giovedì 20 settembre 2012

In Francia infuria la polemica anti-OGM


E' uscito oggi in Italia la notizia di uno studio di un ricercatore francese che avrebbe provato gli effetti tossici del mais OGM Nk 603. Mentre in Francia da alcuni giorni il dibattito sull'argomento è molto acceso, tanto che l'eurodeputato agricoltore no-global José Bové ha chiesto l'immediato blocco delle  importazioni in Europa di granelle OGM.



Ma anche il Ministro dell'Agricoltura Francese Le Foll ha usato toni molto forti, dichiarando più o meno:
"di voler rivedere le procedure di approvazione degli OGM all'interno dell'Unione Europea, al fine di rendere la loro autorizzazione "più rigorosa". "Agiremo in tutta Europa perché le condizioni dei protocolli di autorizzazione vengono modificati in senso più rigoroso per fare in modo che si valutino i rischi derivanti da questo tipo di OGM ".

Qui trovate l'agenzia ANSA:



PARIGI - Gli Ogm hanno un effetto tossico sugli animali e forse anche sull'uomo: e' il risultato di un ampio studio sulla tossicita' del mais transgenico e del Roundup (un erbicida molto diffuso prodotto dalla Monsanto) realizzato su 200 topi da Gilles-Eric Seralini, ricercatore di biologia fondamentale e applicata all'Universita' di Caen, nel nord del paese. Lo studio e' pubblicato in un libro, 'Tous cobayes' (Tutti cavie), che uscira' in Francia mercoledi' prossimo per le edizioni Flammarion. 

''Le conclusioni del nostro studio - dice Seralini in un intervista al settimanale Le Nouvel Observateur - rilevano un effetto tossico del mais transgenico e del Roundup sull'animale e ci portano a pensare che (queste sostanze, ndr.) siano tossiche anche per l'uomo. Diversi test che abbiamo effettuato su cellule umane vanno nella stessa direzione''. E aggiunge: ''Il nostro studio realizzato per due anni su 200 ratti stabilisce che anche a piccole dosi, l'assorbimento a lungo termine di questo mais, cosi' come del Roundup, agisce come un veleno potente e molto spesso mortale, i cui effetti colpiscono prioritariamente i reni, il fegato e le ghiandole mammarie''.

Sospendere immediatamente il rilascio delle autorizzazioni per la coltivazione di varietà di mais geneticamente modificato (come il Mon 810 della Monsanto e la patata Amflora della Basf) e per l'importazione di mais e soia transgenica. Questa la richiesta avanzatai alla Commissione Ue dal vicepresidente della commissione agricoltura dell'europarlamento, l'esponente verde francese José Bové, dopo la pubblicazione di uno studio - realizzato dal professor Gilles-Eric Seralini dell'univerità francese di Caen - che evidenzia gli effetti tossici che il consumo di prodotti Ogm ha determinato sulla salute delle cavie animali. 

"Non abbiamo ancora preso visione dello studio - ha detto il portavoce del commissario Ue alla salute John Dalli - ma sicuramente lo sottoporremo all'esame dell'agenzia per la sicurezza alimentare (Efsa) per trarne eventuali conseguenze".

Lo studio francese potrebbe riaprire la discussione sulla tesi finora sostenuta ufficialmente da Bruxelles, ovvero che i prodotti transgenici finora esaminati sono innocui. Una tesi che però è già stata contestata da alcuni Paesi, come è il caso della Francia dove è stata adottata una clausola di salvaguardia per impedire la coltivazione del Mon 810 sul suo territorio.

Qui un articolo del Fatto Quotidiano.

In Francia il fronte no global, contrario agli OGM ed alla importazione di prodotti agricoli esteri è molto forte e trasversale in tutti i partiti politici. Chissà che questo studio non possa rappresentare la scintilla per attuare politiche che limitino l'eccessiva apertura Europea verso la importazione di materie prime agricole dall'estero.





43 commenti:

  1. grande BOVé,da quando è eurodeputato ha smesso di fare il furioso-lo preferivo quando sfasciava i mecdonald-

    RispondiElimina
  2. no, io lo preferisco ora (è stato molto tosto anche nel caso del trattato con il Marocco), mentre i Mac francesi, io li apprezzo, sono l'unico luogo in cui mangiare senza essere spennati vivi...
    Peraltro molto furbescamente oramai servono soltanto prodotti derivanti da materie prime transalpine, per cui sono incredibilmente diffusi e popolari, in un Paese in cui la parola d'ordine è "consumare francese".

    RispondiElimina
  3. Molto probabilmente, questo studio, rappresenterà la scintilla per discussioni politiche ed economiche

    http://www.tmnews.it/web/sezioni/top10/20120920_200355.shtml

    Che i risultati di queste discussioni, sfocino poi in politiche che limitino l'eccessiva apertura Europea, verso l'importazione di materie prime agricole dall'estero.non ne sarei cosi sicuro.: le diverse nazioni europee hanno interessi contrastanti, in fatto di scambi commerciali con l'estero.

    RispondiElimina
  4. Dal 2004 si importa mais NK603
    Bovè è solo il medioevo che si riaffaccia!
    Le ultime indiscrezioni della ricerca francese sono sempre del solito cazzaro, è solo per fare confusione in materia, infatti la comunità scientifica se ne fa giustamente sberleffi.
    Quello che mi lascia atterrito è che il nostro Ministro si beve sempre le fregnacce che la stampa acriticamente commenta,... mai una volta che senta l'associazione biotech, o gli scienziati in materia, ... sempre i ciarlatani hanno la meglio in questo gramo paese.

    RispondiElimina
  5. L'articolo è stato sbugiardato dalla comunità sicnetifica per tantissimi errori..errori statistici, mancanza di adeguato numero di cavie (soprattutto del controllo), ceppo noto per
    essere altamente tumorigenico, oltre a conclusioni affrettate e con poca logica..nonc'è ad esempio differenza di effetto triplicando la dose e si punta il dito contro tutti gli OGM, quando si sta parlando solo di UN OGM.Tale Seralini non è nuovo ad articoli del genere (di dubbissima qualità), è schierato da tempo (i suoi studi spesso commissionati da greenpeace) e per farsi
    maggiormente un nome si è letteralmente COMPRATO nun'onoreficenza di "miglior scienziato dell'anno"..Troverei almeno doveroso citare queste informazioni..oltre a citare le risposte di
    tutti i ricercatori che sono insorti a questo "studio choc". Di studi sugli OGM ce ne sono tantissimi (più di DIECIMILA) e anche di lunga durata, riguardano peraltro sia settore sanitario
    che ambientale..mi chiedo invece come mai colture "tradizionakli" (mofdificate però pesantemetne con mutageni e radiazioni) non richiedano alcun controllo di nessun tipo, nonostante alcuni di
    essi causino allergie anche gravi, shock ecc (e non è necessario dare per certa la sua assenza negli aliemnti)...Questo "due pesi e due misure" è davvero sconcertante.

    Federico Baglioni
    fedebiotech.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente sono contrario agli OGM attualmente commercializzati, per questioni economiche, politiche, e strategiche.
      Lo studio di Seralini è una panzana? Pazienza (noi non siamo un collegio di revisori), ma secondo me fa comodo a noi Europei, tanto che la politica, soprattutto quella francese che certo in quanto a laicità ed illuminismo non è seconda a nessuno, immediatamente lo ha cavalcato.

      Forse voi biotecnologici dovreste dare uno sguardo alla questione OGM al di fuori dei vostri laboratori e dei vostri interessi di bottega, ma capisco che sarebbe come contraddire se stessi.

      Elimina
    2. "Forse voi biotecnologici dovreste dare uno sguardo alla questione OGM al di fuori dei vostri laboratori e dei vostri interessi di bottega"
      Ah! A me pare che chi ha davvero cuore interessi di bottega sia qualcun altro! Mamma mia, quanta ipocrisia...

      Elimina
    3. Certo è difficile portare argomentazioni logiche ai muri, btw ci provo lo stesso: Se vuoi che i biotecnologi "escano" dai laboratori dovresti essere favorevole alla sperimentazione in campo di varietà vegetali transgeniche (o cisgeniche), è questo che stai dicendo vero?

      Elimina
    4. ho mai scritto qualcosa contro la sperimentazione in Italia?

      Elimina
    5. Quinsi sei a favore della sperimentazione in campo di ogm? Di fatto in italia è vietata.

      Elimina
    6. Si, lo sono. Si, lo so che è vietata, ma non dipende da me, giuro.

      Elimina
    7. A no, pensavo sole che non aver scritto niente "contro il divieto" è indice del fatto che semplicemente tinny futty della questione.

      Elimina
    8. Diciamo che non nutro molta fiducia nelle capacità di fornire utili innovazioni a noi agricoltori da parte della ricerca italiana. E quindi non mi straccio le vesti se lo Stato ci crede meno di me. Tuttavia in linea di principio trovo sbagliato impedirne la ricerca.


      Elimina
    9. Eppure altrove i frutti della ricerca italiana sono apprezzatissimi (per fare solo un esempio i pioppi ogm in Cina)...il tempo è galantuomo e a qualcuno dovrà dar ragione.

      Elimina
    10. In effetti le Università italiane le troviamo al top Mondiale nelle classifiche di produttività scientifica, nevvero?
      Comunque mi pare che stiamo divagando, ti ho soltanto spiegato il mio punto di vista, che certamente è parziale.


      Elimina
  6. BOVé il medioevo che si riaffaccia?mai sentito quel detto-si stava meglio quando si stava peggio?una curiosità?mi spiegate per quale motivo,un agricoltore quando semina deve pagare per forza qualcuno per il seme che usa?niente in contrario agli ogm,ma siccome pare che contaminino i campi adiacenti,allora io sui miei campi le vostre porcherie non le voglio!chiaro?quando tirate fuori varietà che non contaminano i campi adiacenti,allora sui vostri campi potete seminare quello che vi pare,e utilizzare i vostri soldi per arricchire qualche multinazionale-

    vi informo che negli stati uniti USA,si coltivano ogm come acqua fresca dal rubinetto-al quanto pare,non vietano a nessuno di trasfersi presso di loro e di coltivare ogm-allora perchè non prendete baracca e burattini e vi trasferite negli usa?di sicuro non troverete BOVé e gli altri rompicoglioni come mè-vi informo,che in questo continente -EUROPA-l uomo è presente da almeno da 15000 anni,e fino ad oggi abbiamo campato tranquillamente senza gli ogm-vi porto a conoscenza, che possiamo continuare a vivere almeno per altri 15000 anni senza l utilizzo di ogm-fatevene una ragione,e vedete di andare a rompere i coglioni da un altra parte,il mondo è abbastanza grande per tutti,cè posto anche per voi,su su,fuori dalle balle,che abbiamo di altro da occuparci noi-forse questo SELARINI è un cialtrone,ma quelli della monsanto non sono da meno,con l aggravante che sono anche dei ladri-pare che il loro mais non sia cosi speciale come dicono .

    RispondiElimina
  7. @mimmo70
    Difronte alla scienza, usiamo l'isteria vedo... ah ah
    1) l'OGM te lo stai mangiano da almeno 15 anni, quest'anno si importa ben il 95% di soia rigorosamente OGM, la campagna di raccolta in italia è finita e non è ancora stato battuto nessun presso della nostra, mentre è quotata solo quella OGM vatti avedere listini verona, bologna e milano!
    2) aggiornati, anzi studia, non si parla di contaminazione, ma di commistione semmai!
    3) Io VOGLIO produrre OGM, ed ho lo stesso diritto tuoi di produrre mais e soia sani e non in commistione con il tradizionale, come la mettiamo qui??
    4) Anche per il sig. Granduro, invece di inveire contro l'OGM perchè non vi impegnate a produrre di più, visto che anche per il gtano duro siamo netti importatori?
    5) Sfido chiunque, ripeto chiunque a farsi il seme di mais in casa, lo posso capire per altre colture.. quindi dove stà il vincolo della multinazionale??
    6) Se ci autoproduciamo le sementi, chi è che fa il miglioramento tecniologico, anche del tradizionale?
    7) Ancora con questa storia dei brevetti,.. i brevetti scadono ed è disponibile a tutti, ma premia la ricerca e lo sforzo fatto. Se si ragionasse allo stesso modo in medicina, saremnmo ancora alla penicillina!
    8) Ma non vi è mai venuto in mente che forse è una guerra tra la chimica vecchia ed inquinante ed una nuova tecnologia rispettosa dell'ambiente? e voi contrari siete solo dei pupazzi nelle mani delle multinazionali della chimica? ..neanche un dubbio su questo?
    9) Per chi non lo sapesse, (se no, aggiornatevi) il mais prodotto quest'anno in italia nel nord soprattutto è tutto fuorilegge, è carico di tossine da far paura, non lo si dovrebbe dare neanche ai maiali... ricordo che c'è uno studio dell'università di Milano che indica le tossine come causa della spina bifida ! .. si proprio quella terribile manformazione fetale che causa nascite spaventose.
    10) In spagna convivono benissimo l'agricoltura OGM e ha visto il rifiorire dell'agricoltura biologica in senso stretto, .. proprio il contrario di quanto i talebani dellìanti ogm vanno dicendo. Infatti la sentenza ultima della corte di giustizia europea si basa proprio sul risultato di questo splendido connubio.

    Per farla breve, AGGIORNATEVI ! altrimenti non è che debba avanzare il medioevo, siete il medioevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai skeptical sempre il solito...superficiale

      mi fermo al primo punto, perché ascoltare deliri non fa parte delle mie inclinazioni.
      Ma almeno i listini guardali bene.
      Il primo che trovo, Bologna:
      http://www.agerborsamerci.it/listino/listino.html

      Soia Tostata Decorticata naz.non deriv. OGM

      20 settembre 2012 574,00-576,00

      Soia Tostata Decorticata estera

      20 settembre 2012 524,00-526,00

      Elimina
    2. salve skep,quando sei barboso,ti fai sentire solo su certe argomenti-
      isterico?no,e solo che secondo me gli ogm sono tutto fumo niente arrosto-in poche parole cazzate-
      di loro si parla e si argomenta da oltre 20 anni,vennero presentati come la soluzione alla fame del mondo,è bastato l arrivo di una crisi economica mondiale per far riacutizzare il problema,dimostrando che nel mondo non mancano le derrate alimentari ma i soldi per comprarli-
      1)io non mangio ne soia ne mais,sono carnivoro convinto,e gli animali che mastico si nutrono esclusivamente dei prodotti tradizionali-
      2)contaminazione ,commistione,non importa,io non voglio che il mio prodotto venga a contatto con le vostre porcherie,punto e basta-
      3)su questo punto ti do ragione,ma siccome non ne verremmo mai a capo,io propongo di lasciar decidere un soggetto terzo-IL CONSUMATORE-introduciamo una bella legge dove i prodotti e loro derivati ogm debbano riportare in primo piano la dicitura OGM,e che vengano commercializzati su scaffali differenti con sopra il logo ogm-naturalmente le stesse condizioni per quelli non ogm-il prodotto premiato dal consumatore avra la meglio sull altro-scommettiamo come va a finire?
      4)in italia si importa circa 30/35% di grano duro trasformato,il territorio abbandonato(non coltivato)da solo coprirebbe quel quantitativo,se il grano duro avrebbe un prezzo intorno ai 40E il qt,in italia ci sarebbe un eccesso di prodotto rispetto alla domanda,ovviamnete poi crollerebbe il prezzo e si tornerebbe deficitari,vedi un po tu come la vuoi mettere-
      5)a proposito di studiare,se lo hai fatto ,avrai letto da qualche parte che i maya,alcune migliaia di anni fà coltivavano mais,chisà dove prendevano il mais per semina.
      alcuni anni fà,quando eravamo tutti un po piu poveri,e carne e grano servivano per fare qualche soldino,giusto per tornare ai nostri tempi, il mais era il cibo principale delle famiglie italiane chi sa dove prendevano il mais da semina ,o la monsanto risale all epoca dei maya?
      6)il miglioramento tecnologico deve farlo solo ed esclusivamente un ente governativo,e messo a disposizione di tutti,poichè il cibo è un bene primario e non puo essere esclusiva di un soggetto privato,con esso non si specula,potrebbe risultare molto pericoloso giocare con il cibo-pericoloso in tutti i sensi-
      7)i brevetti vanno bene,un privato puo fare quello che vuole,con i propri soldi,ma non puo imporre ad agricoltori e consumatori un suo brevetto-utilizzando per altro argomentazioni forzose e tendenziose-
      8)se fossi un agricoltore sapresti che la chimica ,ha un impatto minimale su una buona pratica agronomica,è l agricoltura intensiva cosi come la zootecnia intensiva a fare un eccessivo ricorso alla chimica,e l utilizzo di ogm spinge proprio verso questi modelli-pupazzo?!!!!!!!!
      9)ma cosa pensi,che la particolarità di quest annata al nord è unica nella storia dell uomo?anzi dell umanità?eppure non solo non ci siamo estinti,ma siamo aumentati anche di numero,e questo peraltro sta diventando un vero problema per il pianeta-si,siamo troppi-
      10)come ho gia detto, nel mondo cè posto per tutti anche per gli ogm,ma non qui-
      il medioevo ha prodoto il rinascimento,oggi stiamo tornando nell oblio,magari nel medioevo-skep,io quando mi volto dietro,vedo il futuo che mi fà cenno di aspettarlo.

      Elimina
  8. @granduro
    ma neanche i listini sapere leggere...
    a verona 2 su 3 è soia ogm
    http://wws.vr.camcom.it/BORSA/listino.jsp?OP=CERCA

    quando si dice che negate l'evidenza, questi sono i risultati.
    carta canta e ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .Le prime quotazioni di soia nazionale , raramente sono pubblicate prima dell'ultima decade di settembre,La raccolta di soia è iniziata prima nel nord est Quest'anno Treviso ha aperto a 520/530 euro /T .Udine un euro in meno, entrambe le prime quotazioni sono apparse la sett scorsa.
      Nel nord ovest la primavera piovosa ha ritardato le semine, si sta trebbiando riso e i primi mais seminati,sta piovendo e si deve praticamente ancora iniziare a raccogliere soia . Per i secondi raccolti di msis e soia servono ancora 2 / 3 settimane,tempo permettendo.
      Milano inizia a quotare la soia nazionale di nuovo raccolto, dopo il nord est, Verona, e Bologna: Di solito a fine settembre. Nelle stagioni con raccolta in ritardo per vedere un prezzo su Milano devi aspettare i primi di ottobre ( 2010 es ).
      Il mais ha avuto problemi di aflatossine( nel polesine e nord est per via della siccità come li ha i negli states che è ogm..

      http://articles.chicagotribune.com/2012-08-29/business/chi-latest-threat-to-droughtstricken-corn-aflatoxin-20120829_1_aflatoxin-contamination-corn-harvest-corn-samples

      Elimina
  9. @granduro
    ..ecco ti fermi al primo punto, perchè non hai argomenti! questo è il succo del tuo commento

    RispondiElimina
  10. Skeptikal, hai ragione non ho più argomenti per te. Le mie ragioni, ampiamente affrontate, già sono esposte in vari post, che sai bene dove trovare. Tedierei te ed i lettori a riproporre sempre le stesse questioni.

    Resta la notizia che in Francia numerosi politici chiedono il bando delle importazioni di granelle OGM sulla base di uno studio mediaticamente efficace di tale Seralini. Se è una panzana o meno lo studio, è irrilevante ai fini di una osservazione non ideologica del mercato dei cereali Europeo.

    Continuerò a postare questo genere di notizie, fattene una ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uè, vedo che c'è qualcun altro a tener testa alle fregnacce che scrivete (mimmo70 in testa a tutti)...comunque questo è il mio secondo commento dopo mesi direi...
      Skeptical (quello vero)

      Elimina
    2. Chiunque scriva un commento anonimo per supportare gli OGM, oramai lo chiamo Skeptikal, ma non ricevo obiezioni. Si vede che nell'ambiente sei uno importante.

      Elimina
    3. O forse cha ad un Anonimo, importa poco il fatto che lo scambi per qualcun altro. Capisci?

      Elimina
    4. oppure sei stato clonato...

      Elimina
    5. Per essere un agricoltore ne hai di tempo da perdere

      Elimina
    6. di secondo lavoro faccio il ricercatore...

      Elimina
    7. Questo si era capito, ricerchi le notizie farlocche che pubblichi qui.

      Elimina
    8. ed io mi chiedo sempre, ma perché perdi il tuo prezioso tempo appresso ad uno che pubblica notizie farlocche?

      Elimina
    9. Perché è doveroso leggere ogni tanto cosa ne pensano i bottegai.

      Elimina
    10. per fortuna i tuoi interventi ci fanno volare alto

      Elimina
  11. @granduro
    e certo, stesso stile di Seralini, spara "urbi et orbi" le sue convinzioni senza riscontro scientifico e senza contraddittorio, tanto i giornali se le bevono tutte.
    Queste sono le vostre argomentazioni, il giorno che dovete confrontarvi su argomenti scientifici vi nascondete dietro al fatto che un giornale l'ha scritto, o sul blog già c'è.
    Certo che siete un po presuntuosi non credete, .. ma che avete scritto le tavole della Sacra Bibbia secondo voi?..ed infatti per il Seralini l'ambiente scientifico non ha neanche sprecato fiato per contraddirlo, la manovra che ha fatto dicasi autosputtanamento.
    Il fatto è che la vostra posizione è indifendibile, non a caso la comunità europea ha smontato ogni pretesa di blocco dell'italia e francia compresa!... ed il tutto su basi scientifiche, vere e certificate.
    Comunque, non ti disturbare a rispondermi.
    Addio, non sentirò la vostra mancanza.


    RispondiElimina
  12. Se leggete il finale del mio post:
    "Chissà che questo studio non possa rappresentare la scintilla per attuare politiche che limitino l'eccessiva apertura Europea verso la importazione di materie prime agricole dall'estero."

    Ebbene ci ho quasi preso, non nella UE, dove i politici son bravi soltanto a rilasciare dichiarazioni che lasciano il tempo che trovano, ma in Russia:
    Sospesa l'importazione di mais OGM NK 603 in seguito alle risultanze dello studio di Sealini.

    http://www.bloomberg.com/news/2012-09-25/russia-suspends-import-of-monsanto-corn-on-health-concerns.html?cmpid=yhoo

    A Chicago, per vari motivi, il prezzo del mais è in discesa da alcuni giorni.

    RispondiElimina
  13. agricolt abruzz basta con queste ogm la natura e bella come e ed e perfetta come e stata fatta i ssconvolgimenti non sevono ai prodotti agricoli serve solo un bel prezzo e basta

    RispondiElimina
  14. Il lavoro scientifico è "una cagata pazzesca" e ha fatto sorgere dubbi sui revisori ma anche su Elsevier, editore della rivista.

    A parte questo sembra che attualmente il risultato dell'ostruzionismo agli OGM in Europa, sia dell'uso che della ricerca, abbia di fatto favorito le multinazionali americane, che detengono brevetti e sementi e gli agricoltori di altri continenti che li usano liberamente.

    Mi sembra di capire che il punto di vista degli agricoltori italiani riguardi l'autoproduzione delle sementi e la questione brevettuale. E' corretto?

    RispondiElimina
  15. Da quello che abbiamo letto in questi anni, anche molte varietà OGM sono una "cagata pazzesca". Stai sicuro che se fossero davvero state più redditizie delle convenzionali non staremmo a fare i difficili. Del resto i maidicoltori anni fa persero la capacità di riprodursi il seme, ma in cambio ebbero degli ibridi molto più produttivi delle varietà tradizionali.
    Come si dice, il gioco deve valere la candela.

    Da parte mia posso dirti che le questioni che sollevi sono rilevanti ma non esclusive. La posizione degli agricoltori è molto articolata e diversificata, alcuni sono anche favorevoli peraltro.

    Non so se gli agricoltori degli paesi nei quali l'OGM è liberalizzato siano veramente avvantaggiati, visto che le loro produzioni spesso spuntano prezzi inferiori ai prezzi convenzionali, e che sempre più spesso gli stati importatori ne bloccano l'accesso della merce.
    Infine, ma se i danneggiati dal mancato uso degli OGM fossimo noi Europei non utilizzatori, perchè il governo degli USA spinge per la loro introduzione qui da noi? A lume di logica se hai un vantaggio competitivo sui concorrenti te lo tieni stretto, a meno che non sei un Santo e credi nell'Amore Universale, ma gli USA non mi pare abbiano questa vocazione.

    RispondiElimina
  16. Avanzati dubbi sullo studio di Seralini.

    l'Hcb (Haut conseil des biotechnologies) e l'ANSES (Agence nationale de sécurité sanitaire Alimentation) hanno reso noto i loro pareri (su richiesta del Ministero dell'Agricoltura francese) sullo studio di Seralini sull'NK603, pareri nei quali vengono avanzati dubbi sui protocolli utilizzati e individuate delle lacune metodologiche importanti.

    Entrambi le organizzazioni auspicano comunque nuovi studi sull'effetto a lungo termine degli OGM associati a pesticidi.

    Fonte:
    http://www.terre-net.fr/actualite-agricole/politique-syndicalisme/article/les-instances-officielles-refutent-les-conclusions-du-professeur-seralini-205-84082.html

    RispondiElimina

  17. Testimonianza di un prestito in 24 ore per il vicino a una signora cristiana e molto seria, vorrei informarvi che a seguito di molte pubblicazioni del record di banche come sta cercando di prestito per più di 2 anni ho avuto il mio prestito di € 15.000 tra particolare attraverso questa signora CINZIA Milani può aiutare come me, che sono nel bisogno esso è raggiungibile indirizzo e-mail: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina
  18. un argomento interessante di cui ne so ben poco.cmq a parte le polemiche l'europa almeno fino a qualche tempo fa era contraria agli ogm per principio .unica deroga era rappresentata per il mais e la soia in certe percentuali soprattutto per l'alimentazione bovina(mimmo70 se mangi bovini allevati con mangimi ove c'è quasi sempre la presenza del mais questo può essere ogm anche se non etichettato)
    ---ma il presidente della commissione che decide sugli ogm è forse Giovanni la via?--
    per assurdo l'apertura agli ogm in maniera" tracciata e trasparente" non potrebbe portare vantaggi alle nostre filiere italiane che sono sicuro resterebbero per cultura fuori "da queste novità"?
    ma forse non è auspicabile perchè se ci fosse grano duro ogm che producesse 100q/ettaro o 20 di proteina di certo -purtroppo nella filiera italiana finirebbe anche quel grano

    scusate ma chi .......è sta cinzia milani?
    cerealicolo

    RispondiElimina
  19. credevo fosse un post recente ma chissà dove è giunta oggi la questione ogm
    cerealicolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è roba vecchia, cerealicolo... l'indirizzo di questo eddy jacques è stato usato per lanciare spam (ossia pubblicità). Il commento andrebbe cancellato.

      Comunque non vorrei deluderti, ma la questione ogm non credo che abbia fatto grossi passi avanti da allora... e sono passati ben due anni!!!

      Ma non andiamo a rinvangare vecchie storie... lasciamole lì dove stanno.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.