giovedì 18 settembre 2014

Le prove varietali di Duro 2014

Ho stralciato dall'Informatore Agrario n.32 (supplemento grano duro) qualche tabella sulle prove di confronto varietale effettuate dal CRA. Nuove varietà e soprattutto nuovi costitutori si affacciano all'orizzonte, con i francesi che ormai affermano la loro superiorità tecnica nel campo della costituzione varietale del grano duro anche in areali a loro sconosciuti.




Sotto un grafico riassuntivo delle rese medie produttive nei vari areali Italiani (pigiare sulle immagini per ingrandire).




In dettaglio sotto, le rese delle varietà in prova negli areali del Sud peninsulare. Le prime 3 varietà sono di origine francese. Antalis della Limagrain, Ramirez e Monastir della Florisem.
E già l'anno scorso i transalpini avevano ottenuto i migliori risultati.
4°Asterix e 5°Gibraltar della multinazionale svizzera Syngenta, mentre 6° Kanakis ancora della Florisem. La migliore varietà italiana è l'Anco Marzio.





Stessa musica anche in Sicilia dove Antalis registra dei risultati strabilianti in alcune località (distacchi notevolissimi dalle concorrenti), Monastir e Ramirez anch'essi molto performanti. Prima varietà italiana Tirex, di cui molto bene si è sentito parlare negli ultimi anni, con il solito Anco Marzio dotato di una grande stabilità produttiva. Prima varietà tra le costituite in Sicilia: Core.
Misteriosamente le prove siciliane non considerano la parte Occidentale dell'Isola (molto diversa pedoclimaticamente da quella orientale), nella quale la coltivazione del Duro è ancora più diffusa (la provincia di Palermo è la seconda in Italia dopo Foggia per diffusione, e nettamente la prima in Sicilia, ed anche Trapani è ben rappresentativa), così il commento finale sotto la tabella che riporta annata favorevole in Sicilia è fuorviante, a causa del fatto che proprio nella parte Occidentale dell'Isola le condizioni meteorologiche non sono state favorevoli e che quindi la coltura non ha estrinsecato al massimo le potenzialità produttive.



10 commenti:

  1. già, la disforme dislocazione (tutti siti centro-orientali) dei campi sperimentali in Sicilia inevitabilmente premia le varietà molto precoci...l'anno scorso nel Corleonese (zona tipica per la produzione del frumento duro) le varietà tardive sono state le migliori...comunque questo Antalis lo voglio provare, sembra che sia distribuito tramite la CGS.

    RispondiElimina
  2. pro.se.me auguri la sfida è dura

    RispondiElimina
  3. interessantissimo , mi domando se queste cultivar così performanti possano portare nei nostri alveali anche" malattie "che normalmente non avremo o è solo un luogo comune per preservare i nostri sementieri locali?
    cerealicolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quali malattie e come?
      Tutta roba abbondantemente conciata e certificata....se il cartellino vale qualcosa non dovremmo avere nulla da temere.
      Nuove varietà generalmente hanno il vantaggio di sfuggire a specifici ceppi patogeni che si sono selezionati negli anni sulle varietà tipiche della zona.


      A leggere i dati pubblicati sul giornale: Antalis, Tirex e Monastir uniscono ad una elevata precocità anche un livello proteico superiore alla media del campo sperimentale (13,1-13,2 %)....ovviamente si tratta di condizioni sperimentali, per cui sappiamo bene che non è facile ottenere elevate quantità di granella insieme ad una buona qualità.

      Elimina
  4. di queste precoci sapete dirmi qual' è la più incline per la produzione di proteina?
    cerealicolo

    RispondiElimina
  5. Sarebbe opportuno oltre conoscere i vari varietali, approfondire le conoscenze con delle schede tecniche per capire ognuno di noi quale sarebbe più incline per i propri terreni e non farci trascinare sempre dalle mode del momento prendendo a volte delle boccate amare.
    Dovremmo smettere di accontentarci di quello che troviamo nelle sementiere locali e pretendere cosa è giusto per noi.....l'unico modo per poter risolvere questi deficit locali potrebbero essere un passaparola anche per gli acquisti in agricoltura....secondo il mio modesto parere...fare cooperazione vera almeno tra di noi.
    Stone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa più saggia è fare una piccola prova in azienda, con qualche varietà che sembra adattarsi meglio al tuo ambiente, e valutare di persona...

      Elimina
  6. zona Palermo interna varietà Quadrato poca pubblicizzata , ha reso tanto media 45 ,50 q.li ha

    RispondiElimina
  7. oggi pomeriggio intorno alle 17 sulla radio del sole24 ore si dovrebbe parlare tra l'altro del cra e dei compensi milionari dei suoi dirigenti....se potete,dateci un'occhiata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.repubblica.it/rubriche/la-scuola-siamo-noi/2014/09/21/news/il_ministro_ferma_la_casta_della_ricerca_agricola-96359047/

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.