giovedì 18 dicembre 2014

Il mercato dei cereali secondo il Krukko

Dal sito Obiettivo Cereali, un articolo del Krukko pubblicato sull'Informatore Agrario che fa il punto della situazione di mercato al periodo pre-natalizio.







Fonte 






114 commenti:

  1. Quante navi sono in partenza dal Canada?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gino agricoltore pugliese18 dicembre 2014 12:16

      penso che nessuno ti dirà quante navi piene di grano sono in partenza dal canada !!!!!

      Elimina
  2. Il Krukko magari ha dati più precisi.
    A me risultano 70.000 t di duro in partenza per l'Italia dagli USA la prossima settimana.
    Mentre in Canada risultano stoccati ai terminali del porti (prevalentemente Thunder Bay e San Lorenzo) 467.300 t di Duro questa settimana. Non si conosce la destinazione, ne la quantità realmente in partenza.
    Sull'Italia l'ultimo dato di esportazione disponibile riporta 265.000 t circa nel mese di Ottobre 2014 di CWAD n.3.

    Magari prossimamente pubblicò un post con tutti i dati aggiornati e le tabelle originali.

    RispondiElimina
  3. Buonasera, grazie Granduro per la pubblicazione. Non vorrei fare il prepotente, ma mi sembra che con l'ultimo mercato dell'anno di Bologna escano confermate le mie ipotesi. Attenzione, hanno lasciato invariato il duro, ma con il primo mercato del 2015 lo fanno calare di qualche euro/ton.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le puoi riformulare per favore? Me le sono perse. Non capisco l'invariato di Bologna come può determinare un calo nel 2015?
      Grazie

      Elimina
    2. troppe incognite nel 2015 dalla russia alle semine del 2015,credo che contrastino fortemente il tuo punto di vista, io credo che nel 2015 il grano duro è l'orzo aumenteranno di un bel pò forse per la prima volta manca materia prima sopratutto di grano duro.ORAZIO

      Elimina
  4. caro krukko non ho ancora ben capito i motivi secondo i quali il grano duro dovrebbe ribassare nei prossimi mesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho scritto da nessuna da parte che il prezzo debba ribassare. Ho fatto solo alcune considerazioni di natura contingente:
      - il listino di Bologna è leggermente sopravvalutato rispetto alle quotazioni reali (parlo del Centro-Nord);
      - il comitato prezzi ha lasciato invariate le quotazioni a fine 2014, perché alcuni suoi componenti (di parte agricola) vogliono evitare una corsa alle vendite entro il 31.12, che li metterebbe in forti difficoltà finanziarie;
      - i canadesi vogliono cavalcare l'onda della carenza di prodotto, ma allo stesso tempo hanno bisogno di realizzare degli introiti importanti prima del prossimo raccolto.
      Se mettete insieme questi elementi, qualche piccolo ribasso nel brevissimo periodo ci sta. Comunque sto maturando l'idea che il mercato resterà sostenuto per tutto il 2015 (ossia sicuramente oltre i 300 euro/ton, anche dopo il nuovo raccolto).

      Elimina
    2. oggi ho dato il concime ai primi cmpi di orzo seminati a novembre,premesso che ieri nel chiedere al commerciante quali concimi avesse già ritirato,mi ha detto che il mercato del duro anche qua zona nord basilicata è più basso delle quotazioni ufficiali:38 euro pre pioggia e 37 euro post pioggia sono prezzi già difficili da realizzare x gli agricoltori ad oggi,ma il mio attuaale commento vuol focalizzare un altro aspetto della questione:fino a poco piu di un mese fa i capannoni dove immagazzina il grano erano ancora pieni di grano,ora sono completamente vuoti....la mia domanda è:dove è andato a finire il mio grano che non ho ancora venduto?la risposta è molto semplice:se lo è venduto a novembre come ha fatto già molte volte in passato,oltretutto a novembre scorso mi disse che molti trader avevano acquistato estero x consegna fine marzo a 34 euro arrivo italia,il suo ragionamento era semplice:se a marzo il prezzo sale ancora anche se il mio grano lo ha già venduto,avrebbe consegnato quello estero ai mulini al prezzo pur aumentato e non avrei avuto problemi io,se il mercato diminuisce di qualche euro mi avrebbe pagato il prezzo diminuito e lui ci avrebbe fatto un guadagno doppio.....

      Elimina
    3. dal suo punto di vista il ragionamento non fa una piega,io gli risposi con una domanda:ma se a marzo x un motivo qualsiasi questo grano estero non arriva,il preezzo in italia sale alle stelle,tu hai l'obbligo di consegnare ai mulini merce che non hai e io ti chiedo di pagarmi al prezzo di marzo il grano che nel frattempo tu ti sei venduto a novembre,cosa succede????nessuna risposta.......

      Elimina
    4. Giovanni?ti quoto in pieno,stessa domanda fatta al mio commerciante;nel magazzino dove stocca il grano ne e' rimasto un angolo e credo che il mio grano quasi tutto pre-pioggia si sia gia' volato via da un bel po'!Domanda per tutti voi,ma come si arriva a giugno.....importiamo tutta la schifezza possibile dal canada, facciamo un po' di miscele con il tenero(tesi sostenuta da timoty e mi trova d'accordo) o cosa..... a voi le conclusioni

      giuseppe agricoltore foggiano

      Elimina
  5. Dati di importazione di grano duro. Il 2014 deve essere ricordato come anno record per importazioni di grano duro dal Canada (con riferimento al periodo 2007-2014). Nei primi 10 mesi del 2014 (Gen-Ott 2014) le importazioni di grano duro dal Canada sono state pari a 1.052.400 tonnellate, la più grande quantità nel periodo citato. Il dato sui 10 mesi è superiore alle importazioni di grano duro canadese nei 12 mesi del 2010 quando l'Italia importò 801.000 tonnellate. Segue il 2011 con 671.201 tonnellate. Un altro record nel periodo considerato è la quantità importata nel mese di Ottobre 2014 pari a 264.700 tonnellate, la più grande quantità mensile mai importata fin dall'inizio de 2007.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse gli utilizzatori finali di grano duro si sono ben coperti. Speriamo bene.

      Elimina
    2. Eccellenti informazioni, Troiano, sono pubbliche o hai qualche fonte "riservata"?

      In ogni caso, dimostrano che l'esperienza del 2008 ha insegnato qualcosa agli acquirenti italiani: hanno comprato tutto quello che potevano... canada... messico... francia... hanno rastrellato tutto.

      Poi c'è la storia del grano lasciato "in conto deposito" che si è misteriosamente volatilizzato... non credo che tutti i commercianti operino in questo modo scandaloso, ma secondo me me ce n'è una buona parte... anche a me è successa lo stessa cosa in passato.

      Tutto questo limita molto il potenziale aumento del prezzo nei prossimi mesi... se non addirittura lascia prevedere un qualche ridimensionamento (difficile dire oggi).

      Attenzione però (mi sembra che anche il buon Krukko che se ne sia accorto, per cui ha corretto il tiro!), le prime stime delle superfici investite a grano duro in Europa mostrano non non c'è stato affatto un aumento (come il prezzo elevato avrebbe lasciato prevedere) anzi sono piuttosto stabili.
      Colpa del greening?
      Meglio così comunque...

      Elimina
    3. sicuramente!!,con l'obbligo delle due, tre colture e la possibilita' di sostituire il 5%di maggese nuda con il 7% di colture azotofissatrici abbiamo ridotto considerevolmente le superfici a grano duro e ingolfato il mercato dei sottoprodotti (orzo avena)senza contare che ci sono in provincia di fg ettari ed ettari di campi di favino(il cui mercato crollera'),e lo stesso vale per ceci e piselli...come era imaginabile il greening prima di partire ha gia fallito e vedrete che il prox lo eliminano o perlomeno lo revisionano.

      giuseppe agricoltore foggiano

      Elimina
    4. Sto iniziando a raccogliere qualche dato sulle semine italiane di grano duro, ma non sono sufficienti per una stima affidabile. Qualche considerazione:
      - Al Nord siamo in presenza di un boom che riporta le superfici ai livelli del 2009 e 2010. Diciamo +40% (o meglio +15-20% in Emilia Romagna, nelle altre regioni era facile triplicare le superfici, come in Veneto, Lombardia e Piemonte).
      - Al centro: stabilità nelle Marche, aumenti importanti in Toscana Umbria e Lazio;
      - Al Sud: non si capisce, anche perché è presto. Io credo che tra Sicilia, Basilicata e Puglia un calo complessivo di 50.000 ettari ci sta. Soprattutto le grandi aziende ridurranno la monocoltura per via della nuova PAC. Mi dicono i sementieri che gli ordini (ipotetici) di proteiche oltrepassano l'offerta. Anche al Nord c'è un interesse grande per la soia, nonostante che i prezzi non promettano nulla di buono.

      Elimina
    5. Caro Krukko,tutte queste aspettative sulle semine 2014,sono fuori luogo-
      Negli ultimi 3 anni,il prezzo del duro non è stato malvagio,e l'ha dove si era vocati si è sfruttato al massimo le superfici a disposizione-
      Il grening,non inciderà minimamente per quelli che sono costretti a rispettare l'avvicendamento biennale, mentre per coloro che non sono vincolati all'avvicendamento,anche se scatta l'obbligo della terza coltura,comunque il 75% della superficie disponibile può essere seminata a duro-
      Mentre,c'è un particolare di cui nessuno parla,in italia,"CEREALICOLO",durante una esternazione (che io ripresi) ha scoperchiato una pentola,dove sono occultati almeno 150/200.000 ettari di semine a duro-una parte di questi ettari sono gli escamotage degli agricoltori che con la reintroduzione dell'obbligo del cartellinato hanno risposto ad una truffa con un contropaccotto, -a parte l'aumento nel nord,se dovesse esserci un aumento nelle regioni vocate e solo perchè non si ha più il bisogno di occultarne la semina,anzi io prevedo un aumento delle semine,ma solo perchè si è tornato ad un premio accoppiato senza l'obbligo del cartellinato,quindi una regolarizzazione di quelle superficie già in precedenza destinate a duro,ma dichiarate diversamente per non perdere l'art 68-quindi ti invito anche a rivedere le stime della produzione italiana 2014(ma anche per gli anni addietro durante l'avvicendamento art.68) di almeno 0.5MLN di tonnellate in più-stima effettuata per difetto-
      Non veniamo da anni di magra per il duro,quindi l'ha dove si poteva spingere si è spinto,e dai dati di ORZO,sulle semine francesi (nessun boom),nessun entusiasmo per questo comparto solo un ottimo affare per questa annata e con molte probabilità anche per l'anno prossimo-

      Elimina
    6. Caro MIMMO 70, nel leggere le tue recensioni spesso sono sorpreso degli espedienti e delle furbizie poste in essere da agricoltori per accedere ai benefici della comunità europea.
      Infatti, da quanto ai scritto, mi sembra di capire che sei a conoscenza di agricoltori che hanno seminato grano duro mentre hanno dichiarato all'AGEA altre colture così da accedere ai benefici dell'art. 68.
      Mimmo e tale Cerealicolo, non credete che sarebbe il caso di formalizzare quanto di tua conoscenza presso le autorità competenti?
      Buon Natale a tutti.

      Elimina
    7. Mi fai ridere,dovrei denunciare alle autorità competenti,uno che ha riseminato seme aziendale e lo ha dichiarato come ,orzo o tenero,per ottenere l'art.68,casomai lo dovrei denunciare per truffa?evidentemente lei non conosce la truffa architettata ai danni degli agricoltori con la reintroduzione dell'obbligo del seme cartellianto per accedere all'art.68-denunciare per fare un favore a chi? a coloro che da una vita vivono a scrocco sulle spalle di chi sgobba dalla mattina alla sera per un tozzo di pane?non lo farei mai,neanche sotto tortura,neanche se mi trucidate la famiglia,mai mai e poi mai-i ladri si denunciano,no coloro che proteggono il proprio lavoro-

      Elimina
    8. Il solito furbetto.
      Leggo da tempo questo blog e molte volte i partecipanti hanno, giustamente,criticato i politici che hanno affossato il nostro paese. Ho rispettato e condiviso le iniziative del movimento dei forconi. Siamo tutti uniti a chiedere il rispetto delle regole.... e poi scopriamo chi sono i soliti furbetti, quelli che mancando di rispetto ai colleghi agricoltori, quelli che fanno anche i moralisti scrivendo su questo blog. Come pretendiamo di cambiare il nostro paese se siamo i primi a non rispettare le regole?
      Auguri di buon Natale

      Elimina
  6. I mulini italiani quanto lo pagano il duro canadese? E' migliore del nostro? (non credo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo inseriti in un mercato globale. Siamo capaci di produrre anche prodotto più salubre ma poi dobbiamo confrontarci con gli altri produttori mondiali e sono i mulini che decidono con quale qualità dimateria prima produrre. Tanto per essere completi Casillo si é coperto con grano messicano fino a febbraio pagato cif Bari a 35 €.

      Elimina
    2. Caro amico cosa e' allora il made in italy ?perfetto ci confrontiamo con un mercato globale ma allora basta scrivere sulle confezioni ,pasta confezionata in italia ma fatta con grano duro canadese(la formula esatta trovatela voi).sono anni che si parla di tracciabilita' ma tutto sembra una chimera perche',semmai ce e fosse bisogno,in italia siamo ridicoli.....
      e tutte quelle chiacchere sulla qualita' sulle buone pratiche agricole etc etc,quante fesserie

      Elimina
    3. Caro anonimo delle 9.06, la pasta in Italia si fa per il 60-75% (dipende dalle annate) con il grano nazionale e la restante quota di materia prima viene dall'estero. E' oggettivamente difficile scrivere sulle etichette (e io sono a favore) la provenienza delle materie prime impiegate. Che fai ristampi le diciture ogni due settimane?
      Una possibile "formula" potrebbe essere:
      "Prodotto da grano duro sano, leale e mercantile proveniente da diversi paesi comunitari e non. E' garantito il contenuto di materia prima di origine nazionale per almeno il ***/%"
      E qui il semolificio/pastaio scrive quello che vuole. Almeno i fan del made in Italy potranno scegliere il prodotto più nazionale possibile.

      Elimina
    4. Mi chiedo che senso ha,parlare di made in italy,quando l'imperativo è :internazionalizzazione ,globalizzazione e mondializzazione-
      Fino a quando si ragiona da questo verso parlare di made in italy non ha senso-
      Certo,parlarne fà comodo a coloro che vogliono nascondersi dietro un dito perchè non sono in grado di levare gli scudi contro la globalizzazione(politici e sindacati) e poi fà comodo a coloro che hanno fiutato l'impiegatizio burocratico tra comitati ed enti certificatori-
      Nessuna barriera protettiva?nessun made in italy-possibile che non vi entri in testa questo concetto?

      Elimina
  7. "Mala tempora currunt" per molti seminativi del Foggiano. Infatti la citazione Latina di Cicerone (Si avvicinano tempi bui) ben si adatta allo stato di molti campi la cui emergenza sta avvenendo a macchia di leopardo a causa della scarsità di piogge.
    In effetti le semine fatte in novembre specie su terreni in precedenza arati tardi, sono quelle che presentano maggiormente il problema. Se il problema della scarsità di piogge persisterà, unito al fatto che con il greening molte superfici, almeno qui da noi, sono state utilizzate per altre colture il prossimo raccolto di grano duro sara molto basso, in termini assoluti.

    RispondiElimina
  8. Confemo, qui siamo in piena primavera, dicembre =marzo...qualcuno ha proceduto alla risemina.MALA TEMPORA CURRUNT

    giuseppe agricoltore foggiano

    RispondiElimina
  9. Dobbiamo panzietare qualche settimana, ve lo dice uno che nei propri Silos ha incamerato l'intera produzione 2014, circa 3200 Q.li, qualcuno dirà pochini per condizionare il mercato locale, ma io, la produzione la terrò sino a quando il mercato non mi consentirà di venderla ad un prezzo congruo!!!!!!!!!!! Sereno Natale e Buon anno a tutti coloro che come mè ancora non hanno venduto neanche un chicco di grano.

    RispondiElimina
  10. Mala tempora currunt anche agrigentino non so se devo riseminare che dio ci aiuti

    RispondiElimina
  11. Questa mattina, verso le sette, sulla superstrada Manfredonia Foggia ho visto diversi camion, penso carichi di grano. Qualcuno ne sa qualcosa?

    RispondiElimina
  12. Nuove notizie pubblicate da "Farm&Ranchguide" il 24 dicembre scorso; il titolo dell' articolo è molto chiaro e dice che il duro continua a correre, e se poi ho ben capito scorrendo l'articolo pare che le esportazioni degli Stati Uniti sono aumentati del 50% rispetto allo scorso anno con Italia al primo posto con 9 milioni di bushel subito seguita dall'Algeria. Si parla anche del leggero calo del prezzo del duro di fine novembre dovuto alla fluidità dei trasporti ferroviari unita Vendite dei produttori e ad una minor aggressività da parte dei molini per approvvigionarsi. Ma leggevo anche che gli Stati Uniti stanno importando molto grano duro dal Canada e che i volumi mensili previsti in futuro pari a 4 mb difficilmente potranno essere coperti. Sarebbe interessante sapere il parere di GranoDuro e di Krukko.
    Fonte : http://www.farmandranchguide.com/news/markets/durum-continues-to-run-in-contrast-to-other-classes/article_9f5e6446-8a00-11e4-9b6e-ff54f3479477.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finito di seminare giusto poche ore fa...al momento potrei discettare del punto della seminatrice al massimo...nei prossimi giorni con calma vedrò di pubblicare un post sulla situazione di mercato in modo da stimolare il dibattito...Ciao ed Auguri

      Elimina
  13. I commercianti alla canna del gas per vendite dissennate è in combutta con l'inaffidabile Camera di Commercio di Catania stimolerebbe il piccolo-medio produttore a vendere l'invenduto ad un prezzo dissennatamente vantaggioso per gli stessi ovvero sotto la quotazione reale del prodotto.

    Questi maestri illusionisti tra qualche settimana dovranno inevitabilmente ricredersi perchè, nessun produttore consapevole come colui che vi stà parlando correrà impaurito da loro a quietanzarsi il credito dovuto. ... Facciamo passare natale e poi ne riparliamo.

    RispondiElimina
  14. Analyse hebdomadaire du 29/12/2014



    Le temps de la trêve des confiseurs est bien là sur le marché du blé dur. Les transactions sont au point mort avec la fermeture annuelle de très nombreux opérateurs en Europe. Dans ce contexte, les cours évoluent peu sur un niveau nominal de 420/430 €/t base juillet rendu Port La Nouvelle pour de la qualité supérieure. Il faudra sans doute attendre d'avancer dans le mois de janvier pour voir ce marché s'éveiller de nouveau. L'animation pourra venir de la scène internationale où de nombreux besoins restent à couvrir d'ici à la fin de campagne notamment de la part de l'Algérie. Les hausses d'emblavements affichées en France comme en Europe rassurent quelque peu les industriels pour la nouvelle campagne. Malgré tout l'hiver reste à passer et il faudra attendre encore plusieurs mois avant la réelle connaissance du potentiel de la récolte 2015 avec d'ici là toujours une importante volatilité des cours à la clef.
    http://www.terre-net.fr/marche-agricole/culture/marche-physique-ble-dur/a2b1531
    Skandiski

    RispondiElimina
  15. Notizie di acquisto di duro da parte dell'Iraq : pare che abbiano appena concluso una fornitura di 200.000 tonnellate in prevalenza dal Canada (100.000 T) Il resto di origine USA e Austaliana.
    La notizia è di ieri
    Fonte: https://www.zawya.com/story/Iraq_buys_200_tons_of_durum_wheat-ZAWYA20141230044232/

    RispondiElimina
  16. Non ci sono più notizie di mercato, tutto tace!!!!!

    RispondiElimina
  17. Anticipazione, L'otto gennaio avvio con il botto!!!!!!!!!!!!!! Da indiscrezioni più che veritiere si prospetta un nuovo decollo del prezzo, verosimilmente intorno i 30, 40 Euro Tonnellata in, un colpo solo. ... Dovrebbe essere quel decollo agognato da quei pochi fondamentalisti che non hanno venduto ancora un chicco di grano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le feste stanno finendo, consiglio di andarci piano con l'alcool
      Alfetta

      Elimina
    2. Se fosse solo colpa dell'alcool sarebbe nulla...
      buon anno a tutti (compresi alcolizzati e narcotizzati)
      Skandiski

      Elimina
    3. Secondo me si tratta di un commerciante in vena di scherzi... qualcuno che ha fatto confusione tra le feste di capodanno e quelle di carnevale!!!

      Comunque, buon anno anche a voi...

      Elimina
  18. Su Western Producer ho letto una notizia che a mio parere merita una certa attenzione; il titolo dell'articolo pubblicato ad inizio gennaio 2015 è: "Durum Shakes market volatily" Il Grano duro scuote la volatilità dei mercati;
    La notizia è:
    The broker said elevators were doing a lot of blending but could only do so much given the lack of higher quality supplies.
    e cioè se ho ben capito che i cosiddetti grandi commercianti (elevators) hanno miscelato ormai tutto il miscelabile è che ormai non hanno più merce di qualità per continuare a farlo e che soco coperti solo sul breve.
    Fonte: http://www.producer.com/2015/01/durum-shakes-market-volatility/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima notizia GV, certo che merita attenzione... meno male che ci sono i tuoi aggiornamenti!

      Consiglierei anche di leggere quest'altro articolo:
      http://www.producer.com/2015/01/seeding-decisions-still-in-flux-for-new-year/

      dove spiega come non è affatto scontato (come a prima vista potrebbe sembrare) che ci sarà davvero un forte incremento delle superfici seminate a durum in Canada, nonostante i prezzi molto vantaggiosi.

      Motivi: i produttori sono preoccupati che si possano ripresentare i forti attacchi di fusarium del 2014.... quantità di semenza limitata... e prezzo elevato della stessa semenza (costa circa il doppio del prezzo della granella delle classi migliori).

      Elimina
  19. I commercianti alla canna del gas che a quanto pare sguazzano impertubabili con cinismo e modi poco aggraziati nel Web le vendite dissennate operate nei mesi scorsi con la complicità di qualche Camera di Commercio a cominciare da Catania non sono riusciti malgrado le loro bieche e velate intimidazioni ad impaurire il medio produttore a vendere a prezzo di saldo. ... Invito questi pseudo-commercianti a cambiare mestiere perchè non si gioca cinicamente a ribasso con il posteriore dei produttori. Buon anno a tutti eccetto i pseudo-commercianti.

    Questi maestri illusionisti tra qualche settimana dovranno inevitabilmente ricredersi perchè, nessun produttore consapevole come colui che vi stà parlando correrà impaurito da loro a quietanzarsi il credito dovuto. ... Facciamo passare natale e poi ne riparliamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in Sicilia celebrate il Natale ortodosso come in Russia? il 7 gennaio?
      ;-)
      Buon anno anche a te comunque...

      Elimina
  20. Gli special broker dicono che i clienti mondiali sono molto interessati ad acquistare duro, anche se gli scambi domestici sono in gran parte coperti per il breve termine.
    I molini avveduti dalla prossima settimana muoveranno all'unisono acquistando duro a prezzi congrui onde evitare il rischio tra poco più di un mese di acquistare la stessa merce a prezzi iperbolici!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  21. Scusate ma io lancio una petizione: basta con i post anonimi! Nessuno pretende di voler (ri-)conoscere tutti, ma il fatto di non firmarsi mi sembra un atto di maleducazione, senza dire che così proliferano maghi fattucchiere e maldicenti. Granduro, io proporrei l'obbligo di firma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo con te sulla insensibilità di chi non si firma, perché non consente di apprezzare la consequenzialità dei commenti dello stesso autore come la serietà e la coerenza del commentatore nello sviluppare una tesi, un discorso, un pensiero...evito tuttavia di imporre divieti che implicherebbero un eccessivo impegno di gestione da parte mia, oltre che sarebbero facilmente aggirabili da nick posticci e non certificati.

      D'altro canto credo che, chi non si firma o commenta una tantum, riceva un credito ridotto da parte dei lettori...al contempo credo che i commenti anonimi facciano parte dello spirito anarchico ed informale del blog, dunque realisticamente continuiamo così, con tutti i limiti dello strumento blog, confidando esclusivamente sulla sensibilità e responsabilità di ciascun commentatore e sulla capacità di giudizio di ciascun lettore.

      Ancora non riesco a concentrarmi sul blog...ma tornerò a pubblicare qualcosa appena mi arrisetto....nel frattempo dovremmo pubblicare un post di Granturco sulla vicenda glifosate a breve. Colpa mia se ancora non è stato proposto.

      Elimina
    2. Finalmente si rivedono i post di Krukko e GranoDuro;
      A loro e a tutti i frequentatori del Blog auguro un buon 2015.
      Per quanto riguarda il post in oggetto notavo che il dollaro continua la sua ascesa ed il cambio attualmente di 1€ =1,19$ quantomeno fa sperare in una tenuta dei listini, nonostante le buone coperture dei Molini sul pronto.
      Piccola considerazione......... per molti non aver venduto non è stata ingordigia, ma piuttosto speranza, forse vana, ma auspicabile di risollevarsi.

      Elimina
    3. Mi..n...ia, comu t'abbruscia!!!!!! Credo che l'abbiano capito tutti il lavoro che fai. ... Buona befana a tutti, le parole sono parole i fatti quello che contano. Arrisentirci la prossima settimana.

      Elimina
    4. anonimo delle 11:56
      io dico che la prossima settimana staremo a leccarci le ferite, altro che decollo, tutto sembra preannunciare abbastanza chiaramente un modesto calo o se va bene invariato.
      Non è raro che i commercianti invitano i clienti a tenere per poi stangarli dopo qualche settimana, dunque i tuoi commenti potrebbero fare il gioco del commerciante se non te ne sei accorto.
      Il krukko sappiamo tutti chi è, ma almeno non si nasconde dietro un dito, ed è abbastanza schietto, per quanto a volte spara mi..n..ate.
      Io comunque sono interessato al suo punto di vista.
      Alfetta

      Elimina
    5. Ciao Alfetta, grazie per il riconoscimento ... io penso che nel brevissimo periodo un modesto calo ci sta. Poi staremo a vedere.

      Elimina
  22. Ma domani foggia quotera'

    RispondiElimina
  23. gino agrocoltore pugliese6 gennaio 2015 23:54

    Per fortuna sono in pochi a non aver ancora venduto se il prezzo crolla nessuno si fa male se aumenta godranno pochi agricoltori e molti ercianti!!!!!!

    RispondiElimina
  24. Buon ritorno a tutti.

    RispondiElimina
  25. Agricoltore Tarantino7 gennaio 2015 19:12

    Foggia invariato.
    In Francia invece battuta d`arresto odierna per il ble` dur nei mercati fisici.. da 420 a 400 euro/t in tutte le piazze, forse per far ripartire le esportazioni piuttosto stagnanti.
    Durum Wheat USA risale nei future a 1025 dopo aver toccato i 950 nei giorni scorsi...anche se nei listini dei mercati fisici sembra stabile intorno agli 11/12 dollari/bushel.
    Future Canadesi a 365 dollars/t in ribasso rispetto al picco dei 380 di fine dicembre...ma cmq superiore ai 357,50 di inizio novembre.
    Nel frattempo il dollaro vola rendendo piu` onerose le importazioni o cmq le transazioni in dollari, il che potrebbe avere il suo peso. Situazione confusa dunque...questa la sintesi delle notizie di mercato riscontrabili nei link presenti sul sito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima sintesi della situazione ad oggi, Tarantino.

      Aggiungerei solo che è prevista un'ondata di freddo su USA e Canada che potrebbe (molto al condizionale...) mettere in qualche difficoltà la loro logistica e i flussi di materie prime verso i porti:
      http://www.weather.com/forecast/national/news/coldest-temperatures-of-season-midwest-northeast-southeast

      Gino, forza, mettiti d'impegno anche stavolta!!!!

      Elimina
  26. Bologna invariato. Krukko ha toppato.

    RispondiElimina
  27. Allora sei fatto di carne e ossa..... Per un attimino mi ero illuso che fossi un profeta, comunque bando alle ciance e come dice qualche anonimo sconosciuto, aspettiamo la prossima settimana. Consiglio a qualcuno come il krucco di acquistare un flacone di coromina, non per male ma, può in certi momenti essere molto utile. Cordiali saluti a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che personalmente io sono contento se il prezzo tiene o aumenta. Mi fanno paura gli scivoloni perché fanno prendere decisioni sbagliate.

      Elimina
  28. Il costo del pane " di grano duro " in alcuni centri della Sicilia con il nuovo anno quota + 15% / 20%. Questo dato vi risulta veritiero o falso. ...

    RispondiElimina
  29. adesso non si capisce perchè altamura scende... ammesso e concesso che ci sia grano arrivato a Bari da chissa dove, però comunque le risorse sono scarse. I commercianti si tirano la corda ora per poi pagare più alto tra qualche settimana sta diventando poco credibile come cosa.

    RispondiElimina
  30. Altamura - 0,5 €/q su tutte le categorie. Scende anche di 0,5 €/q il canadese n. 3. A questo punto scenderà anche Foggia la prox settimana. Penso che già da oggi i commercianti offriranno almeno un euro meno rispetto alle quotazioni di dicembre prima delle feste.

    RispondiElimina
  31. l'anonimo che prevedeva un rialzo di 3, 4 €/q la prossima settimana, che dice?
    Non ha forse fatto il gioco del commerciante, alimentando false speranze?
    Speranze prive di fondamento, visto che da un pò su tutti i mercati internazionali il Duro cede lentamente.
    Alfetta

    RispondiElimina
  32. sarebbe interessante capire perchè ad altamura il grano comune diminuisce mentre il biologico aumente,di solito i mercati sono correlati...comunque calma amici,i giochi non sono ancora chiusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta è semplice, il bio è stato quotato, senza motivo,1,5 €/t in meno la volta precedente (il normale invece invariato) e ora aggiustano il tiro.
      Da premettere che comunque altamura non è ul listino ufficiale...
      Skandiski

      Elimina
  33. se poi c'è qualcuno che ha venduto durante le feste o in questi giorni e ci ragguaglia su quanto realmente viene pagato,farebbe cosa buona e giusta.......

    RispondiElimina
  34. Alfetta, aspettiamo la prossima settimana e poi la commentiamo la previsione dell'anonimo ottimista!!!!!!!! La legge di mercato non la fanno gli anonimi o, chi si sottoscrive a caratteri cubitali ma inesorabilmente la fà la domanda e l'offerta nel dato periodo, pertanto, se i fondamentali sono quelli che conosciamo tutti, inevitabilmente a prescindere da quello che succederà la settimana prossima il grano duro nei prossimi mesi si dovrà apprezzare in modo significativo, concludo dicendo ai posteri l'ardua sentenza. ... Mariò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo, i fondamentali hanno determinato questo prezzo attuale, eventuali apprezzamenti dipendono da nuovi eventi.
      Alfetta

      Elimina
  35. Mariò, ti comunico che in provincia di Caltanissetta oggi 10 gennaio 2015 un commerciante che ha capito l'andazzo che si profila nelle prossime settimane mi ha offerto 33 cent./Ql. + IVA per una partita di 500 Qli. Alla luce di questo dato, tu e i tuoi amici che consiglio vi sentite di darmi, vendo o resisto ancora qualche settimana.

    RispondiElimina
  36. 33 euro+iva non mi sembra malaccio come prezzo in sicilia,o mi sbaglio?...

    RispondiElimina
  37. Anonimo di Caltanissetta, per capire "l'andazzo che si profila nelle prossime settimane" bisognerebbe sapere lo stesso commerciante quanto pagava prima di Natale...

    Comunque sono d'accordo con Giovanni, il prezzo non è malaccio... e vede un po' ridimensionato questo assurdo spread che c'è tra il prezzo in sicilia e quello nel resto d'Italia.

    E' uscita intanto l'analisi dei francesi:

    Analyse hebdomadaire du 12/01/2015
    Après une période de faible activité à l'export durant le mois de décembre notamment due à la période de trêve des confiseurs, la demande semble repartir avec un appel d'offre de la Turquie pour 60 000 t de blé dur chargé en février 2015. Face aux problèmes de qualité chez l'ensemble des exportateurs, les importateurs se voient dans l'obligation d'être moins exigeants sur la qualité demandée dans leurs appels d'offre. En France, 700 000 t de blé dur ont déjà été exportées contre 600 000 t l'an dernier. Le rythme d'export est donc plus rapide. Pourtant, la production de blé dur était bien supérieure l'an dernier. Nous estimons qu'environ 75% de ce volume est à destination de pays de l'Union Européenne tels que les Pays-Bas et l'Italie. Néanmoins, environ 100 000t ont été exportées vers l'Algérie contre 45 000 t l'an dernier.

    Si cita anche l'Italia... come importatore di grano francese (nonostante la qualità di quest'anno fosse davvero scarsa...).

    Attenzione: gli stessi francesi sul magazine Terre-net pubblicano un articolo dal titolo:
    ruggine gialla, tenetevi pronti!

    RispondiElimina
  38. Ruggine!!!con questa carenza idrica ? Sono in provincia di Agrigento e qua ci vuole immediatamente solo acqua altro che ruggine

    RispondiElimina
  39. oggi ho fatto un giro x i campi miei e di altri,in generale tutti quelli seminati dopo il 15 novembre fanno abbastanza schifo,pieni di zolle ed è nato si e no il 50% del seme se non piove a breve la perdita sarà definitiva,non so se è un problema presente solo dalle mie parti o è cosi anche in altri posti,tenete conto che da me in pratica non piove da novembre a parte qualche acquazzone a dicembre e la nevicata di fine anno che a quanto pare non ha risolto i problemi..io penso che di questo si terrà conto nelle prossime settimane e potrebbe influenzare i mercati

    RispondiElimina
  40. Piazza di Bari quota: invariato per il duro; + 7€./Ton. per il tenero fino;
    + 5 - 7 €./Ton. cruscami di tenero e duro. Qualcosa probabilmente inizia a muoversi!!!!!!!! In bocca al Lupo. ...

    RispondiElimina
  41. La camera di Commercio di Catania inizia il nuovo anno con un miracolo!!!!!!!!!!!
    Qualcuno giustamente si chiederà " di che si tratta " ? Si tratta che in data 13 gennaio 2015 la Cmara di Catania quota con aumento di + 5 €./Ton. rispetto l'8 di gennaio 2015 a sua volta +2,5 €./Ton./il rispetto l'ultima quotazione pre-vacanze natalizie, riassumendo + 7,5 €./Ton.14 rispetto la quotazione di €.300/Ton. pre-natalizia.

    RispondiElimina
  42. A qualcuno che parla di miracolo!!!!!!!!!!! Gli consiglio di connettera il cervello con la scrittura perchè non ho capito una mazza. ... Probabilmente si vuole dire che in data 13 gennaio 2014 ovvero con un giorno di anticipo Catania quota il 14 gennaio 2015 con i seguenti dati:
    07 GEN €/Q.le 30,25
    14 GEN €/Q.le 30,75
    Probabilmente se non ho capito male vuoi dire questo!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  43. Sul duro Milano cede qualcosa. E' l'inizio della fine???!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più probabilmente, è la fine dell'inizio.

      Elimina
  44. Porto di palermo pagano 36

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe utile sapere quanto pagavano prima caro geri...solo cosi puo` comprendersi se il trend e` in aumento o diminuzione!

      Elimina
  45. Secondo quanto pubblicato dal governo della Russia, le esportazioni di grano del Paese saranno gravate del 15% +7,5 €/t. La tassazione totale non potrà essere inferiore a 35 €/t. La tassazione andrà in vigore dal 1° Febbraio fino al 30 Giugno 2015.
    Cosa comporterà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il grano duro, difficile dire, probabilmente un bel niente.
      Si tratta di grano tenero. E non so quanto grano tenero russo venga importato in Italia.
      In ogni caso avevo letto che è da un pezzo che la Russia esporta pochissimo grano, con la svalutazione del rublo e col fatto che il grano è quotato in dollari, tutti quelli che hanno grano in magazzino cercano di tenerselo stretto come bene-rifugio e di non venderlo a nessun prezzo...

      Elimina
  46. Salve a tutti vorrei un parere.
    I primi di Dicembre ho seminato grano duro duilio ora e spuntato tutto e bene ho pensato di buttare 180 kg per ettaro di urea in questi giorni gli può fare bene? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oramai l'hai buttata,o bene o male non puoi più tornarci indietro! io sto usando l'entec...

      Elimina
    2. Male, in linea di massima, non gli fa...
      Però scusa: una domanda così come la tua non ha quasi nessun senso.
      Dovresti dirci perlomeno in che zona ti trovi, la tipologia di terreno, l'altitudine, il clima, che precessione colturale fai, e infine qual è il tuo piano di concimazione... e forse ho dimenticato pure qualcosa.

      Elimina
  47. Novità sul mercato di Foggia???

    RispondiElimina
  48. Fg cala 50 centesimi quintale..

    RispondiElimina
  49. Abbiate pazienza, 5€./Ton. non sono niente al cospetto degli incrementi registrati nel mese di ottobre-novembre. ... Abbiate pazienza e siate coerenti sino alla fine.
    Il tempo è galantuomo non solo, punisce coloro che vogliono speculare sulle spalle dei produttori!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  50. Pazienza? Coerenza??
    Ma tu per caso eri quello che diceva che dopo Natale avrebbe fatto almeno 3-4 euro in più al quintale?

    RispondiElimina
  51. A qualche gufetto gli brucia il culetto!!!!!!!!!!!!!!! Calma ragazzi, non ci facciamo prendere dal panico perchè chi non ha venduto sino adesso evidentemente conosce il fatto suo, o mi sbaglio orzo vestino. ...

    RispondiElimina
  52. Se qualcuno conosce davvero il fatto suo, e lo vuol fare conoscere anche agli altri, non vediamo l'ora!

    RispondiElimina
  53. Una conversazione surreale, quella tra l'anonimo delle 15.33 (al limite del troneggio ...) e orzo vestito. Come diceva il grande Ennio Flaiano, "la situazione è grave, ma non è seria.".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah... bravo Krukko... lo sai che la citazione di Flaiano aumenta smisuratamente la mia stima per te!!!
      (e non sono ironico in questo momento)

      Elimina
  54. Krukko che notizie dai mercati del nord

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, certo se mettevi almeno un nomignolo potevo salutarti di persona. Al Nord il frumento duro è praticamente terminato. Quello che c'è in magazzino è destinato a eseguire contratti già fatti e legati al listino di Bologna. Ho saputo di alcune vendite per merce "normale" (78/12) fatte a 380-390 arrivo molino Nord.
      Per il Centro invece la situazione è diversa. C'è ancora merce e ci sono agricoltori (20%) che non hanno ancora venduto.

      Elimina
  55. calma ragazzi,i giochi non sono ancora fatti........

    RispondiElimina
  56. Campa cavallo che l'erba cresce diceva la buonanima di mio nonno. ...
    Intanto il prezzo scende e noi a questo punto cosa facciamo???????
    Vendiamo o resistiamo.

    RispondiElimina
  57. In Canada I dipartimenti dell'agricoltura delle varie province hanno messo a disposizione degli agricoltori uno strumento per valutare che colture praticare presso la propria azienda sotto forma di foglio di calcolo dove è possibile avere un indicazione di massima della redditività delle varie colture per l'anno in corso sula base dei costi e dei prezzi medi.... il link è:
    http://www.agriculture.gov.sk.ca/Default.aspx?DN=7736bac3-10c3-43b1-a4af-7d4536f3dba2#_ga=1.45117026.75205899.1421268819
    E
    http://www.producer.com/2015/01/cost-of-production-matters-for-2015/

    RispondiElimina
  58. PERCHE' USCITE, DAL SEMINATO?
    Servono notizie perché ciascuno possa decidere se tenere o vendere il proprio raccolto.
    Produttrice foggiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, brava, e già che ci sei comincia a scrivere pure tu le notizie che hai, così non saremo i soli a postare le notizie che riusciamo a trovare.
      Che prezzo ti stanno proponendo? Quanto meno di novembre?

      Elimina
  59. C'è sempre una soluzione diversa....

    http://www.italiaatavola.net/articolo.aspx?id=37636

    RispondiElimina
  60. qui a foggia si parla di 37€ max 37,50 quello pre pioggia... e mi fa molto strano visto che qualcuno ha scritto che a palermo lo pagano 36... di solito c'era sempre una notevole differenza.. a questo punto è in tilt tutto... non si capisce più niente.

    RispondiElimina
  61. Bologna si allinea con Foggia a - 5€./Ton. ovvero da 396-401 €./Ton a 391-396 €./Ton., quotazioni di gran lunga superiori alle miserabili quotazioni di Catania 307,50 €.Ton., cosa dire se non, Vergogna, Vergogna. ... La camera di commercio di Catania va semplicemente chiusa. Vergogna.

    RispondiElimina
  62. Chiuso oggi una metà post pioggia a 38 Ivato, speriamo bene per il futuro

    RispondiElimina
  63. sei fortunato... post pioggia 38 ma dove? io qui a foggia pre pioggia con 80 peso specifico € 37.5 :-(

    RispondiElimina
  64. Vi prego non facciamoci del male tra di noi !!!!è semplicissimo fare una foto della fattura ,coprire le intestazioni e postarla,solo in questo modo ognuno di noi può andare dal proprio commerciante con una prova........

    RispondiElimina
  65. Da oggi più di ieri acquistare grano duro dall'Estero diventa sempre più caro e se pensiamo che si và sul pari euro/dollaro!!!! Mi sà mi sà che chi ha tenuto duro nelle prossime settimane sarà remunerato come merita. Staremo a vedere cosa succede con lo sgancio della banca centrale svizzera dall'euro. ...

    RispondiElimina
  66. Sì consolidano le voci relative alla mancanza di grano duro sui mercati internazionali.
    Dalla Germania però la mancanza di grano duro con previsti aumenti dei prezzi durante il 2015 della materia prima per fare la pasta, pensano di risolverla addirittura con degli enzimi fatti in laboratorio......... assurdo.
    http://mobile.foodnavigator.com/Market-Trends/Durum-shortage-drives-German-firm-to-find-pasta-alternatives#.VLpjlCguJDs
    Altra notizia viene dall'Algeria che ha importato nei primi 11 mesi del 2014 1,83 milioni di tonnellate con un aumento del 70,5% rispetto agli 1,07 milioni di tonnellate del 2013
    http://m.allafrica.com/stories/201501151772.html/

    RispondiElimina
  67. la Camera di Catania riprende leggermente quota dopo aver abbassato le quotazioni a Dicembre per dare l'opportunità agli acquirenti di chiudere i contratti di fine anno a prezzo di favore.
    http://www.ct.camcom.gov.it/quotazione-grano-duro.html

    Una denunzia è stata mandata in Procura, vedremo se accade qualcosa.

    RispondiElimina
  68. Stamane ribasso di 4 cent Agrigento che succede ?

    RispondiElimina
  69. Tucano, è una grande bufala. ... In provincia di agrigento stamane il conto deposito viene licenziato 330 €./Ton ivato. Aggiornati!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.