venerdì 14 settembre 2012

Miscellanea di notizie sui mercati cereali e duro (settembre 2012)

Finale di settimana incandescente per tutti i mercati finanziari internazionali dopo la manovra della FED. Salgono tutte le commodity quasi all'unisono, scende il dollaro. Si riaccendono speculazione e probabilmente inflazione.
Insomma un piccolo terremoto finanziario, che potrebbe anche continuare nei prossimi giorni quando si passerà dagli annunci alla pratica. In pratica la FED, comprerà circa 40 miliardi di $ al mese  (stampando denaro dal nulla con un semplice clic) di titoli tossici, partendo dall'immobiliare (ricordate i famosi sub-prime?). Ovviamente l'immissione di denaro facile nel sistema e l'eliminazione dai bilanci delle banche d'affari dei pesi morti, dovrebbe portare ad un  periodo di mercati effervescenti (ci sono le elezioni negli USA tra tre mesi, basta vedere musi lunghi, diamine!).

Tra le commodity comunque il grano ha brillato particolarmente: al momento quota circa 9.21 $/bu.
Notizie di un calo delle prossime rese del grano australiano, stanno fornendo il necessario alibi ai mercati per aumentare le quotazioni.

Inoltre vengono registrati acquisti di tenero di una certa consistenza da parte di Egitto e Siria, mentre la Tunisia ha pubblicato un bando di acquisto di grano duro per 50.000 t, consegna ottobre-novembre (chissà che non parta grano siciliano...).

Intanto ieri negli States il durum è tornato sui 8 $/bu, mentre in Canada rimane stabile con le operazioni di raccolta al giro di boa.
Quotazioni francesi del blé dur Fob, chiudono la settimana in ripresa, circa 3 €/t.

Sul fronte commerciale, la UE aumenta i titoli all'esportazione per il grano tenero ed in minima parte per il duro. Mentre i dati sull'import italiano di cereali per i primi sei mesi del 2012 sono in netto calo (-21%).


Infine riporto i risultati del seguente sondaggio:

LA QUOTAZIONE DEL GRANO DURO IN ITALIA AL 15 SETTEMBRE 2012, RISPETTO ALL'ATTUALE, SARÀ:

in deciso rialzo (+3 €/q ed oltre)
  51 (45%)
in rialzo (da +1,1 a +2,9 €/q)
  34 (30%)
stabile (da +1 a -1 €/q)
  18 (16%)
in calo (da -1,1 a -2,9 €/q)
  2 (1%)
in deciso calo (-3 €/q ed oltre)
  6 (5%)

Voti fino a ora: 111
Sondaggio chiuso 


Il blog c'ha visto giusto, senza dubbio.

Alcune previsioni specifiche dei  frequentatori del blog, li trovate nei commenti di questo post qui. Io ci ho preso direi, ed anche Walter, mentre Agricoltore Tarantino, di cui non leggo interventi ultimamente (tutto bene?), si fece prendere troppo dall'entusiasmo (anche se era più un augurio che una previsione la sua)...

Così, vista la competenza dei votanti del blog, proporrò un nuovo sondaggio sul prezzo del duro a metà dicembre.
Ed un secondo sulle prossime intenzioni di semina.

Saluti





33 commenti:

  1. Diciamo che ad oggi non è andata male, rispetto al primo listino di luglio, borsa merci bologna, abbiamo guadagnato 3,7 €/ql! ora bisogna decidere cosa fare, anche perchè, da ottobre, la maggior parte degli stoccatori iniziano a conteggiare il trattamento per il grano, circa 10 centesimi/ql al mese! come già accennato in altri post, non penso che l'ultimo trimestre porti a grandi aumenti, penso che decisivi saranno i primi mesi del 2013! sinceramente non sò cosa fare, se vendere ora o aspettare, quello che mi preoccupa di più è il rischio che questi sciacalli oggi ci sono, domani sono falliti!!!

    RispondiElimina
  2. agricolt abruzzo qualcuno sa come vanno le seminatrici pneomatiche della vertulli?

    RispondiElimina
  3. Credo che a questo punto sia il caso di aspettare almeno un altro mese. Questi nuovi impulsi sul mercato finanziario/economico globale hanno effetto anche sulle materie prime, a prescindere dalla situazione specifica del grano duro che si avvicina al 2007/2008.
    1-2 € dovrebbero essere sicuri entro Ottobre !.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembrerebbero esserci similitudini a questo punto con il 2007/2008 nell'impostazione generale dei mercati, tuttavia io non assisto alla domanda tumultuosa di duro di quel periodo. Anzi a leggere i commenti degli analisti sembra che la domanda globale di duro sia abbastanza flebile.
      Comunque una firma ce la concedi? Nel caso tu abbia ragione, potremo riconoscerti in futuro.



      Elimina
  4. Per chi vuole saperne di più sul Canada, qui l'ultimo bollettino statistico.
    http://www.grainscanada.gc.ca/statistics-statistiques/gsw-shg/2012-13/13gsw_shg06.pdf

    RispondiElimina
  5. Non mi aspettavo questo "regalo" di Obama, dopo settimane di quotazioni piatte la salita del wheat ieri è stata spettacolare. Leggendo in giro su internet, quindi previsioni da prendere con le mollette, qualcuno ipotizza che a breve potrebbe arrivare e superare i 10 $ a bushel. Per quanto riguarda le quotazioni in Italia, credo che con qualche settimana di ritardo rispetto agli USA i prezzi riprenderanno a salire, sul 2013 difficile fare previsioni, la sensazione è che o salirà tanto o i prezzi crolleranno, per la cronaca non ho ancora venduto nulla, deciderò nelle prossime settimane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema è che ha ripreso a galoppare anche l'euro, l'aumento di ieri del wheat è stato compensato dall'indebolimento del dollaro, al cambio siamo sempre li!!!

      Elimina
    2. condivido, al momento siamo sempre lì.

      Elimina
  6. A leggere i vostri commenti e stando a quello che si sente in giro qui, non ha ancora venduto nessuno. Boh! i mulini cosa macineranno? Quando decideremmo che il prezzo sia congruo saremmo in troppi a vendere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Toni, la maggior parte ha venduto alla trebbiatura, ci sono troppe aziende che hanno bisogno di liquidità. I mulini al momento sono pieni, anche perchè in Italia l'annata è stata ottima!

      Elimina
  7. Skandiski. Altamura: -1/T da 304/307 a 303/307. Ci sono voci (per niente affidabili ) della presenza di duro Greco in qualke porto. Personalmente ritengo che in questo periodo ci siano state molte vendite da parte dei produttori e quindi offerta. Quando c'e offerta immediadamente gli acquirenti contraggono la domanda e quindi il prezzo. Questo é solo il mio pensiero, nulla di certo. Poi si lamentano che i dedentori del duro non offrono il prodotto! Agli utilizzatori: quest'anno il grano duro prodotto in italia é di ottima qualita', non predete porcherie dall'estero da miscelare e speculare sui prezzi locali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Skandiski. correggo...a 303/306

      Elimina
  8. Skandiski...azz con il telefonino invece della t scrivo scrivo d "immediatamente" "detentori"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Skandiski, sempre prezioso...

      Elimina
    2. Skandiski.
      Prego Granoduro. Un grazie a te per l'ottimo blog.

      Elimina
  9. da agricoltore pugliese:

    inizio a dubitare dei disastri della siccità:
    http://www.agricoltura24.com/risultati-della-rete-nazionale-frumento-duro-2011-12/0,1254,54_ART_6056,00.html

    RispondiElimina
  10. Urka che calo del wheat, stasera. Attenzione siamo in allarme, se nei prossimi giorni non rimbalza rapidamente, visto che l'Euro è rimasto alto, son dolori.

    Intanto ho trovato un commento francese sul mercato del grano duro di questo tenore:
    "Quelques acheteurs du sud de l'Europe se manifestent ponctuellement mais les problèmes de paiement limitent également les échanges."

    A quanto pare i compratori ci sarebbero, ma sfortunatamente manca la moneta...attenzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Skandiski
      Anche il mais in discesa....saranno prese di beneficio o inversione di rotta? mah!

      Elimina
  11. Quatoazione Bari tutto invariato...mercato molto molto calmo.

    RispondiElimina
  12. per me stando così le cose, le prossime rilevazioni perdono qualcosa. Appena ho maggiori elementi scrivo un post sull'argomento.

    RispondiElimina
  13. Ribassi generalizzati a Milano.
    Calma apparente a Bari ma con tendenze ribassiste.
    Altamura accenna il ribasso.
    Semola in diminuzione a Napoli (pessimo presagio).

    RispondiElimina
  14. Certo caro anonimo, lo abbiamo capito tutti che sei un commerciante con la paura a 1000 per le stime che danno il duro a mettà ottobre a 350 euro tonnellata, 2 millessimi sono un inezia non serve a nessuno gridare al lupo al lupo!!!!!

    RispondiElimina
  15. Mi sembra che anonimo delle 18:57, abbia dato informazioni abbastanza oggettive, utili e non drammatizzanti (ed anzi lo invito a proseguire).
    Al momento tendiamo al ribasso è evidente, magari tra una settimana il quadro sarà cambiato in positivo, ma io preferisco dare voce ai numeri reali, piuttosto che alimentare false aspettative...





    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sono dei segnali che vanno monitorati con attenzione nelle prossime ore,il rafforzamento dell euro e il calo del weat non sono un buon segno,ma il segnale piu preoccupante è dato dal fatto che al rafforzamento dell euro di solito corrisponde un aumento del brent,invece sta avvenendo il contrario-pochi millesimi di perdite,con queste quotazioni,dopo un considerevole periodo di stasi potrebbe scatenare un eccesso di offerta ,a quel punto i millesimi diventano centesimi e cosi via discorrendo-aspettiamo il fine settimana-

      Elimina
  16. CWB - 20$ a tonnellata dicembre 2012

    RispondiElimina
  17. Caro anonimo, ma cosa sarebbe CWB?

    per quello che so CWB è l'acronimo di Canadian Wheat Board (l'organizzazione che commercializza il grano in Canada), mentre suppongo tu facessi riferimento al grano duro Canadese che tuttavia viene abbreviato come CWAD (Canadian wheat amber durum). Se è questo che intendevi, a me non risulta alcuna flessione, anzi ieri i future canadesi erano in leggero rialzo, e nelle ultime settimane non sono mai stati in flessione (che si è invece verificata in pieno Agosto).
    http://www.barchart.com/commodityfutures/Durum_Wheat_Futures/DN

    Comunque se ci invii la fonte, possiamo verificare tutti e capire meglio.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Canadian wheat board CWB.CA è vedi il futures del wheat canadese!!questa mattina era passato da 328$ a 307$ la quotazione dicembre'12

      Elimina
    2. Se non mi mandi la fonte da cui hai preso il dato non ti seguo.
      Copia incolla il link, per favore.

      Dal canto mio, sono andato sul sito ufficiale della borsa Canadese
      https://www.theice.com/productguide/ProductSpec.shtml;jsessionid=E275B9145E7A5AA778608549324956CA?specId=3912643

      e confermo che il grano duro consegna Dicembre quota 314,6 $Can/t. In rialzo negli ultimi giorni da 311,4.



      Elimina
    3. http://www.cwb.ca/public/en/
      dopo clicca su "price indicator" e ti dà la possibilità di scegliere il futures market e il futures month.

      spero di esserti d'aiuto visto che mi piace molto questo blog.

      Elimina
    4. Carissimo
      quelli che mi segnali sono i future del wheat USA, che come ben sappiamo sono cosa ben diversa dal durum (canadese), per quanto abbiano la loro importanza, soprattutto in questa annata. Ma sono alcuni giorni che parliamo di calo del wheat, gli ho anche dedicato l'ultimo post.
      I future del wheat li trovi in tempo reale nella colonna a destra del mio blog, alla voce grano americano. In realtà si tratta di un grano tenero generico scambiato alla borsa di Chicago. Al momento in cui scrivo quota 8.78 $/bu, stabile sostanzialmente, dopo i cali dei giorni precedenti.
      Ciao




      Elimina
  18. Granduro, non posso pensare che anche tù sei un commerciante, perchè il ribasso di 2 due dico 2 millessimi non giustifica di certo l'allarme lanciato dall'amico anonimo che riporta testualmente "Ribassi generalizzati a Milano.
    Calma apparente a Bari ma con tendenze ribassiste.
    Altamura accenna il ribasso.
    Semola in diminuzione a Napoli (pessimo presagio.
    Spero che sul punto non ci siano equivoci. ...

    RispondiElimina
  19. pensala come vuoi, secondo me il commento di anonimo è più utile del tuo che cito testualmente "lo abbiamo capito tutti che sei un commerciante con la paura a 1000 per le stime che danno il duro a mettà ottobre a 350 euro tonnellata".

    I numeri di anonimo primo sono riscontrabili mi pare, ma le stime che tu citi, dove si possono reperire (io francamente in rete non ne ho letto alcuna di questo tenore)?

    Io credo che si faccia male al settore, anche spandendo eccessivo ottimismo ed alimentando speranze, perché poi come ben sappiamo il prezzo può anche scendere e si rimane come i fessi.

    Se foste così gentili da darvi un nome di riferimento quando inseriti i commenti, il dibattito, in termini di chiarezza, ne godrà certamente.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.