venerdì 30 gennaio 2015

Privilegi, sindacati e CAA

Vi segnalo una condivisibile iniziativa del profilo facebook "Rinascita Agricola" che riguarda sia la scandalosa vicenda dello stipendio milionario del Segretario Coldiretti Gesmundo che il molto discutibile modus operandi delle organizzazioni agricole e dei corrispettivi CAA.






Dal profilo facebook di Rinascita Agricola:

Vi invito a mandare una mail ai parlamentari delle vostre regioni per chiedere la trasparenza che il mondo agricolo si merita....ecco la lettera mi auguro il Parlamento Italiano venga informato al meglio.
Ecco la lettera copiate e incollate:
Caro OnorevoleE’ di qualche giorno fa la triste notizia per chi lavora nelle campagne, parliamo dello straordinario aumento di stipendio del Segretario Generale di Coldiretti Vincenzo Gesmundo, 600 mila euro in più negli ultimi nove mesi, facendo arrivare il suo stipendio ad oltre 1 milione 800 mila euro.Analizzando i dati del ministero dell’Agricoltura, Coldiretti ha girato al segretario quasi la metà dei circa 4,7 milioni di rimborsi pubblici spettanti sulla carta ai suoi Caa, i Centri di assistenza agricola. E’ senza dubbio ora che al mondo agricolo sia garantita la giusta trasparenza, le organizzazioni agricole drenano una grande quantità di denari pubblici e considerato il drammatico momento che vive il nostro Paese, riteniamo, per dovere civico, che le organizzazioni agricole rendano conto dell’utilizzo di tali fondi non solo ai propri associati, non solo al mondo agricolo ma soprattutto ai cittadini.Chiediamo
- Nuove forme di controllo sui bilanci e sui processi che regolano la democrazia interna alle organizzazioni agricole.
- Chiediamo una revisione alla riforma del 2008 sui Centri di Assistenza Agricola che di fatto ha creato un oligopolio nel mercato dei servizi alle aziende e ha solo trasferito dalla Pubblica Amministrazione alle organizzazioni agricole la burocrazia a carico delle aziende.
- Chiediamo chiarezza nel ruolo di rappresentanza e di servizio delle Organizzazioni agricole, appare quanto mai singolare che società controllate da chi dovrebbe rappresentare gli interessi del settore, giovino economicamente dell’aumento dei processi burocratici a carico delle aziende agricole.
Certo che porterà all’attenzione del Parlamento Italiano tali richieste,
La saluto


16 commenti:

  1. Bravi. Più burocrazia più soldi....questo il motivo per il quale, di fatto, viene reso quasi impossibile presentare la domanda unica direttamente dai titolari delle aziende agricole che hanno dimestichezza con i mezzi informatici.
    Skandiski

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la coldiretti ha veramente snaturato la missione e gli ideali che avevano ispirato i suoi fondatori. Se ci fossero un presidente e un gruppo dirigente (giunta esecutiva e consiglio nazionale) degni di tale nome, queste cose non succederebbero. Sorge il sospetto che tutti i responsabili dell'organizzazione siano collusi con i massimi funzionari (direttori).

      Elimina
  2. Per la maggior parte sono una cerchia di Massoni che pensano solo ai cavoli loro , alle spalle di noi onesti produttori, si sentono chissà chi , si favoriscono tra di loro e vi assicuro che hanno caratteri di merda in quanto calpestano le persone oneste e perbene, pur di mettere le mani in questi posti di potere e di magna magna..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sindacalisti più dei politicanti, almeno la maggioranza, pensano solo come sistemari i propri parenti....vergona! Magnano il sangue dei lavoratori. Andrebbero riformati o aboliti. Se la pubblica amministrazione fosse efficiente questi sindacati non servirebbero a nulla e non danneggerebero i lavoratori.

      Elimina
  3. Quando vengono fuori queste cose noi agricoltori aderenti a queste associazioni dovremmo immediatamente cambiare sindacato in questo modo gli stipendi se li pagherebbero da soli.

    RispondiElimina
  4. Chi ha potere all'interno dell'organizzazione DEVE chiederne le dimissioni!
    Prima pero' deve restituire il malloppo!
    Poi bisogna bruciare tutte le tessere sindacali e di partito qualunque esso sia!

    RispondiElimina
  5. No comment. Per me bandiera gialla è una ferita sempre aperta.
    Il Krukko

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.youtube.com/watch?v=0GIO8R_qENU

      Elimina
  6. Rinascita Agricola, diffonde anche la convenzione tra Agea e Caa, su nel post l'immagine.

    RispondiElimina
  7. e tutto un magna magna , a pensare che il direttore regionale tra bonus gettoni e stipendio poveraccio prende solo 100.000,00 e a me fanno pagare 70,00 di tessera siamo stanchi tutti a casa

    RispondiElimina
  8. Allora diffondiamo l'iniziativa e mandiamo tante mail ai nostri parlamentari che DEVONO darci una risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devono?sicuro? mi pare che nutri eccessiva fiducia nella democrazia parlamentare.

      Elimina
  9. fino a quando non riusciremo ad essere uniti e a ribellarci a questi parassiti resteremo sempre dei rubinetti aperti per le gole senza fondo dei nostri amministratori e rappresentanti di categoria

    RispondiElimina
  10. Tutta la vicenda su:
    http://www.agricolae.eu/ret/

    RispondiElimina
  11. quanti di noi conoscono la favola di george orwel:la fattoria degli animali?,i maiali, una volta cacciato il padrone e preso potere,continuano a sfruttare gli altri animali.a me sembra che qui sia successa la stessa cosa e i maiali non ce li leviamo piu' di torno

    RispondiElimina
  12. Fabiano Mazzotti16 febbraio 2015 22:27

    ...riusciremo ad essere uniti ed a ribellarci con tutti questi "anonimi" ??

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.