mercoledì 5 novembre 2014

Produzione olivicola italiana in netto calo: la discussione

Per rendere più leggibile i vostri interventi, nel testo di questo post ho riportato i commenti (provenienti dal post sul prezzo del Duro) che riguardano la crisi produttiva olivicola su tutto il territorio italiano, con conseguente impennata del prezzo dell'olio.






Se volete potete continuare la discussione più comodamente in questo spazio. Vi segnalo anche l'articolo: Si estende a macchia d'olio l'allarme sulla produzione d'extra vergine d'oliva nazionale.



oggi ho iniziato a raccogliere le olive che ci sono sugli alberi,prezzo di vendite 59 euro \quintale,ieri mi avevano detto che le pagavano 55,pochi giorni fa erano a 50,gli anni scorsi si pagavano a 30 o poco più.....della serie:quando manca la merce qualsiasi prezzo che in annate normali sembra irrngiungibile,in annate come queste si può realizzare in men che non si dica,calma e nervi saldi amici
RispondiElimina

Risposte

  1. Agricoltore Tarantino04 novembre 2014 16:38
    Il leccino qui lo pagano anche 80euro a quintale quest`anno!
    In generale, dalle mie parti poca roba buona in giro (causa mosca), resa media 12l/q. Una annata strana....attendendo il freddo per vendere bene le rape :-)
    Elimina
  2. Confermo. In Puglia la situazione è compromessa a causa della mosca. Scarsa la produzione, pessima la qualità sopratutto nelle zone dove non sono abituati a fare i trattamenti per la rarità degli attacchi. Per cui se avete olio buono: tenere olio ! :-)
    Elimina
  3. caro giovanni anche io sto raccogliendo olive,oggi sono fermo causa mal tempo.Mi piacerebbe confrontarmi sull'argomento olio extra vergine di oliva. Conduco un uliveto di circa 6 ettari con annesse 600 cultivar "secolari" in particolare nocellare dell'etna,tonda iblea,oliara messinese,il tutto si trova in un area di interesse archeologico .Bene nella conduzione dello stesso io non mi sento un imprenditore agricolo ma bensi un "custode del parco".Questi 6 ettari non producono utile ,la scelta di un imprenditore sarebbe quella di estirpare gli alberi per coltivarci altro. Confermo l'aumento di prezzo dell'olio anche in Sicilia si parla di 5euro/kg ma non è sempre semplice trovare l'acquirente; personalmente vendo sempre a 5 euro/litro perchè attuo la vendita diretta è sto attivando una start up per la vendita in internet; comunque producendo un massimo di 2000 litri di olio e considerando gli altissimi costi(potatura e raccolta in primis )anche se faccio tutto in economia occupandomi personalmente dei lavori aiutato all'evenienza solo da un' operaio "specializzato" non vedo come si possa produrre reddito se non vendendo l'olio a 15euro/ .
    Non so come state messi voi ma la mia impressione( smentitela se è falsa)e che riuscite a spuntarla grazie ai grossi e grassi aiuti comunitari che percepite. Infatti io per quel uliveto ho aiuti pac pari ai seminativi circa 300/ha voi per le voci che circolano percepite molto di più arrivando a punte massime di 5000/ettaro. nota bene con la nuova pac cambierà ben poco infatti a ma ricalcoleranno quei titoli a voi quel che viene meno con la convergenza(30%al 2009)sarà in parte recuperato con il premio accoppiato premio che non viene dato a noi siciliani per scelte politiche. Vedete io faccio l'agricoltore non ho un secondo lavoro se non quello di fare il "custode del parco"
    Scusa granoduro il fuori tema
    Cerealicolo

23 commenti:

  1. 5000 Euro per ettaro??? no no ti sbagli di grosso....assolutamente posso dirti che l'uliveto anche per noi rappresenta un costo e basta!! con 2 ha e 350 piante sono più i costi...considera che quest'anno sono cresciute olive al massimo su 10 piante...le altre totalmente vuote!!
    Fabri

    RispondiElimina
  2. Italia Centrale: situazione molto negativa. Olive a terra, malattie, "annata di scarica". Bisognerebbe spiegare ai consumatori che l'olio EV a 3 euro al litro non esiste. A Jaen il future di novembre sta attorno ai 2,90 euro/kg: http://www.mfao.es/inicio/inicio.asp
    Il Krukko onnisciente

    RispondiElimina
  3. ho appena finito di macinare 18q di olive,la resa è stata ottima,ho ricavato 370l d i olio ev e il controllo acidità è risultato 4% buono ,il costo del frantoio da noi si aggira intorno ai 10/12 euro/q. Quest 'anno mi sembra di avere capito sia stata introdotta una novità che riguarda la tenuta del registro carico e scarico olio e se non mi sbaglio (mi informerò meglio)le produzioni di olio superiori a 200l vanno inserite nel fascicolo aziendale .
    Fortunatamente non ho avuto un attacco di mosca importante per cui la qualità dovrebbe mantenersi buona anche se quest'ultima dipende da vari fattori.
    nb la mia curiosità nel sapere gli aiuti pac nel settore olivicolo pugliese deriva da un concetto ormai diventato luogo comune per cui i pugliesi negli anni di riferimento storici hanno saputo gonfiare le loro produzioni(gonfiando i moduli f24) così come i calabresi per quanto riguarda gli agrumi ed ecco percepire grossi aiuti comunitari.Polemiche a parte mi sembra ingiusto che la nuova pac abbia escluso dall'aiuto accoppiato tutti gli oliveti che non ricadono in un area dop escludendo di fatto gli uliveti che più hanno bisogno dell'aiuto; se vi va di essere sinceri gradirei conoscere l'ammontare medio degli aiuti pugliesi legati al settore olivicolo non per polemizzarci ma perchè sono del parere che gli uliveti storici andrebbero aiutati almeno a partire da 1500 euro/ha, se vedreste il mio "parco" altro che greening
    cerealicolo

    RispondiElimina
  4. visto che tra i lettori del blog vi sono anche personaggi istituzionali(visto l'esclusione del premio accopiato in sicilia per scelte politiche) mi piacerebbe che nei prossimi psr fossero previste nuove misure a sostegno di un settore che altrimenti non ha ragion d'esserci
    cerealicolo

    RispondiElimina
  5. a dimenticavo una curiosità nella mia zona il 90% dei piccoli-medi produttori attua la c.d raccolta a metà che consiste appunto nel dividersi il raccolto a metà con chi raccoglie(questo per farvi capire come stanno le cose da noi). é giusto però dire che io provengo da una zona(centro sicilia molto vocata a grano duro e poco o quasi niente all'olivicoltura
    cerealicolo

    RispondiElimina
  6. Qui in abruzzo,la situazione è disastrosa,per la prima volta in casa mia,niente olio nuovo(meno male che ho il vecchio),qui si parla apertamente di E 12 al litro per l'olio nuovo,presso il frantoio-mi sembra che anche in Spagna sia un vero disastro-
    Che dire ,penso che c'è la voleva proprio,alla GDO 1L di olio 2,99E non era più accettabile-idem per il grano duro,un kg di pasta 1,50E-e meno male che sono beni di prima necessità-ben vengano le male annate-

    RispondiElimina
  7. nuovo del forum...cerealicoltore, olivicoltore nonchè frantoiano. situazione in puglia, zona subappennino meridionale, disastrosa. non ci sono olive e quelle poche che ci sono danno risultati pessimi. chi ha trattato il frutto si è salvato, ma in zona nel 90% dei casi non si conoscono neanche i patogeni dell'olivo. prezzo delle olive tra i 50 e i 60 €/ql. olio intorno agli 8€/lt. francesco

    RispondiElimina
  8. caro mimmo 12 euro l è un prezzo interessantissimo se vuoi provare o far provare dell'ottimo olio ev siciliano possiamo organizzarci e te lo spedisco in latte da 3 o 5 l etichettato minimo di ordinativo 12l ( arriverebbe a casa tua con un prezzo di circa 110euro) spero che il maltempo previsto in queste ore non arrechi danni alla raccolta non faccia cadere le rupe più mature cmq metà raccolta l'ho già eseguita
    nb non è una promozione commerciale ma un modo per far conoscere un aspetto del territorio in cui vivo
    cerealicolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerealicolo,scrivimi in privato che ne parliamo-
      i blog dovrebbero servire anche a questo,quindi aprine subito uno -

      Elimina
  9. volevo raccontarvi un'aneddoto riguardante l'olio ev : ogni anno macino le olive da un noto personaggio frantoiano che ha costruito un impero grazie anche a questa sua prima attività bene parlando gli spiegavo come fosse poco redditizia l'attività e che forse sarebbe meglio estirpare parte dell'uliveto.Lui con tutta sincerità mi ha risposto che la sua famiglia ha recentemente coltivato altre 7000 piante monocultivar questo perche tempo addietro con una "telefonata"(al più grosso distributore di carne in tutta europa non ricordo il nome) e stato inserito in una rete commerciale(maar così l'ha chiamata)per cui vende l'olio nei ristoranti ,bar ,botteghe di russia(credo raggiri perfino l'embargo) e stati uniti al prezzo di circa 5euro/250ml ,bella storia(lo stesso compra olio ev siciliano oggi a 4euro/kg
    questo per dire che il nostro olio ev può valere dai 4 ai 20 euro/l tutta questione commerciale e chi detiene le redini può piazzare e valorizzare qualsiasi prodotto, mentre per noi agricoltori non basta una telefonata ma bisogna lavorarci una vita
    cerealicolo

    RispondiElimina
  10. svevo visto che nessuno smentisce il luogo comune sui contributi "speciali" pugliese riguardo il settore olivicolo(fabri non ha specificato a quanto ammontano) chiedo a te se ti va di far chiarezza
    cerealicolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti posso informarmi, ma ritengo che 5000 €/ha non sia proprio possibile, non li ho mai sentiti. Ti faccio sapere se abbiamo raggiunto quel record. E' vero quello che dici in alcuni casi ci sono aiuti di due tre volte superiori a quelli "normali", per l'errato meccanismo di attribuzione degli aiuti agli oliveti nel 2003/2004 sulla base dei famosi modelli F all'epoca della riforma PAC del settore olio credo 2004 (ma devo documentarmi) . Quindi abbiamo situazioni in cui, in una stessa zona due oliveti confinanti, in condizioni di allevamento simili con produttività simile, ricevono aiuti diversi: uno ad esempio 1.000/1500 €/ha e l'altro 400 €/ha. Com' è possibile ? Purtroppo è stato possibile per il fatto che gli aiuti furono fissati per olio prodotto e non per pianta o per ettaro e i furbi (ci siamo intesi) ne hanno beneficiato.

      Elimina
    2. Ho verificato: con la riforma della PAC del 2004 (per olio partì dopo 2006) per la determinazione degli aiuti disaccoppiati (aziende superiori a 0,3 ha) almeno il 60% della media 99 - 2003 fini nel pagamento unico aziendale. In quel periodo come sai l'aiuto era a quantità di prodotto (I famosi modelli F di cui parli). Più producevi e più alto era l'aiuto, un meccanismo che ha prodotto quelle "situazioni anomale" di cui ti parlavo.

      Elimina
    3. grazie svevo come sempre attento , puntuale e trasparente. si conferma come la vecchia riforma creò disparità anche tra gli stessi areali oltre che tra le regioni favorendo i" furbi del mestiere" noto con disappunto che la nuova pac abbia scelto in italia il sistema per tutelare,conservare al massimo questo stato di cose
      cmq critico anche la pac che vede l'agricoltura come "filiera unica";
      i costi, le dificcolta, le crisi di mercato del settore olivicolo non sono le stesse peresempio del settore grano duro
      cerealicolo

      Elimina
    4. Non che non volevo risponderti...ma non avendo a portata di mano un conteggio non volevo dirti fesserie...certo è che stiamo intorno ai 300€...non me ne interesso semplicemente perchè per quanto mi riguarda, l'uliveto è da considerare una voce in rosso sempre....considera che sono lontano dalla mia azienda...e i lavori li pago tutti...bene che mi è andata ho raccolto 130q.li ....dividi perchè chi ha raccolto si prende la metà (65 x30=1950) che hanno ripagato le potature (1 potatura pesante che dura 2anni/ 2 potature leggere in 2 anni) e altre piccole cose!!
      Considera che quest'anno non ci sta niente e vedi te che mi rimane....piuttosto ci rimetto....fortuna che ci sta il mio ORO giallo... ;)
      fabri

      Elimina
  11. in molise la situazione rispecchia quella delle vicine regioni abruzzo e puglia, credo che non si arrivi neanche al 10% di produzione, il prezzo si aggira tra 8 e 10 euro molto richiesto invece l'olio vecchio, ma chi ne ha se lo tiene ben custodito.
    con questa situazione credo che andranno in salita anche gli altri oli, quindi ne beneficeranno anche i produttori di girasole.
    in effetti, pur non essendo un grande produttore, in casa mia non è mai mancato l'olio d'oliva, quest' anno invece ho già comprato olio di girasole per le fritture.
    cb

    RispondiElimina
  12. Sarei disposto a vendere alberi di ulivo secolari.
    Vi chiedo di darmi un consiglio su quanto chiedere ad albero e se esistono leggi che lo vietano.

    RispondiElimina
  13. fino a ieri dalle mie parti le olive venivano pagate a 90 euro,oggi ho sentito al frantoio che sono crollate a 66,vi risulta?

    RispondiElimina
  14. puoi specificare di che zona parliamo? In provincia di Foggia ho sentito che l'olio all'ingrosso è arrivato a 7€/litro.
    Cosimo

    RispondiElimina
  15. ad andria,che è la capitale dell'olio in italia,fino a ieri si pagavano anche 100 euo il quintale,oggi non so,dicono che sia arrivato dell'olio dalla grecia a calmierare i prezzi.....

    RispondiElimina
  16. ultimo giorno di raccolta delle olive,prezzo di vendita 80 euro quintale,dicono che sia in calo ma io onestamente non ci credo,ma comunque le poche olive che ci sono vanno sempre più a terra,non credo sia utile continuare ad aspettare a raccogliere x spuntare un prezzo migliore

    RispondiElimina
  17. Vigilantes negli oliveti per evitare furti e cisterne di olio extravergine scortate dalla polizia come furgoni portavalori. È l'effetto della pazza stagione dell'olio d'oliva nella quale tra maltempo e attacchi della mosca olearia, la produzione italiana si fermerà a quota 300mila tonnellate, il 35% in meno rispetto allo scorso anno. Le stime sui raccolti diramate qualche settimana fa hanno subito acceso le quotazioni. Per un
    di Giorgio dell'Orefice - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/zAvK7B

    RispondiElimina
  18. Qualcuno mi sa dire il prezzo dell olio oggi?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.