giovedì 26 maggio 2011

Rapporto IGC: prospettive del grano nel 2011

Il Raccolto globale di grano della imminente stagione non bilancerà i consumi globali. 
Infatti, L’IGC (International Grain Council), nel report del 26/05/2011, ha tagliato le previsioni di consumo mondiale di grano nel 2011-2012 di circa 3 milioni di t, portandolo ad un saldo complessivo di 669 milioni di t. Il calo sarebbe dovuto al mancato uso della granella per la produzione di biocarburanti, a causa del suo prezzo elevato.
Tuttavia, la stessa IGC ha abbassato ancor di più la stima delle produzioni di grano di ben 5 milioni di t, a 667 milioni di t, a causa della siccità che ha colpito molte zone del Sud degli USA, dell’Europa ed alcune dell’ex Unione Sovietica.
Complessivamente condizioni meteorologiche sfavorevoli stanno influenzando negativamente le prospettive produttive del grano. Le scorte tuttavia sembrano destinate a rimanere ad un livello rassicurante.
Il rapporto tra scorte ed utilizzo, una misura della disponibilità di prodotto e del suo prezzo potenziale sarà pari al 27.7 %, ben sopra al livello di 21.3 % del 2007-2008, che contribuì all’impennata dei prezzi del grano.
Oggi, i futures del grano sono stati protagonisti di una seconda giornata di forti guadagni, in relazioni alle condizioni di semina estremamente umide del grano primaverile. Alla borsa di Minneapolis, il grano è stato scambiato a 10.78 $/bushel (circa 28 €/q), prezzo massimo dal luglio 2008. A causa dei continui ritardi di semina nel Northern Plains.

In Francia, gli analisti di Arvalis, hanno stimato un calo delle produzioni francesi di grano tenero del 10%.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.