale #iomangioitaliano non proferisce parola sulla vicenda. 
Ci sono i Mondiali...i cereali sono così noiosi.

17 commenti:

  1. gino agricoltore pugliese18 giugno 2014 12:45

    in Italia fra sicilia e tavoliere si è raccolto forse solo il 20% della produzione nazionale, se il tempo non migliora avremo grossi problemi. se i mulini sono a secco dovranno chiudere i pastifici nelle prossime due settimane!!!! cosa macineranno? e..... a foggia la borsa ha esordito con -2. c'è molta speculazione!!!!

    RispondiElimina
  2. Foggia aumenta di 1 Euro a quintale....magra consolazione visto le condizioni disastrose dei campi!!

    RispondiElimina
  3. C E R E A L I 08-14/06/2014 18/06/2014
    min max min max
    GRANO DURO FINO
    (peso Kg 80 per hl.
    umidità 12%, spezzati max 6%;
    farinosi 1%, bianconati fino al 20%;
    nulli 0,50%, )
    contenuto proteico min 12,0 % € / t 265,00 270,00 275,00 280,00

    RispondiElimina
  4. cosa si dice del raccolto post pioggia nel foggiano? come si comporterà il mercato con questa merce?

    RispondiElimina
  5. GIA' GLI EFFETTI DELLA PIOGGIA NEL FOGGIANO HANNO FATTO LIEVITARE I PREZZI, VEDETE CARI AMICI PURTROPPO DOBBIAMO SPERARE QUALCHE CALAMITA' IN ITALIA PER ATTENDERE UN AUMENTO DEI PREZZI. E' MAI POSSIBILE CHE POI ARRIVA GARNO PIENO DI AFLOTOSSINE DAGLI ALTRI PAESI E NESSUNO FA NIENTE????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come fai a dire che i prezzi sono giá lievitati? Sii piú preciso. Potrebbe succedere pure che quello post pioggia tiri giù il prezzo del buono pre disastro.

      Elimina
    2. infatti anche a me sembra il contrario, i prezzi scendono piuttosto...oltre il danno la beffa

      Elimina
    3. Il grano tutt'al più può essere contaminato dal DON o dalle ocratossine, le aflatossine riguardano caso mai il mais. E poi cerca di non scrivere tutto in MAIUSCOLO, che non sta bene. Poi ha ragione Anonimo 3: la moneta cattiva scaccia quella buona.

      Elimina
  6. Lo stoccatore a cui ho affidato il grano duro da me raccolto, nonostante le spese ragguardevoli da me sopportate in fungicidi, ha definito il mio prodotto adatto solamente all'alimentazione animale.
    Ammetto che nella mia zona le piogge, purtroppo, non sono mancate, ma dileggiare in maniera così brutale il grano da me raccolto, mi è sembrato l'ennesimo colpo che mi fa riflettere sempre di più se abbia senso continuare.
    In questo momento lo stoccatore pagherebbe il mio grano, da "mensa animale", 0,23 € al chilo, IVA compresa.

    Ringraziandoti per lo spazio che ci dai, porgo
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma il prezzo che ti ha fatto è onesto, vista la situazione

      Elimina
    2. Angelo, solidale con te al 100%, mi dispiace che i trattamenti non abbiano dato gli esiti sperati, purtroppo è andata così. Tieni però presente che le prove (parlo di prove, beninteso, ma sono convinto che il pieno campo sia uguale) non trattate hanno dato risultati miserrimi, se ti può consolare. 23 euro/q.le non è male, però almeno l'IVA te la potevi far dare.

      Elimina
  7. Confermo per chi crede che il prezzo sale, che il rialzo è solo per il grano pre pioggia....la camera di commercio di foggia quoterà il grano Post pioggia nel listino....che si differenzia dal pre pioggia!!! I commercianti so per certo che ritirano il grano a 50 cent in più rispetto all'attuale prezzo max della camera di commercio...ma nella capitanata è davvero poco il grano raccolto prima dei nubifragi

    RispondiElimina
  8. Non diciamo cretinate, grano a 23 euro è comuque pochissimo....purtroppo dal momento che si porta la merce dal commerciante non ne siamo più proprietari...loro gestiscono il gioco, e visto le condizioni e le piogge ne approfittano per guadagnarci un margine ancora più cospicuo con la scusa della qualità bassa...purtroppo è la triste realtà!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nessuno ti impedisce di aprire una attività commerciale visto che è così semplice e remunerativa.

      Elimina
    2. Guarda, sono un piccolo commerciante e ti posso assicurare che una campagna così piena di problemi per la qualità del grano come quella di quest'anno non l'avevo ancora sperimentata.
      Due molini mi hanno interrotto le consegne e quasi quasi mi rimandavano indietro gli autotreni: e sicuramente opereranno dei tagli ai prezzi che si erano stabiliti.
      Il grano consegnato aveva le seguenti caratteristiche:
      Peso specifico: 76,9
      Umidita: 11,5
      Proteine: 10,9
      quindi al limite della non commerciabilità....
      Per quanto riguarda i 23€/q.le, se stai in Sicilia, il tuo commerciante ti ha trattato come meglio non poteva: quello è il prezzo per grano discreto, non certi di quello per uso zootecnico.

      Elimina
  9. Produzone nel foggiano discreto dal punto di vista quantitativo (36 q.li/ha) ma TUTTO il grano post pioggia ha proteine mai cosi basse...da 9 a 11 max....intanto sono state scaricate al porto 200 mila quintali di grano americano con proteine a 15.5!!!!
    Il prezzo pagato dal commerciante nonostante la qualità è comunque sui 26,5 €...ma le notizie di rialzi già circolano nella capitanata!!!!

    RispondiElimina
  10. sicilia occ. (prov tp) resa media 36q.li con punte di 39 . . .non male, proteine 11.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.