giovedì 7 febbraio 2013

Negoziato PAC: entriamo nella fase caldissima

La scorsa settimana, la Commissione Agricoltura del parlamento Europeo (ComAgri) ci ha intrattenuto con la storiella sulla avvenuta approvazione della prossima PAC, ripresa da vari siti web, e seguita anche da noi, sebbene con un certo distacco, nel post: "La Pac in diretta". Ma la realtà è ben diversa, sostanzialmente al momento manca la copertura finanziaria, che potrà essere garantita soltanto da un accordo fra gli Stati Nazionali. La Pac è ancora in alto mare, vediamo sino a quanto...

Tra oggi e domani a Bruxelles il summit (decisivo?), tra i Capi di Stato, per la definizione del budget Europeo 2014-2020 (multiannual financial framework’ (MFF)). In questa sede anche la dimensione finanziaria della PAC per il periodo 2014-2020 sarà concordata dai leader dell'UE. Attualmente il compromesso sul tavolo verte su un taglio di 17 miliardi di euro soltanto per la spesa agricola. 

Il precedente vertice di novembre è stato interrotto tra le divisioni, su dove e come fare tagli, sulla base di una ipotesi del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, che prevedeva la riduzione della spesa agricola nella UE di circa 20 miliardi di €, rispetto al periodo 2007-2013.
A favore dei tagli Germania, Inghilterra, Svezia, Danimarca. Olanda...
Contrari Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Paesi dell'Est...
L'Inghilterra tuttavia sembra battagliare per mantenere i privilegi attuali (non per una posizione di principio rigorista): il cosiddetto U.K. rebate, che sinora è stato coperto da Italia e Francia. Si tratta di uno sconto nei versamenti alla UE, di cui gode la U.K dai tempi della Thatcher.
I tedeschi, invece notoriamente pro-austerity, puntano ad un taglio del budget...loro sono i maggiori contribuenti, in effetti.

Van Rompuy, sembra convinto che i tempi siano ormai maturi per un accordo, ha proposto così una contrazione del bilancio per l'agricoltura meno aggressiva, passando dai € 378,52 miliardi attuali, a € 361,52 miliardi nel corso dei prossimi sette anni, determinando così un taglio del 4,5% (circa i 17 miliardi appunto di cui scrivevo nella introduzione).
Il fondo per i pagamenti diretti e spese di mercato sarebbe ridotto di € 8,7 miliardi, mentre quello dello sviluppo rurale di € 8,3 miliardi.

Il Parlamento europeo, tuttavia, deve dare il suo 'consenso' a qualsiasi piano di spesa concordato dai leader Europei. La commissione agricoltura (COMAGRI) del parlamento Europeo (quella presieduta da De Castro per intenderci), intanto batte i pugni, e  chiede che il bilancio della PAC sia mantenuto inalterato, in termini reali.
D'altro canto l'esecutivo dell'Unione europea (Barroso e Ciolos) propone invece un congelamento del bilancio della PAC in termini nominali - cioé un taglio del 5,5% in termini reali. Mentre i membri COMAGRI, hanno ribadito le preoccupazioni che qualsiasi riduzione significativa renderebbe  il greening e altri elementi della PAC da loro approvata, impossibili da implementare.

Insomma la UE è la solita Babele di organismi decisionali, in un contesto sempre più evidente  di contrapposizione tra gli interessi nazionali e quelli Europei, dove ognuno sembra pensare ai propri interessi, più che a quelli generali.

Pensate anche ministro Catania fa la voce grossa:
Complessivamente – spiega il ministro dell’Agricoltura Mario Catania - non ci entusiasma l'idea di un bilancio che non raggiunga gli obiettivi che vogliamo che l'Ue raggiunga: tutte le ipotesi sono contemplate e non escludiamo neanche il veto da parte dell'Italia”
Boom...immagino che la Merkel non ci abbia dormito su stanotte...Catania, Catania...nel suo piccolo anche lui le spara grosse! In ogni caso questo sarà il definitivo banco di prova, per capire se Monti conta davvero qualcosa in Europa, ovvero se è in grado di difendere gli interessi italiani, oppure si è trattato dell'ennesimo governante da quattro soldi che ci sta scavando la fossa.
Credo che l'accordo sul budget UE potrà influire sulle nostre vite più di quanto possiamo oggi supporre. Non vi fate distogliere dalla propaganda elettorale...


P.S.: un pò di sano complottismo da quattro soldi: avete notato il simbolo vicino alla immagine di Van Rompuy? Strane coincidenze...

P.S.2: su segnalazione di Mimmo, della serie separati alla nascita



15 commenti:

  1. tutti i numeri attuali del'eu budget

    http://www.europarl.europa.eu/news/en/headlines/content/20111107MUN30717/html/EU-budget-at-glance

    se pigiate sulle spese italiane vedrete che ogni anno l'Italia paga 700 milioni di Euro di versamenti per la Gran Bretagna. Si chiama Uk rebate è uno sconto pagata in massima parte da Francia (960 milioni) ed Italia appunto. Per darvi una idea la Germania versa di Uk rebate 218 milioni !!!


    ed i twitter sul summit in varie lingue

    https://twitter.com/search?q=%23EUBudget&src=hash

    RispondiElimina
  2. e le l'unione europea, oltre che per gli altri noti altri motivi, implodesse di suo sul bilancio e sulla pac?
    dovremmo forse piangere o metterci un punto e praticare il vecchio adagio "ognuno si friissi cu lu so ogghiu"?

    RispondiElimina
  3. negli ultimi 5 anni questo club per miliardari chiamato Europa ci è costato 22 miliardi di Euro.

    http://www.corriere.it/economia/13_febbraio_06/italia-conto-amaro-europa-sarcina_b70946ea-7028-11e2-8bc7-4a766e29b99e.shtml

    Si, sono antieuropeista...

    RispondiElimina
  4. voglio andare a farmi assumere nell'ambasciata ue delle Fiji; c'è un solo italiano su 34 lavoranti là; una mole di lavoro pazzesca a fronte di stipendi da ........fame;
    pensate da novembre 12 a gennaio 13 hanno prodotto ben due comunicati;

    RispondiElimina
  5. Francamente a me pare assurdo che ogni sette anni si apra il mercato delle vacche per spartirsi la torta, sulla base di motivazioni contingenti, equilibri di potere, simpatie personali tra leader.

    Dovrebbero decidere equi criteri di ripartizione una volta per tutte, e quindi suddividere le risorse sulla base di questi.

    Così non è, anzi la UE peggiora sempre di più. Da quando è iniziata la crisi il bilancio dare-avere dell'Italia nei confronti dell'Europa è tragicamente negativo.
    In pratica da quando siamo in difficoltà invece di aiutarci ci hanno messo sul groppone maggiori spese.

    Janco a parte il babbio, hai attivato il servizio on line di Agea?
    vai al link
    http://www.agea.gov.it/portal/page/portal/AGEAPageGroup/HomeAGEA/Servizidiutilita/ServiziOnline

    io mi sono iscritto oggi, attendo il Pin per capire cosa devo fare, mi sono rotto le balle di essere preso per i fondelli dai sindacati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Granduro, mi sono iscritto anche io seguendo link di AGEA che hai postato, poche settimane fa ho fatto la domanda PAC e mi è costata 170 euro tra tessera annuale del sindacato e costo della pratica, quasi il 10% dei contributi che mi vengono dati ogni anno, decisamente troppo....... .

      Elimina
    2. ottimo...appena mi arriva il Pin e riesco ad accedere, ci faccio un post.

      Elimina
    3. Ragazzi, io ce l'ho da un pezzo (mi ero iscritto un paio di anni fa, quando non serviva nemmeno il PIN, bastava il solo codice fiscale; ma ad un certo punto mi hanno bloccato l'accesso e ho dovuto richiedere anche io il PIN per poter rientrare).
      Il PIN arriva per posta in 1 settimana circa.
      Non è male come servizio, anche se a volte non viene aggiornato (ho dei dati fermi al 2011, non ho mai capito il perché).
      Quello da è evitare assolutamente è il numero verde: se avete le idee poco chiare, allora gli operatori (peraltro abbastanza gentili e disponibili) ve le confonderanno del tutto....

      Elimina
    4. si confermo, al numero verde rispondono operatori tanto gentili, quanto con idee confuse...attendo il PIN e vi fo sapere le mie impressioni...

      Elimina
    5. qualche anno fa ho avuto il pin e ho provato a presentare direttamente la denuncia di raccolta uve e produzione vino ( in fatto di burocrazia non mi faccio mancare niente....)
      e dopo essere impazzito perchè non riuscivo a andare avanti, ho dovuto rinunziare in zona cesarini.
      se fossero cose semplici ed intuitive, per assurdo a livello di denunzia dei redditi è tutto molto più facile, ma sono complicate e fatte apposta complicate per lasciarle ad addetti ai lavori di cui siamo SUCCUBI!!!!


      Elimina
  6. Van Rompuy,mi pareva di averlo gia visto sto soggetto,infatti--
    http://www.youtube.com/watch?v=BrPemVWQQso-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimmo, complimenti davvero, è lui, uguale.

      Elimina
    2. ho messo la foto nel post.
      Tutto sommato trovo Gollum più rassicurante!

      Elimina
  7. caos sul budget europeo, ho letto di tutto sinora.

    Secondo i francesi, tra i pochi che difendono e seguono la PAC, l'ultima proposta di oggi delle 13:50, prevede a livello europeo -30 miliardi ai pagamenti diretti (circa -10%) e -10,5 miliardi allo sviluppo rurale circa (-11%).
    Urka che batosta...

    Nel link trovate lo specchietto:

    http://www.terre-net.fr/actualite-agricole/politique-syndicalisme/article/le-budget-de-l-ue-pour-2014-2020-quel-accord-a-vingt-sept-pour-quel-projet-205-86785.html

    RispondiElimina
  8. ok raggiunto l'accordo

    http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=174727

    Ma a quanto pare il Parlamento Ue si dichiara contrarissimo:

    L'accordo sul bilancio raggiunto dai leader Ue "è inaccettabile", perchè "non rafforza la competitività ma la indebolisce" e "crea deficit" in violazione dei Trattati. E' scritto nel comunicato dei leader del Parlamento firmato da Joseph Daul (Ppe), Hannes Swoboda (S&D), Guy Verhofstadt (Alde) e Daniel Cohn-Bendit (Verdi).

    La telenovela continua...intanto a sentire i leader europei sono tutti vincitori...Monti il primo ovviamente!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.